CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Lavoro economia società, Politica, STORIA

Dall’economia spazzatura a una falsa visione della storia: dove la civiltà occidentale ha preso una svolta sbagliata

di Michael Hudson

Il testo di Michael Hudson è la trascrizione del suo intervento al simposio Costruire ponti. Attorno al lavoro di David Graeber, che si è svolto a Lione in Francia nei giorni 7-8-9 di questo mese, organizzato del Laboratorio Triangle. Di seguito una breve presentazione degli obiettivi del simposio.

David Graeber, Professore di Antropologia alla London School of Economics, scomparso improvvisamente il 2 settembre 2020, durante la sua breve esistenza ha segnato il suo passaggio attraverso la sua creatività scientifica e i suoi contributi originali ai grandi dibattiti pubblici.

Avendo contribuito a un’antropologia che può essere definita politica, dimostrando che la diversità delle organizzazioni sociali rivelata dalle indagini etnografiche apre l’idea di una pluralità di possibilità e quindi la prospettiva di una società più egualitaria e democratica, è diventato una importante figura intellettuale della sinistra libertaria.

Il suo lavoro, associato al suo coinvolgimento nei movimenti politici di protesta transnazionali, sono la fonte della sua forte visibilità pubblica. Ma le sue opere più accademiche costituiscono anche importanti contributi alle scienze sociali: l’etnografia del Madagascar, l’antropologia della magia, la natura della regalità, la conoscenza delle società preistoriche, tra gli altri. Sono spesso attraversati anche da riflessioni filosofiche ed epistemologiche della storia delle idee nelle scienze sociali, come illustrato dai suoi testi sulle concezioni del valore.

David Graeber

Il suo intervento anche nell’ambito degli effetti della crisi finanziaria degli anni 2008 con la pubblicazione nel 2011 del suo libro Debt, The first 5000 Years, ha messo in discussione drasticamente i dogmi delle istituzioni monetarie ed economiche alla luce della profondità storica e antropologica delle pratiche monetarie, un’opera che avrà ripercussioni a livello mondiale. L’ambizione di questo libro è importante nella misura in cui la sua tesi trasversale è che il debito e le pratiche e istituzioni monetarie ad esso collegate costituiscono per esso la relazione sociale fondamentale. Questa tesi differisce in primo luogo dagli approcci – quelli di alcune tradizioni dell’antropologia economica e dell’economia – che si concentrano sullo scambio e sul mercato. Allo stesso modo, considerando il debito e le istituzioni monetarie come una delle principali strutture di dominio, differisce anche dagli approcci, perpetuati dalla tradizione marxista.

In sintonia con il suo tempo, dove la diffusione delle idee è ampiamente pubblicizzata dai social network, avrà ripercussioni mondiali uno dei suoi articoli più originali, On the Phenomenon of Bullshit Jobs, A Work Rant   pubblicato nel 2013, in cui difende una tesi che farà anche parte dei suoi ultimi lavori:  Burocracy, The Utopy of Rules, nel 2015, e Bullshit Jobs, nel 2018. Il talento di Graeber sta in particolare nel suo modo di trasformare alcune idee ben consolidate nelle rappresentazioni del sistema economico contemporaneo, dimostrando che la presunta efficienza dell’economia di mercato si basa infatti meno su meccanismi veramente liberali che su un processo di crescente burocratizzazione sulla base di un’alleanza tra Stato e poteri economici a beneficio di pochi (l’“1%” dei più ricchi). L’economia, sempre più finanziarizzata e segnata dalla crescita delle disuguaglianze reddituali e patrimoniali, è caratterizzata anche dal moltiplicarsi delle fasce occupazionali (spesso le più retribuite) che rispondono al rafforzamento dei meccanismi gestionali. La tesi dei “lavori di merda” — questi lavori ritenuti inutili dai dipendenti che li svolgono, e che si stanno moltiplicando nell’ambito del processo di burocratizzazione in tutte le sfere della società, dalle imprese, alle organizzazioni pubbliche, ai campi creativi – riemerse durante la crisi covid nel 2020 sotto il tema dei lavori essenziali e non essenziali. Questo dibattito ha fatto eco anche al lavoro antropologico di Graeber sulla contrapposizione tra i principi delle “società commerciali” e delle “società umane” (le cui attività sono orientate alla vita umana e alle relazioni sociali, la cura , le arti, i giochi…) nella storia dell’umanità.

Secondo una formula che Jean-Michel Servet aveva usato nel suo tributo dopo la sua morte, “David Graeber era un contrabbandiere”. Primo, un passante tra le discipline. Gli dobbiamo anzitutto di aver accresciuto la visibilità dell’antropologia nelle scienze sociali e di aver mostrato come essa potrebbe alimentare riflessioni sull’organizzazione sociale, le forme di azione, l’immaginazione di alternative, ecc. e influenzare altre discipline, come l’economia, la sociologia o scienze politiche, con particolare riguardo alle questioni monetarie, ai problemi del lavoro e alla crisi della democrazia. Fu anche un ponte tra azione e riflessione (e inoltre scrisse su questo argomento) e questo in due sensi: il suo approccio testimonia che ha difeso una democrazia epistemica, l’idea che la conoscenza del sociale debba basarsi sull’esperienza degli attori e sulle loro storie (che ovviamente possono essere legate al metodo etnografico, da cui il suo interesse per i social network) o sul valore epistemico della cultura popolare (fantascienza, serie, musica pop); e che la conoscenza prodotta dalle scienze sociali aveva una vocazione strumentale, vale a dire che doveva costituire una forza immaginativa e trasformatrice a favore di una società veramente democratica.

L’obiettivo di questo simposio è onorare, mettendo in discussione, il desiderio di David Graeber di costruire ponti tra le scienze sociali e tra scienza e azione per una società più democratica e più umana. Per questo, riunirà i contributi delle varie discipline sfidate dal lavoro di Graeber: antropologia, sociologia, economia, scienze politiche, filosofia sociale, in particolare. Tali contributi possono rientrare in un determinato ambito disciplinare (Antropologia, Scienze Politiche, Economia, ecc.) o, sulla base di un determinato argomento (democrazia, lavoro, debito, ecc.), affrontarlo in una prospettiva transdisciplinare.

Può sembrare strano invitare un economista a tenere un discorso programmatico a un convegno di scienze sociali. Gli economisti sono stati caratterizzati come autistici e antisociali dalla stampa popolare per una buona ragione. Sono addestrati a pensare in modo astratto e utilizzare la deduzione a priori, in base a come pensano che le società dovrebbero svilupparsi. Gli economisti tradizionali odierni considerano la privatizzazione neoliberista e gli ideali di libero mercato come fattori che portano il reddito e la ricchezza della società a stabilizzarsi a un equilibrio ottimale senza alcun bisogno di regolamentazione del governo, specialmente nei campi del credito e del debito.

L’unico ruolo riconosciuto al governo è quello di far rispettare la “santità dei contratti” e la “sicurezza della proprietà”. Con questo intendono l’esecuzione di contratti di debito, anche quando la loro esecuzione espropria un gran numero di proprietari di case indebitati e altri proprietari di immobili. Questa è la storia di Roma. Oggi stiamo assistendo alla stessa dinamica del debito all’opera. Eppure questo approccio di base ha portato gli economisti tradizionali a insistere sul fatto che la civiltà avrebbe potuto e avrebbe dovuto seguire questa politica a favore dei creditori sin dall’inizio.

La realtà è che la civiltà non sarebbe mai potuta decollare se qualche economista del libero mercato fosse entrato in una macchina del tempo e avesse viaggiato indietro nel tempo di cinquemila anni fino al Neolitico e all’Età del Bronzo. Supponiamo che avrebbe convinto gli antichi capi o governanti a organizzare il loro commercio, denaro e proprietà terriera sulla base dell’”avidità è buona” e qualsiasi regolamentazione pubblica è cattiva.
Se qualche Milton Friedman o Margaret Thatcher avessero persuaso i sovrani sumeri, babilonesi o altri antichi a seguire la filosofia neoliberista di oggi, la civiltà non avrebbe potuto svilupparsi. Le economie si sarebbero polarizzate, come ha fatto Roma e come stanno facendo le economie occidentali di oggi. I cittadini sarebbero scappati, oppure avrebbero appoggiato un riformista o un rivoluzionario locale per rovesciare il sovrano che ascoltava tali consigli economici. Oppure avrebbero disertato per rivaleggiare con aggressori che avevano promesso di cancellare i loro debiti, liberare i servi e ridistribuire la terra.

Eppure molte generazioni di linguisti, storici e persino antropologi hanno assorbito la visione del mondo individualistica antisociale della disciplina economica e immaginano che il mondo debba essere sempre stato così. Molti di questi non economisti hanno inconsapevolmente adottato i loro pregiudizi e si sono avvicinati alla storia antica e moderna con un pregiudizio. Il nostro discorso quotidiano è così bombardato dall’insistenza dei recenti politici americani che il mondo si divide tra “democrazia” con “liberi mercati” e “autocrazia” con regolamentazione pubblica e che c’è molta fantasia all’opera sulla civiltà primitiva.

David Graeber e io abbiamo cercato di espandere la coscienza di quanto fosse diverso il mondo prima che la civiltà occidentale prendesse la via romana delle oligarchie pro-creditorie invece delle economie sontuose che proteggevano gli interessi della popolazione indebitata in generale. All’epoca in cui pubblicò il suo Debt: The First Five Thousand Years nel 2011, il mio gruppo di assiriologi, egittologi e archeologi di Harvard stava ancora scrivendo la storia economica del Vicino Oriente antico in un modo radicalmente diverso da come la maggior parte del pubblico immaginava che fosse accaduto. L’enfasi di David e mia su come i proclami reali di Clean Slate che cancellano i debiti, liberano i servi e ridistribuiscono la terra fossero un ruolo normale e previsto dei governanti mesopotamici e dei faraoni egiziani non era ancora creduto in quel momento.

Il libro di David Graeber ha riassunto la mia indagine sulla cancellazione del debito reale nel Vicino Oriente antico per mostrare che il debito fruttifero era originariamente adottato con controlli e contrappesi per evitare che polarizzasse la società tra creditori e debitori. In effetti, ha sottolineato che le tensioni create dall’emergere della ricchezza monetaria nelle mani delle persone hanno portato a una crisi economica e sociale che ha plasmato l’emergere dei grandi riformatori religiosi e sociali.

Come ha riassunto “il periodo centrale dell’età assiale di Jasper …” corrisponde quasi esattamente al periodo in cui è stata inventata la monetazione. Inoltre, le tre parti del mondo in cui furono inventate le monete per la prima volta erano anche le stesse parti del mondo in cui vivevano quei saggi; divennero, infatti, gli epicentri della creatività religiosa e filosofica dell’età assiale. Buddha, Lao-Tzu e Confucio cercarono tutti di creare un contesto sociale in cui inserire l’economia. Non c’era il concetto di lasciare che i “mercati funzionassero” per allocare ricchezza e reddito senza alcuna idea di come sarebbero stati spesi ricchezza e reddito.

Tutte le società antiche avevano una sfiducia nei confronti della ricchezza, soprattutto monetaria e finanziaria in mano ai creditori, perché generalmente tendeva ad essere accumulata a spese della società in generale. Gli antropologi hanno scoperto che questa è una caratteristica delle società a basso reddito in generale.

Toynbee ha caratterizzato la storia come una lunga dinamica dispiegata di sfide e risposte alle preoccupazioni centrali che modellano le civiltà. La sfida principale è stata di carattere economico: chi trarrà vantaggio dalle eccedenze ottenute man mano che il commercio e la produzione aumentano di scala e diventano sempre più specializzati e monetizzati. Soprattutto, come organizzerebbe la società il credito e il debito necessari per la specializzazione delle attività economiche – e tra funzioni “pubbliche” e “private”?

Quasi tutte le prime società avevano un’autorità centrale incaricata di distribuire il modo in cui il surplus veniva investito in modo da promuovere il benessere economico generale. La grande sfida era impedire che il credito portasse al pagamento dei debiti in un modo che impoverisse la cittadinanza, ad esempio attraverso il debito personale e l’usura – e più della perdita temporanea della libertà (dalla schiavitù o dall’esilio) o dei diritti di proprietà fondiaria.

Il grande problema che il Vicino Oriente dell’età del bronzo ha risolto — ma l’antichità classica e la civiltà occidentale non hanno risolto — era come far fronte al pagamento dei debiti, soprattutto a interessi senza polarizzare le economie tra creditori e debitori e, infine, impoverendo l’economia riducendo la maggior parte della popolazione alla dipendenza dal debito. I mercanti si dedicavano al commercio, sia per se stessi che come agenti per i governanti di palazzo. Chi otterrebbe i profitti? E come verrebbe erogato il credito ma mantenuto in linea con la possibilità di essere erogato?

Teorie pubbliche e private sull’origine della proprietà fondiaria

Le società antiche poggiavano su una base agricola. Il primo e più fondamentale problema da risolvere per la società era come assegnare la proprietà della terra. Anche alle famiglie che vivevano in città che venivano costruite intorno a templi e centri civili, cerimoniali e amministrativi, veniva assegnata una terra di autosostegno, proprio come i russi hanno le dacie, dove la maggior parte del loro cibo veniva coltivato in epoca sovietica.

Nell’analizzare le origini della proprietà fondiaria, come ogni fenomeno economico, troviamo due approcci. Da un lato c’è uno scenario in cui la terra viene assegnata dalla comunità in cambio di obblighi di lavoro corvée e servizio militare. D’altra parte è uno scenario individualistico in cui la proprietà fondiaria ha origine da individui che agiscono spontaneamente da soli sgombrando la terra, facendone propria proprietà e producendo artigianato o altri prodotti (anche metallo da usare come denaro!) da scambiare tra loro.

Quest’ultima visione individualistica del possesso della terra è stata resa popolare da quando John Locke ha immaginato individui che si preparavano a ripulire la terra — apparentemente terra boscosa libera — con il proprio lavoro (e presumibilmente quello delle loro mogli). Quello sforzo ha stabilito la loro proprietà e la resa del raccolto. Alcune famiglie avrebbero più terra di altre, o perché erano più forti nello sgomberarla o perché avevano una famiglia più numerosa che le aiutasse. E c’era abbastanza terra perché tutti potessero sgombrare il terreno per piantare raccolti.

In quest’ottica non c’è bisogno del coinvolgimento di alcuna comunità, nemmeno per proteggersi dagli attacchi militari – o per l’aiuto reciproco in caso di inondazioni o altri problemi. E non c’è bisogno di coinvolgere il credito, sebbene nell’antichità questa fosse la leva principale che distorceva la distribuzione della terra trasferendone la proprietà a ricchi creditori.

Ad un certo punto della storia, a dire il vero, questa teoria vede i governi entrare nel quadro. Forse presero la forma di eserciti invasori, ed è così che gli antenati normanni dei proprietari terrieri ai tempi di John Locke acquisirono terra inglese. E come in Inghilterra, i governanti avrebbero costretto i proprietari terrieri a pagare parte dei loro raccolti in tasse e a prestare il servizio militare. In ogni caso, il ruolo del governo è stato riconosciuto solo come “interferenza” con il diritto del coltivatore di utilizzare il raccolto come meglio credeva, presumibilmente per scambiare le cose di cui aveva bisogno, fatte dalle famiglie nelle proprie officine.

Il mio gruppo di assiriologi, egittologi e archeologi sponsorizzato da Harvard ha trovato una genesi completamente diversa del possesso della terra. I diritti sulla terra sembrano essere stati assegnati in appezzamenti standardizzati in termini di resa del raccolto. Per fornire cibo a questi membri della comunità, le comunità del tardo neolitico e della prima età del bronzo dalla Mesopotamia all’Egitto assegnarono terreni alle famiglie in proporzione a ciò di cui avevano bisogno per vivere e quanto potevano consegnare alle autorità del palazzo.

Questa rendita fiscale versata ai collezionisti di palazzo era la rendita economica originaria. Il possesso della terra rientrava in un quid pro quo, con l’obbligo fiscale di fornire servizi di lavoro in determinati periodi dell’anno e di prestare servizio militare. Quindi è stata la tassazione a creare i diritti di proprietà fondiaria, non il contrario. La terra era di carattere sociale, non individualista. E il ruolo del governo era quello di coordinatore, organizzatore e pianificatore, non solo predatorio ed estrattivo.

Origini del denaro pubbliche e private

In che modo le prime società organizzavano lo scambio di raccolti con prodotti e, cosa più importante, per pafavano tasse e debiti? Era semplicemente un mondo spontaneo di individui “autotrasportatori e baratti”, come diceva Adam Smith? I prezzi senza dubbio sarebbero variati radicalmente poiché gli individui non avevano alcun riferimento di base al costo di produzione o al grado di bisogno. Cosa è successo quando alcuni individui sono diventati commercianti, prendendo ciò che hanno prodotto (o prodotti di altre persone in conto deposito) per realizzare un profitto. Se percorrevano grandi distanze, erano necessarie roulotte o navi e la protezione di grandi gruppi? Tali gruppi sarebbero stati protetti dalle loro comunità? Domanda e offerta hanno avuto un ruolo? E, cosa più importante, in che modo il denaro è emerso come denominatore comune per fissare i prezzi di ciò che veniva scambiato o pagato con le tasse e per saldare i debiti?

Un secolo dopo Adam Smith, l’economista austriaco Anton Menger sviluppò una fantasia su come e perché gli antichi avrebbero preferito mantenere i propri risparmi sotto forma di metalli, principalmente argento ma anche rame, bronzo o oro. Si diceva che il vantaggio del metallo fosse che non si deteriorava (a differenza del grano portato in tasca, per esempio). Si presumeva inoltre che fosse di qualità uniforme. Quindi pezzi di denaro metallico divennero gradualmente il mezzo con cui altri prodotti venivano misurati mentre venivano barattati in cambio in mercati in cui i governi non avevano alcun ruolo!

Il fatto che questa teoria austriaca sia stata insegnata ormai da quasi un secolo e mezzo è un’indicazione di come gli economisti creduloni siano disposti ad accettare una fantasia in contrasto con tutti i documenti storici provenienti da ogni parte della storia mondiale registrata. Per cominciare, l’argento e altri metalli non sono affatto di qualità uniforme. La contraffazione è antica, ma le teorie individualistiche ignorano il ruolo della frode e, quindi, la necessità che l’autorità pubblica la prevenga. Quel punto cieco è il motivo per cui il presidente della Federal Reserve statunitense Alan Greenspan era così impreparato ad affrontare la massiccia crisi delle banche dei mutui spazzatura che ha raggiunto il picco nel 2008. Ovunque sia coinvolto denaro, la frode è onnipresente.

Questo è ciò che accade nei mercati non regolamentati, come possiamo vedere dalle frodi bancarie di oggi, dall’evasione fiscale e dalla criminalità che paga molto, molto bene. Senza un governo forte che protegga la società dalla frode, dalle violazioni della legge, dall’uso della forza e dallo sfruttamento, le società si polarizzeranno e diventeranno più povere. Per ovvie ragioni, i beneficiari di queste prese cercano di indebolire il potere normativo e la capacità di prevenire tale grattazione.

Per evitare frodi monetarie, le monete d’argento e successivamente d’oro dalla Mesopotamia dell’età del bronzo fino alla Grecia classica e a Roma furono coniate nei templi per santificare la loro qualità standardizzata. Ecco perché la nostra parola per denaro viene dal tempio romano di Giunone Moneta, dove fu coniata la moneta di Roma. Migliaia di anni prima che fosse coniato il lingotto, veniva fornito in strisce di metallo, bracciali e altre forme coniate nelle aste, a proporzioni di lega standardizzate.

La purezza dei metalli non è l’unico problema con l’utilizzo di lingotti. Il problema immediato che avrebbe dovuto affrontare chiunque cambiasse prodotti con argento è come pesare e misurare ciò che veniva acquistato e venduto, e anche come pagare tasse e debiti. Da Babilonia alla Bibbia troviamo denunce contro i mercanti che usano pesi e misure false. Le tasse implicano un ruolo di governo e in tutte le società arcaiche erano i templi a vigilare sui pesi e sulle misure, nonché sulla purezza dei metalli. E la denominazione di pesi e misure ne indica l’origine nel settore pubblico: frazioni divise in 60esimi in Mesopotamia, e 12esimi a Roma.

Il commercio degli elementi essenziali di base aveva standardizzato i prezzi o i pagamenti consuetudinari ai palazzi o ai templi. Le tasse e i debiti erano i più importanti utilizzati per il denaro. Ciò riflette il fatto che il “denaro” sotto forma di merci designate era necessario principalmente per pagare le tasse o acquistare prodotti dai palazzi o dai templi e, alla fine della stagione del raccolto, per pagare i debiti per saldare tali acquisti.

Il mainstream economico neoliberista di oggi ha creato una favola sulla civiltà esistente senza alcun controllo normativo o ruolo produttivo per il governo e senza alcuna necessità di imporre tasse per fornire servizi sociali di base come l’edilizia pubblica o persino il servizio militare. Non è necessario prevenire le frodi, il sequestro violento di proprietà o la perdita dei diritti di proprietà fondiaria ai creditori a causa di debiti. Ma come notò Balzac, la maggior parte delle grandi fortune di famiglia sono state il risultato di qualche grande furto, perso nella notte dei tempi e legittimato nel corso dei secoli, come se fosse tutto naturale.

Questi punti ciechi sono necessari per difendere l’idea del “libero mercato” controllato dai ricchi, soprattutto dai creditori. Si dice che questo sia il migliore e il modo in cui la società dovrebbe essere gestita. Ecco perché la Nuova Guerra Fredda di oggi viene combattuta dai neoliberisti contro il socialismo, combattuta con violenza, escludendo lo studio della storia dal curriculum accademico di economia e quindi dalla coscienza del pubblico in generale. Come ha detto Rosa Luxemburg, la lotta è tra socialismo e barbarie.

Origini pubbliche e private del debito fruttifero

I tassi di interesse sono stati regolati e stabili per molti secoli e secoli. La chiave era la facilità di calcolo: 10°, 12° o 60°.

Gli scribi babilonesi furono addestrati a calcolare qualsiasi tasso di interesse come tempo di raddoppio. I debiti sono cresciuti esponenzialmente; ma agli studenti degli scribi veniva insegnato anche che le mandrie di bovini e altra produzione economica materiale si assottigliavano in una curva a S. Ecco perché l’interesse composto era proibito. Era anche il motivo per cui era necessario cancellare periodicamente i debiti.

Se i governanti non avessero cancellato i debiti, il decollo del mondo antico avrebbe subito prematuramente il tipo di declino e caduta che impoverì i cittadini di Roma e portò al declino e alla caduta della sua Repubblica, lasciando un sistema legale di leggi pro-creditore a plasmare la successiva civiltà occidentale .

Cosa rende la civiltà occidentale distintamente occidentale? È stata tutta una deviazione?

La civiltà non avrebbe potuto svilupparsi se un moderno Milton Friedman o un suo parente vincitore del Premio Nobel per l’Economia fossero tornati indietro nel tempo e avessero convinto Hammurabi o il faraone egiziano a lasciare che gli individui agissero da soli e che i ricchi creditori riducessero i debitori alla schiavitù — e poi a usare il loro lavoro come esercito per rovesciare i re e assumere il governo per se stessi, creando un’oligarchia in stile romano. Questo è ciò che le famiglie bizantine hanno cercato di fare nel IX e X secolo.

Se i ragazzi della “libera impresa” avessero fatto a modo loro non ci sarebbe stato il conio del tempio o la supervisione di pesi e misure. La terra apparterrebbe a chiunque potesse afferrarla, precluderla o conquistarla. L’interesse avrebbe permesso qualunque cosa a un ricco mercante di poter costringere a pagare un coltivatore bisognoso. Ma per gli economisti, tutto ciò che accade è una questione di “scelta”. Come se non ci fosse un’assoluta necessità: mangiare o pagare.

Un premio Nobel economico è stato assegnato a Douglass North per aver affermato che il progresso economico oggi e in effetti nel corso di tutta la storia si è basato sulla “sicurezza dei contratti” e sui diritti di proprietà. Con questo si intende la priorità dei creditori di precludere la proprietà dei debitori. Questi sono i diritti di proprietà per creare latifondi e ridurre le popolazioni alla schiavitù del debito.

Nessuna civiltà arcaica sarebbe sopravvissuta a lungo seguendo questo percorso. E Roma non è sopravvissuta istituendo quella che è diventata la caratteristica distintiva della civiltà occidentale: dare il controllo del governo e della sua regolamentazione a una ricca classe di creditori che monopolizza la terra e la proprietà.

Se una società antica lo avesse fatto, la vita economica si sarebbe impoverita. La maggior parte della popolazione sarebbe scappata. Altrimenti, l’élite della Thatcherite/Chicago School sarebbe stata rovesciata. Le famiglie benestanti che hanno sponsorizzato questa acquisizione sarebbero state esiliate, come accadde in molte città greche nel VII e VI secolo a.C. Oppure, popolazioni scontente se ne sarebbero andate e/o avrebbero minacciato di disertare davanti a truppe straniere promettendo di liberare i servi, cancellare i loro debiti e ridistribuire la terra, come accadde con le Secessioni della Plebe di Roma nel V e IV secolo a.C.

Quindi siamo riportati al punto di David Graeber secondo cui i grandi riformatori dell’Eurasia sono cresciuti nello stesso momento in cui le economie sono state monetizzate e sempre più privatizzate – un’epoca in cui le famiglie benestanti stavano aumentando la loro influenza sul modo in cui venivano gestite le città-stato. Non solo i grandi riformatori religiosi, ma anche i principali filosofi, poeti e drammaturghi greci hanno spiegato come la ricchezza crei dipendenza e porti a un’arroganza che li porta a cercare la ricchezza in modi che danneggiano gli altri.

Esaminando l’arco della storia antica, possiamo vedere che l’obiettivo principale dei governanti da Babilonia all’Asia meridionale e orientale era impedire l’emergere di un’oligarchia mercantile e creditoria e concentrare la proprietà della terra nelle proprie mani. Il loro piano aziendale implicito era quello di ridurre la popolazione in generale alla clientela, alla servitù per debiti e alla servitù della gleba.

Così è successo in Occidente, a Roma. E stiamo ancora vivendo nel dopo. In tutto l’Occidente oggi, il nostro sistema legale rimane a favore del creditore, non a favore della popolazione indebitata in generale. Questo è il motivo per cui i debiti personali, i debiti aziendali, i debiti pubblici e i debiti internazionali dei paesi del Sud del mondo sono aumentati fino a condizioni di crisi che minacciano di bloccare le economie in una prolungata deflazione e depressione del debito.

È stato per protestare contro questo che David ha contribuito a organizzare Occupy Wall Street. È ovvio che abbiamo a che fare non solo con un settore finanziario sempre più aggressivo, ma che ha creato una falsa storia, una falsa coscienza progettata per scoraggiare la rivolta affermando che non esiste alternativa (TINA).

Dove la civiltà occidentale ha sbagliato

Abbiamo due scenari diametralmente opposti che descrivono come sono nate le relazioni economiche più elementari. Da un lato, vediamo società del Vicino Oriente e dell’Asia organizzate per mantenere l’equilibrio sociale mantenendo i rapporti di debito e la ricchezza mercantile subordinati al benessere pubblico. Quell’obiettivo caratterizzava la società arcaica e le società non occidentali.

Ma la periferia occidentale, nell’Egeo e nel Mediterraneo, mancava della tradizione del Vicino Oriente della “regalità divina” e delle tradizioni religiose asiatiche. Questo vuoto ha consentito a una ricca oligarchia di creditori di prendere il potere e di concentrare la proprietà della terra e della proprietà nelle proprie mani. Ai fini delle pubbliche relazioni, ha affermato di essere una “democrazia” e ha denunciato qualsiasi regolamentazione protettiva del governo come, per definizione, “autocrazia”.

La tradizione occidentale manca infatti di una politica che subordini la ricchezza alla crescita economica complessiva. L’Occidente non ha forti controlli governativi per impedire che un’oligarchia dipendente dalla ricchezza emerga per trasformarsi in un’aristocrazia ereditaria. Trasformare debitori e clienti in una classe ereditaria, dipendente da ricchi creditori, è ciò che gli economisti di oggi chiamano “libero mercato”. È uno senza controlli e contrappesi pubblici contro la disuguaglianza, la frode o la privatizzazione del pubblico dominio.

Può sembrare sorprendente per qualche futuro storico che i leader politici e intellettuali del mondo di oggi abbiano fantasie neoliberiste così individualistiche che la società arcaica “dovrebbe” essersi sviluppata in questo modo — senza riconoscere che questo è il modo in cui la Repubblica oligarchica di Roma si è effettivamente sviluppata, portando al suo inevitabile declino e caduta.

Cancellazione dei debiti dell’età del bronzo e moderna dissonanza cognitiva

Quindi siamo ricondotti al motivo per cui sono stato invitato a parlare qui oggi. David Graeber ha scritto nel suo libro Debt che stava cercando di rendere popolare la documentazione del mio gruppo di Harvard secondo cui le cancellazioni di debiti esistevano davvero e non erano semplicemente esercizi utopici letterari. Il suo libro ha contribuito a rendere il debito un problema pubblico, così come i suoi sforzi nel movimento Occupy Wall Street.

L’amministrazione Obama ha appoggiato la polizia che ha demolito gli accampamenti di OWS e ha fatto tutto il possibile per distruggere la consapevolezza dei problemi di debito che affliggono gli Stati Uniti e le economie straniere. E non solo i media mainstream, ma anche l’ortodossia accademica hanno fatto il giro dei loro carri anche contro il pensiero che i debiti potessero essere cancellati e in effetti dovevano essere cancellati per evitare che le economie cadessero in depressione.

Quell’etica neoliberista pro-creditore è la radice della Nuova Guerra Fredda di oggi. Quando il presidente Biden descrive questo grande conflitto mondiale volto a isolare Cina, Russia, India, Iran e i loro partner commerciali eurasiatici, lo caratterizza come una lotta esistenziale tra “democrazia” e “autocrazia”.

Con “democrazia” intende l’oligarchia. E per “autocrazia” si intende qualsiasi governo abbastanza forte da impedire a un’oligarchia finanziaria di prendere il controllo del governo e della società e di imporre regole neoliberiste — con la forza. L’ideale è fare in modo che il resto del mondo assomigli alla Russia di Boris Eltsin, dove i neoliberisti americani hanno avuto mano libera nell’eliminare ogni proprietà pubblica di terra, diritti minerari e servizi pubblici di base.

FONTE: https://www.acro-polis.it/2022/07/11/dalleconomia-spazzatura-a-una-falsa-visione-della-storia-dove-la-civilta-occidentale-ha-preso-una-svolta-sbagliata/

su Michael Hudson: https://www.acro-polis.it/author/michael-hudson/

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

DOPO COVID-19

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Unisciti ad altri 1.767 follower

Blog Stats

  • 1.295.822 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 

cambiailmondo2012@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: