Ambiente, America, COVID-19, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Educazione e Cultura, Lavoro economia società, Politica, Scienza e Tecnologia, STORIA

Cooperativismo in Uruguay: una possibile risposta al post Covid-19

di Alejandro Francomano (Montevideo)

 

– Martin Fernández è l’attuale presidente di INACOOP. Ha studiato nelle aree delle relazioni internazionali e delle scienze sociali. È stato sindaco del dipartimento di Montevideo e deputato nazionale. Alla Camera dei Rappresentanti ha integrato la Commissione speciale per il cooperativismo nel periodo in cui è stata analizzata e approvata la legge generale sulle cooperative del 2008.
– Danilo Gutiérrez Fiori, notaio, è il direttore esecutivo di INACOOP. È un professionista nell’area legale, ha conseguito un diploma post-laurea in Gestione delle organizzazioni di sviluppo e ha ricoperto la presidenza della Confederazione uruguaiana di entità cooperative ed è stato componente del Dipartimento di gestione della Cooperativa nazionale di risparmio e credito, nonché di una cooperativa assicurativa. È coautore di due libri di diritto cooperativo e ha pubblicato numerosi articoli su libri e riviste del settore.

Che impatto ha questa crisi sanitaria e socio-economica sulla istituzionalità cooperativa?

Se per istituzionalità cooperativa intendiamo il formato classico e legale delle cooperative e la loro sostanziale realtà, possiamo dire che, fondamentalmente, le cooperative mostrano meglio le loro capacità e capacità di ripresa proprio in occasione di crisi, per vari motivi. Sono organizzazioni essenzialmente radicate nel territorio, che seguono da vicino i problemi dei loro associati, e creano soluzioni e  risposte. Nella misura in cui i vasi comunicanti della gestione democratica funzionano, possono essere molto creative nell’offrire soluzioni. Poiché danno la priorità al servizio e al mantenimento dei posti di lavoro rispetto ai risultati economici immediati; perché sono in grado di sacrificare le entrate – in un ambito di sostenibilità – per evitare licenziamenti o la chiusura delle loro aziende. In questo senso, le cooperative ribadiscono che è falso che lo scopo esclusivo di un’azienda è generare profitti e che il modello cooperativo, tra gli altri, combina aspetti sociali, ambientali ed economici senza i quali il mondo non ha futuro.
D’altra parte, si deve anche dire che in molti casi di piccole cooperative, il basso accumulo di capitale li rende vulnerabili e bisognosi di sostegno esterno, una funzione che – tra gli altri attori – gli istituti di promozione pubblica devono svolgere.
Infine, questa crisi evidenzia la necessità di trovare forme efficaci di gestione e servizio democratici per i partner, attraverso l’uso delle moderne tecnologie. La nostra legge non prevede – né lo impedisce, esiste inrealtà un vuoto giuridico – lo svolgimento di assemblee remote o il funzionamento virtuale degli organi interni di governo. In termini di servizio, le cooperative si distinguono per la loro immediatezza, la loro vicinanza al socio, maggiore rispetto ad altre tipologie di società, di dialogo umano che va oltre la vendita di un prodotto. La sfida è quella di mantenere una comunicazione profonda quando il contatto non è faccia a faccia, tenere presente che chi si trova davanti è un partner e non un consumatore anonimo.

Quali misure sono state implementate o possono essere implementate, nelle diverse aree del cooperativismo, per far fronte a questa nuova crisi che stiamo affrontando?

Esistono molte misure e dipendono dal tipo di cooperativa. Il primo e più elementare è prendersi cura della salute dei suoi funzionari e dei suoi partner di lavoro o utenti dei servizi. Poi abbiamo l’adattamento dei servizi per coprire le esigenze di alcuni membri che soffrono di limitazioni economiche, che sono assicurati contro la disoccupazione, hanno salari o riduzioni del potere d’acquisto e richiedono termini più lunghi o condizioni migliori per avere tali beni a portata di mano. che sono essenziali per loro. Questo è il caso particolare delle cooperative di consumatori e di quelle finanziarie. Nel settore delle cooperative di lavoro, il numero di coloro che offrono servizi alla popolazione è in aumento, che si tratti di salute, istruzione, assistenza all’infanzia, vecchiaia, disabilità o cura degli spazi pubblici.

Queste cooperative stanno svolgendo un ruolo molto importante, per i loro scopi. Infine, ci sono state una serie di iniziative di solidarietà nei confronti della comunità a cui partecipano le cooperative, associate ad altri attori pubblici e privati, spesso con altre cooperative. Lì la famosa e proclamata “inter-cooperazione” che non funziona facilmente in generale, diventa un obiettivo centrale in questa eccezionale occasione, generando esperienze interessanti. Cito qui l’esempio delle cooperative abitative che sono anche centri per l’alimentazione delle famiglie vulnerabili, di quelle che operano nell’ambiente o delle cooperative agricole che forniscono grano a due mulini cooperativi, con il contributo finanziario di una cooperativa di risparmio e credito, per garantire il pane sul tavolo di così tanti uruguaiani.

Le cooperative sono pronte a gestire questa nuova situazione? Ad esempio, problemi come l’allontanamento, ecc.

Nessuno era preparato, ma lo hanno fatto. Sia tra cooperative che con altre entità ci sono pratiche che sono state implementate per durare e che passeranno dall’attenzione sull’ emergenza alla massimizzazione dell’efficienza. Molte organizzazioni che operano tradizionalmente sono state sfidate a entrare in una nuova dinamica. Nelle cooperative questa rivitalizzazione forzata è tornata utile, perché una parte di esse era costituita o diretta da persone di mezza età e anziani, che avevano bisogno di una spinta per aggiornare il loro funzionamento, le loro forme di comunicazione, i loro processi, l’incorporazione di strumenti tecnologici.


Quale relazione sarebbe appropriata tra gli attori PUBBLICI E PRIVATI, per cercare vie concertate, di fronte a questa emergenza?

Le cooperative, come le altre organizzazioni dell’economia sociale e solidale, sono un buon partner dello Stato, non un figlio o un subordinato, un dipendente. Con la loro autonomia e con il loro contributo volontario, offrono contributi che per lo Stato sarebbero molto più costosi e meno efficaci. Questa vocazione per il bene pubblico integra gli obiettivi di entrambi gli attori. Questa crisi ha dimostrato che le soluzioni standard non servono, che le migliori risposte provengono dalla consapevolezza e dalla responsabilità sociale. Lo stiamo affermando come ente di promozione pubblica il cui strumento principale, piuttosto che il servizio diretto alle cooperative, è l’articolazione pubblico-cooperativa con diversi attori e istituzioni pubbliche in generale per facilitare l’inserimento del cooperativismo nello sviluppo del paese e garantire in tal modo un maggiore impatto delle politiche pubbliche in generale.

 

******************

Cooperativismo: una risposta al post Covid-19 ?

Iniziando con questa domanda, abbiamo intervistato il professor Julio Cabrera, responsabile della formazione, della CONFERENZA URUGUAYANA DELLE COOPERATIVE. Julio Cabrera è un insegnante esperto in cooperativismo in Uruguay, insegnante. Specializzato in Amministrazione di sistemi locali e di sviluppo locale cooperativo.

Perché le Cooperative possono essere una risposta efficiente, in ambito produttivo e sviluppo locale, dopo COVID -19?

Sin dalla sua nascita, oltre 170 anni fa, il cooperativismo è sempre stato una risposta alle situazioni di crisi; pertanto, l’attuale pandemia rappresenta una nuova sfida; forse una delle più grandi della sua storia.
Ai bisogni umani preesistenti
a questo nuovo scenario (bisogni di base ma anche di occupazione a causa degli effetti della crescente automazione), si aggiunge questo evento inaspettato, che peggiora la situazione in tutto il mondo.

Invece di paralizzarci, dobbiamo trasformare la nuova crisi in un’opportunità per ripensarci e, soprattutto, per prepararci al dopo. La formazione permanente, per esempio, è di vitale importanza; può costituire la differenza tra il permanere o lo scomparire. Può continuare ad essere una soluzione ai problemi dei soci lavoratori o alla loro deriva. Oggi più che mai dobbiamo professionalizzare la nostra gestione (dei soci, dei dirigenti e dei lavoratori di una cooperativa).

Nel campo della formazione, in che modo l’isolamento fisico ha influito e influirà sullo sviluppo di questi programmi?

L’isolamento fisico ha determinato nuove forme di contatto; anche in termini di formazione. La nostra esperienza ha evidenziato la capacità di adattamento, non solo dal punto di vista metodologico, ma anche in termini di possibilità di reindirizzare i contenuti, a seconda delle nuove esigenze o emergenze.

Sebbene il contatto personale sia insostituibile e sempre auspicabile, non dobbiamo escludere, ma anzi promuovere occasioni di contatto a distanza come complemento di quelle tradizionali. Questa nuova metodologia ci pone una sfida alla nostra funzione di docenti che deve necessariamente essere messo a punto per ricoprire un nuovo ruolo: quello del tutor o del facilitatore virtuale. Si tratta di una funzione che richiede, tra l’altro, l’adattamento delle forme di presentazione dei contenuti per renderli attraenti e motivanti.

Sarebbe possibile ripensare l’ istituzionalità cooperativa in Uruguay?

Se possiamo pensare a una nuova istituzionalità cooperativa, ciò non significa abbandonare la sua identità, ma si deve necessariamente riflettere sul corretto uso della tecnologia come nuova realtà che con la pandemia rafforza la sua presenza. Dobbiamo discutere e concordare su come i media digitali ci consentono di salvaguardare e mettere in pratica i valori e i principi cooperativi. E che, nel suo uso corretto, troviamo un modo per garantire la democrazia partecipativa che ci caratterizza. Inoltre, rappresenta un momento ideale per pensare in diversi formati, come le cooperative delle piattaforme.
Questi nuovi meccanismi digitali – sempre complementari – potrebbero facilitare riunioni e altri eventi istituzionali. La grande sfida è garantire l’accessibilità di TUTTI a partecipare in modo democratico, consentendo la massima libertà nel processo decisionale. Avere strumenti tecnologici, conoscendo il loro uso, oltre alla necessaria connettività, rappresenta solo l’inizio di questa nuova fase.
E’ forse giunto il momento di ripensare se “il virtuale” è davvero l’opposto del “reale” o rappresenta già una nuova forma di realtà.
In tal caso, il cooperativismo non deve più
solo mettere l’economia al servizio dell’essere umano, ma anche la tecnologia, con la indispensabile condizione di un adattamento che no rinunci mai alla sua IDENTITÀ.

 

******************

Intervista a Cecilia Tenaglia, esperta in economia sociale e solidale, associazionismo e cooperativismo.

Cecilia Tenaglia è laureata in Sociologia e Assistenza Sociale, Master in Cooperative Business and Social Economy presso l’Università di Mondragón (CAPV-Spagna). Ha svolto attività di consulenza lavorativa e organizzativa a cooperative e gruppi associativi di economia sociale e solidale, nelle aree rurali e urbane, nella capitale e nell’interno del paese, per 12 anni.
Professionista del dipartimento di promozione sociale del MEVIR, organizzazione di costruzione di alloggi di mutuo soccorso, per 12 anni. Attualmente dirett
rice
dell’area di promozione e formazione cooperativa presso l’Istituto nazionale di cooperativismo (INACOOP), negli ultimi 10 anni. Insegnante di cooperativismo in Economia e management post-laurea per l’inclusione della Facoltà di scienze economiche dell’Università della Repubblica dell’Uruguay.


Come considera il contributo dell’economia sociale e solidale nel processo di uscita post-COVID -19?

L’economia sociale e di solidarietà (ESS) ha risposto alle crisi con proposte associative. Il carattere socievole dell’essere umano è rafforzato di fronte alle minacce collettive da parte di coloro che comprendono che il sostentamento di tutti dipende dall’azione comune. Ma stiamo affrontando una crisi sanitaria, non un’economia, nonostante il fatto che le misure per prendersi cura della salute influenzino fortemente l’economia. L’economia è alimentata dalle transazioni e, nella misura in cui le persone non vengono in contatto, non si effettuano transazioni. L’incontro tra le persone è il mezzo con cui viene coltivata l’economia e perdendo questa possibilità per un lungo periodo, l’economia perde la sua crescita e i suoi frutti.
Non conosco il processo di uscita dalla pandemia perché non l’ho mai vissuto prima, ma posso intuirlo dalla conoscenza dell’essere umano e dalla sua condotta. Direi che a seconda delle credenze di ciascun gruppo di persone, il processo di uscita può assumere forme molto diverse.

L’associazionismo, come è vissuto in Uruguay, è una possibilità effettiva, di fronte all’attuale crisi economica e alla sua tendenza nei prossimi anni?

L’Uruguay è un paese piccolo e prevalentemente socializzato. Più equo a livello socioeconomico rispetto ai vicini della regione, e sebbene con differenze interne ideologiche – come c’è ovunque -, ha un forte timbro democratico e fiducia nel dialogo sociale interno per costruire soluzioni.
L’associazionismo è radicato qui e l’eventuale approfondimento della crisi economica troverà soluzioni collettive.
La pandemia è arrivata in Uruguay insieme al cambio di governo
(alle ultime elezioni dello scorso autunno si è affermato , con uno scarto minimo, un governo di centro-destra che ha sostituito il precedente del Frente Amplio, di centro-sinistra, l’ultimo dei tre governi presieduti da Tabaré Vasquez, poi Pepe Muijica e ancora Tabarè Vasquez che insieme hanno governato per un quindicennio – ndr), e di conseguenza la strategia economica del futuro processo cambierà. Tuttavia, il recente passato è stato per il nostro paese di continua crescita con uno sviluppo sociale importante, il che significa che le conseguenze della pandemia potrebbero essere più lievi che in altri territori e paesi (dove invece ci sono stati governi neoliberisti – ndr).

 

Il cooperativismo e le sue strutture operative, di fronte alla nuova situazione globale, dovrebbero essere ripensati ? E in quali aspetti,?

Il cooperativismo ha generato diversi modelli operativi, come consentito dalle leggi locali e come interiorizzato dalle culture di ciascun paese. Se è stata la via d’uscita dalla devastazione lasciata dalle guerre o dalle aggressioni economiche in alcuni paesi, potrebbe benissimo essere una via d’uscita dalla crisi della pandemia di COVID-19.
Tuttavia, c’è un aspetto diverso di questa nuova realtà ed è la raccomandazione del distanziamento sociale per superare le curve di contagio. Questa raccomandazione potrebbe influire sul funzionamento collettivo nel cooperativismo? Ad esempio, lo svolgimento di assemblee, riunioni di comitati, funzionamento democratico? Sicuramente si. Ma proprio come altre forme di relazione sono emerse attraverso la tecnologia che riduce il distanziamento sociale ed evita l’isolamento, queste forme possono essere apprese e utilizzate
anche per mantenere lo scambio sociale, anche nelle cooperative.
Nel nostro paese, l’alta alfabetizzazione digitale
lo rende possibile. L’istruzione ha continuato a funzionare con la connettività tecnologica e sebbene non coincida con le lezioni in presenza, è servita a mantenere la motivazione e l’interesse per l’apprendimento. Questo è un esempio importante.
A medio termine, do
vremo incontrarci di nuovo. L’uso della tecnologia non può sostituire il contatto umano, perché perderemmo la qualità delle relazioni umane. Non ci incontriamo solo per scambiare conversazioni, ma anche per stringerci la mano, e quel gesto non ha sostituti tecnologici o verbali tra le persone.

AF: I valori o i principi del Cooperativismo e delle Cooperative in particolare possono essere considerati a rischio di fronte all’emergenza socio-economica. In un possibile scenario di elevata competitività cosa può comportare ?

Come ho detto prima, conoscendo il comportamento umano, ci saranno gruppi che reagi
ranno secondo il principio di solidarietà e soluzioni collettive e altri gruppi che si tenteranno di “salvare te stesso più che puoi”. Ma la minaccia della pandemia è una minaccia per la salute e di conseguenza per la vita di tutti, e questo estremizzazione oggettiva porta anche a comportamenti estremi, in un modo e nell’altro. I valori e i principi cooperativi saranno influenzati da coloro che reagiranno al secondo gruppo. Nelle società con una cultura della competizione e delle grandi disuguaglianze, i principi saranno minacciati per alcuni gruppi sociali. Nelle società una con cultura della solidarietà, è il tempo di metterle in pratica. E in entrambi i casi, la competizione sarà quella di educare alle rispettive finalità e obiettivi.

 

******************

(Traduzione: Cambiailmondo.org)

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

DOPO COVID-19

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Unisciti ad altri 1.702 follower

Blog Stats

  • 1.192.066 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 

cambiailmondo2012@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: