Ukraina

Non temere di essere dichiarato un “traditore della patria”

“Dove siete stati per otto anni?” è la domanda che la propaganda russa ripete ossessivamente. Andrij Movčan, giornalista ed attivista di sinistra ucraino, racconta la sua lotta contro l’estrema destra e l’emigrazione, ed invita la sinistra russa a prendere posizione contro la guerra

8 giugno 2022

Andrij Movčan

La domanda “Dove siete stati negli ultimi 8 anni” è ancora, dopo mesi di guerra devastante, una delle più importanti tematiche utilizzate dalla propaganda russa. Questa domanda retorica sottintende che coloro che oggi si oppongono alla guerra hanno preferito non notare la violenta repressione del dissenso e l’ascesa dell’estrema destra in corso nella stessa Ucraina. Sappiamo bene che il movente degli “ultimi 8 anni” è basato sulla menzogna e sulla sostituzione di concetti: una violenza subita non può essere il pretesto per un’altra inflitta (oltretutto su scala molto più ampia), e migliaia di vittime non possono essere ripagate da decine di migliaia. Eppure, questo articolo dell’antifascista e socialista ucraino Andrij Movčan è di grande importanza, poiché è rivolto principalmente a quella parte del pubblico russo (compresa parte della sinistra), che cerca di giustificare il proprio conformismo usando pretesti come “gli 8 anni” oppure “entrambe le parti sono da biasimare”.

Ho ricevuto la notizia dell’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina verso le cinque del mattino del 24 febbraio, svegliandomi da un sonno inquieto. Non sono stati suoni di sirene o esplosioni a svegliarmi, ma il rumore del primo treno della metropolitana, che a quell’ora inizia a correre tra le stazioni di Barcellona. Da più di sette anni vivo lontano dalla mia nativa Kiev, sei dei quali in Catalogna. Sono un emigrato politico. Alla fine del 2014 ho dovuto lasciare il mio paese a causa della mia posizione contro la guerra. Perché non ero d’accordo con la soluzione militare del conflitto nel Donbass. Per molti miei compatrioti, ex amici, colleghi, conoscenti, io sono un traditore della patria.

Quindici anni fa, dopo aver aderito al movimento della sinistra, non potevo nemmeno immaginare dove questa strada avrebbe condotto me e i miei pochi compagni. Anche in quei lontani giorni di pace per un giovane diventare comunista o socialista in Ucraina era una scelta decisamente anticonformista, una sfida al mainstream anticomunista, che già allora occupava una posizione dominante. Una tale scelta non prometteva altro che problemi. Tuttavia, ancora non avevamo intuito quali.

La loro vera portata ha cominciato a emergere nei primi anni successivi al 2010: una crescita spasmodica dell’estrema destra stava letteralmente avvenendo davanti ai nostri occhi. E noi, una manciata di attivisti di sinistra, siamo stati i primi ad essere esposti alla violenza di queste formazioni. Quando le bande di estrema destra non si erano neanche sentite nominare in Donbass o in Crimea, noi conoscevamo queste persone di vista ed eravamo quasi gli unici che cercavano di attirare l’attenzione su questo problema e in qualche modo resistervi.

Negli ultimi quattro anni della mia vita in Ucraina, io (da solo o in gruppo con i compagni) ho subito una decina di attacchi di strada da parte di estremisti di destra. Alcuni di loro sono finiti in rianimazione. I fotografi mi chiedono ancora dove mi sono rotto il naso; i dentisti sono interessati a come mi sono frantumato i denti; i parrucchieri si sorprendono di trovarmi cicatrici da oggetti metallici sul cranio. Era il terrore. Siamo stati fisicamente allontanati dalla strada.

Per ovvie ragioni, non ho accettato il Maidan. Perché conoscevo di persona i suoi promotori e che tipo di valori condividevano queste persone. Inoltre, non mi facevo illusioni su cosa avrebbe riservato il futuro nella nuova Ucraina a coloro che condividevano idee comuniste. Andava molto male. Da quando la Russia ha annesso la Crimea, è andata anche peggio.

Mi sono reso conto con orrore di quale vaso di Pandora era stato aperto. Naturalmente, sapevo che i russi di Crimea si erano avvicinati alla Russia per 25 anni non avendo mai percepito lo stato ucraino come casa loro. Quello che è successo non è stata una sorpresa. Mi spaventava capire in che modo le perdite territoriali avrebbero esacerbato il problema del nazionalismo in Ucraina. Quanto questo avrebbe complicato la già deplorevole situazione di tutte le opposizioni, soprattutto di sinistra. Da quel momento chiunque criticasse il nazionalismo, chiunque criticasse il nuovo governo, e ancor di più chiunque osasse balbettare qualcosa sul diritto all’autodeterminazione degli abitanti della Crimea, avrebbe potuto essere dichiarato un “traditore della patria”. Non solo avrebbe potuto… è stato dichiarato tale.

L’annessione della Crimea ha complicato radicalmente la vita di quegli ucraini che non volevano accettare il nuovo ordine. Ognuno di noi ha dovuto affrontare una scelta: come bisognava reagire a quello che era successo? Inchinarsi davanti ai nazionalisti per la Crimea, o rimanere fedeli ai propri ideali e subire il marchio dei traditori della patria e dei perseguitati? Per me ho scelto la seconda via.

Alla Crimea è seguito il Donbass. E questo ha ulteriormente aggravato la nostra situazione. Ogni ucraino di sinistra doveva darsi una risposta alla domanda: come descrivere questa guerra? Era difficile per me rendermi conto che la logica dei processi era quella di un conflitto territoriale. Se il Donbass fosse rimasto parte dell’Ucraina, sarebbe inevitabilmente diventato il cuore dell’opposizione e del movimento di protesta dei lavoratori industriali. Il Donbass sarebbe diventato la base sociale delle forze di sinistra, avrebbe fatto pressione sul governo di Kiev e con i suoi voti avrebbe minato l’egemonia dei partiti filoccidentali di destra. Invece, la regione stava volando a tutta velocità verso il suo stato attuale: distrutto, deindustrializzato, un simbolo dell’irredentismo russo in balia della guerra e dell’odio nazionale.

I nostri desideri e le nostre speranze raramente coincidono con quanto poi accade realmente. Questo è successo anche con il Donbass. Avevo la sensazione che il Donbass, lasciando l’Ucraina, stesse lasciando altri lavoratori ucraini faccia a faccia con il governo neoliberista, dipendente dall’Occidente e i suoi fedeli cani da guardia delle bande di estrema destra. Ma avrei mai potuto accogliere con favore lo strangolamento militare del Donbass dissidente? No.

Ero profondamente disgustato dai leader della rivolta nel Donbass. Ero disgustato dal loro nazionalismo russo, dalla loro manifesta ucrainofobia, dal loro disprezzo per la lingua ucraina, che è la mia lingua madre. Ero disgustato dalla diffusa e volgare concezione del passato sovietico come proiezione della grande potenza russa. Era disgustoso non solo dal punto di vista politico, ma anche dal punto di vista estetico. Tuttavia, non ho ritenuto possibile per me schierarmi dalla parte del governo ucraino e dei nazionalisti. Perché lo stato ucraino, a mio avviso, aveva assunto un ruolo repressivo del dissenso nei confronti dei suoi propri cittadini.

Come comunista e come ucraino, ho deciso che il mio dovere in quella situazione era quello di criticare il mio governo, l’esercito e il nazionalismo. Qualcuno deve rendere noti alla società anche i fatti più spiacevoli. Che dall’altra parte del fronte ci sono più nostri concittadini ucraini che soldati e mercenari russi. Che l’artiglieria sta bombardando le zone residenziali. Che l’esercito ucraino nel Donbass non viene accolto con mazzi di fiori. Che i battaglioni di volontari commettono atrocità sui civili. Che i membri del governo si arricchiscono in guerra. Che il nemico principale è nel nostro stesso paese.

Potete immaginare cosa possa significare una tale posizione in una società che sta soffrendo un dolore all’arto fantasma a causa delle perdite territoriali. La mia carriera giornalistica era finita. Gli ex amici si sono affrettati a rinnegarmi. Ho perso tutto il capitale sociale accumulato negli anni precedenti. L’80% delle persone del mio ambiente ha deciso che era meglio non avere nulla a che fare con me. Altri hanno anche preso parte attiva alla campagna di molestie pubbliche.

Per i nazionalisti, sono diventato ancora più odioso di prima. Vivevo in un rifugio urbano, limitavo sensibilmente i miei contatti ed ogni viaggio nel centro della mia città natale diventava una prova per i miei nervi: troppe persone mi conoscevano di vista e spesso non era la gente migliore di Kiev. Il fatto che nel 2014 ci sia stato un solo attacco contro di me è stata una felice coincidenza. Allora la maggior parte degli elementi di spicco dell’ultra-destra era nel Donbass, non avevano tempo per me. Ma hanno minacciato di tornare presto e di occuparsi della “quinta colonna”.

Verso la fine del 2014, i miei cari mi hanno convinto a lasciare il paese. Così sono finito a Madrid. Poi ci sono state le lunghe peregrinazioni della vita da clandestino: senza documenti, senza soldi, senza parlare la lingua, senza amici, senza lavoro, senza la possibilità di tornare in patria. Sono stati gli anni più difficili della mia vita.

Ma non ho rimpianti per la posizione che ho sostenuto e difeso in tutti questi anni.

Dopo il 24 febbraio, cari compagni russi, state affrontando le stesse sfide che abbiamo affrontato noi otto anni fa. Adesso voi siete come noi.

E la vostra scelta è molto più facile e più ovvia. Il vostro paese, a differenza dell’Ucraina nel 2014, non ha subìto perdite territoriali, non deve risolvere problemi di integrità territoriale, non deve resistere ad interventi sotto copertura. La Russia sta conducendo un’aggressiva guerra di conquista sul territorio di uno stato sovrano, mettendo in discussione lo stesso diritto di esistere di quest’ultimo. Bombarda città pacifiche, uccide la popolazione civile (principalmente di lingua russa), commette atrocità nei territori occupati. E voi stessi sapete che questo è vero.

È dovere di ogni comunista e internazionalista russo opporsi a questa invasione criminale. E richiedere il ritiro immediato e incondizionato delle truppe della Federazione Russa almeno entro i confini del 24 febbraio.

Potreste chiedere: “Dove sei stato in tutti questi otto anni?”. Se avete letto fino a qui, lo sapete dove sono stato e cosa ho fatto. Mi sono opposto a quella guerra, guadagnandomi il marchio di traditore della patria.

Parte della sinistra russa esprime diverse motivazioni sul perché sia ​​necessario sostenere l’“operazione speciale” o non interferire con essa. Non sono per niente convincenti. No, non si tratta di argomentazioni politiche razionali, si tratta di qualcos’altro. Per me è diventato ovvio che la paura più profonda di molti esponenti della sinistra in Russia è quella di venire marchiati come traditori della patria. Conosco questa sensazione. Questa paura del “tradimento” deve essere superata, come l’abbiamo superata noi.

Sì, se condannerete la guerra, sarete sicuramente accusati di tradire la vostra patria. Perderete amici e conoscenti, prospettive di carriera e meriti passati. Sarete odiati e disprezzati dai “patrioti”. Sarete perseguitati. Ma i comunisti sono stati perseguitati in ogni momento, in tutti gli angoli del mondo sono stati accusati di non amare la loro patria borghese e di lavorare per il nemico. Ora è il turno della sinistra russa di partecipare all’Internazionale attraverso una rottura simbolica con la “patria-stato”.

E sono sinceramente felice che in Russia molte persone che rispetto non abbiano avuto paura di questo marchio. Perché il vero patriottismo ora consiste nel contrastare una catastrofe nazionale fermando questa guerra vergognosa.

Traduzione dal russo di Marco Ferrentino

FONTE:

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

DOPO COVID-19

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Unisciti ad altri 1.759 follower

Blog Stats

  • 1.283.877 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 

cambiailmondo2012@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: