COVID-19, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Europa, Geopolitica Conflitti Pace, Italia, Lavoro economia società, Politica

Arriva la terza grande depressione

di Ben Reynolds *

Pubblichiamo un’analisi di Ben Reynolds sulle conseguenze delle crisi che stiamo attraversando. La consideriamo un utile contributo alla discussione

La pandemia ha innescato una crisi economica globale di proporzioni epiche. Le misure necessarie per rallentare la diffusione del virus hanno provocato una disfatta sul mercato azionario, il crollo del commercio globale, la rottura delle filiere delle forniture e hanno spinto i sistemi finanziari sull’orlo del fallimento. Questo vortice è stato drammaticamente toccato con la pandemia, ma in definitiva deriva dalla crescente fragilità del sistema globale e dalla sua incapacità di superare gli ostacoli evidenziati dalla crisi del 2008. Il capitalismo affronta ora la sua terza crisi di sistema in due secoli, con le ricadute economiche che fecero seguito alle grandi depressioni del 1873 e del 1929. Come nel caso di quei grandi sconvolgimenti, questa crisi richiede una profonda ristrutturazione dell’ordine economico globale.

Mentre i profitti degli investimenti produttivi ristagnano, masse di denaro confluiscono nelle bolle speculative.

L’eventuale scoppio di queste bolle provocherebbe uno shock, cancellando la ricchezza cartacea e provocando una cascata di fallimenti attraverso il sistema finanziario. Gli investimenti precipitano, le imprese indebitate falliscono, i lavoratori vengono licenziati a frotte. Purtroppo, la storia è ogni volta incredibilmente simile. Nel 1873, le bolle ferroviarie in America e in Germania scoppiarono, segnando l’inizio di un crollo decennale del capitalismo globale. Nel 1929, il crollo del mercato azionario statunitense preannunciò una recessione economica mondiale che non sarebbe finita che con la seconda guerra mondiale. Nel 2020 la pandemia ha incendiato il fragile mucchio di debito che ha sostenuto la crescita globale nel 2008.

Le bolle speculative sono un sintomo della crisi, non la causa. Decenni di rapida crescita hanno saturato molti dei settori produttivi dell’economia globale, portando a una massiccia sovraccapacità produttiva in tutto, dalla produzione di acciaio alle spedizioni. Come tale i profitti degli investimenti produttivi hanno ristagnato o sono diminuiti, spingendo la famosa “ricerca del rendimento” che ha spinto gli investitori tra le braccia di aziende e governi fortemente indebitati. L’onere del debito globale – che garantiva i guadagni di oggi contro i (fittizi) rendimenti futuri – ha raggiunto il suo livello di gran lunga più alto dalla seconda guerra mondiale, pochi mesi prima dell’inizio dell’attuale crisi. In mezzo a tutto questo, ogni cosa, dai mercati azionari al settore immobiliare, era “valutato come perfetto”, anche se gli Stati Uniti e l’Europa stavano cadendo in una recessione produttiva. La pandemia si è scontrata con un’economia globale già in equilibrio sul filo del rasoio.

La fine di ogni lungo ciclo di espansione capitalistica segue uno schema prevedibile. L’eccessiva accumulazione di capitale affolla gli investimenti redditizi, costringendo gli investitori privati a guardare altrove. Gli investimenti nei settori di punta del momento – che si tratti di tessili e ferrovie, automobili o computer e tecnologia dell’informazione – sono sostituiti da una corsa al settore finanziario, assicurativo e immobiliare. Nel nostro caso questa dinamica ha alimentato tutto, dalla bolla immobiliare cinese alla folle sopravvalutazione delle startup tecnologiche statunitensi fino ai derivati fondati sul credito delle imprese altamente indebitate. Mentre la pandemia ha portato ad un arresto degli affari come al solito, l’aria dentro ogni bolla è evaporata tutta in una volta. Il tanto atteso conto è arrivato.

Le aspettative di una “ripresa a forma di V” sono tristemente fuorviate. Anche nei momenti migliori, molte aziende non hanno le risorse per sopportare mesi o anni di drastiche riduzioni di reddito. Le piccole e medie imprese, che in genere hanno riserve di liquidità minime, sono particolarmente vulnerabili. Con così tante aziende che devono affrontare contemporaneamente questo stress, i mercati del credito sono sottoposti a una pressione incredibile. Allo stesso modo i paesi in via di sviluppo che non hanno la capacità di finanziare i propri deficit si trovano ad affrontare una fuga di capitali record che inevitabilmente porterà ad inadempienze. L’enorme accumulo di debito antecedente la crisi significa che molte imprese falliranno prima che le misure di blocco finiscano, se non ci saranno aiuti pubblici massicci e continui. Questo significa un calo della domanda, un ulteriore calo dei prezzi delle materie prime e più licenziamenti. Con l’annuncio della Federal Reserve che la disoccupazione negli Stati Uniti potrebbe raggiungere il 30%, le condizioni dell’era della depressione e una prolungata recessione sono molto probabili. Le previsioni private dei principali settori industriali confermano purtroppo questo quadro.

Vedremo tre linee di faglia principali che si approfondiranno man mano che la crisi continuerà a svilupparsi. In primo luogo, come già detto in precedenza, i paesi in via di sviluppo dovranno affrontare una seria pressione sulle loro valute e saranno spinti al default quando la domanda per le loro esportazioni si prosciugherà. In secondo luogo, l’Eurozona e il suo sistema bancario subiranno una nuova crisi sistemica, mentre le banche italiane arriveranno sull’orlo del fallimento, le crisi del debito sovrano riemergeranno in assenza di un’effettiva unificazione economica dell’Europa. In terzo luogo, la bolla del debito delle imprese – in gran parte negli Stati Uniti – si sgonfierà quando quest’anno le imprese più deboli cominceranno ad essere inadempienti. Sia la Cina che gli Stati Uniti giocheranno un ruolo da gigante in ognuna di queste “mini-crisi”, determinando se e come ancorare e ristrutturare il sistema globale. Entrambi dovranno farlo mentre navigano nella loro crisi interna, mentre l’economia cinese delle esportazioni si arresta e le galline alimentate dal debito statunitense tornano nel pollaio.

Crisi di questa portata hanno una loro logica, come ci insegnano le Depressioni del 1873 e del 1929. Attraverso una crisi, il capitale accumulato viene distrutto in massa. Le aziende falliscono, le fabbriche chiudono, i salari vengono tagliati a causa della disoccupazione. Anche con questa distruzione, la crescita è rimasta ben al di sotto della tendenza precedente dopo entrambe le crisi. In effetti, solo la devastazione della seconda guerra mondiale ha distrutto abbastanza ricchezza da permettere al capitalismo di crescere di nuovo a ritmi rapidi. Tuttavia, nessuna società oggi può sopportare il peso di una depressione sfrenata senza minacciare la sopravvivenza del suo governo e del suo sistema sociale. È quindi probabile che si vedano versioni moderne degli esperimenti degli anni Trenta: Il New Deal, i piani quinquennali e il corporativismo fascista, che implicano tutti un significativo ampliamento del controllo statale dell’economia. Il protezionismo e il monopolismo, che hanno ricevuto un forte impulso dalle crisi del 1873 e del 1929, probabilmente continueranno a crescere rapidamente anche oggi.

La Cina ha svolto un ruolo centrale nel sostenere l’economia capitalistica globale attraverso i suoi programmi di stimolo e di costruzione dopo il 2008. Oggi i messaggi della Cina sono tutt’al più contrastanti. La Cina non può decidere se vuole svolgere un ruolo tradizionale di creditore o se vuole subordinare questi interessi agli imperativi politici. L’incompetenza e la corruzione continuano a ostacolare il governo degli Stati Uniti in un momento in cui è necessaria un’azione decisiva sia a livello interno che globale. C’è quindi un vuoto di leadership egemonica durante un periodo critico di transizione per il sistema globale. Negli articoli che seguiranno, esploreremo due aree chiave in cui tale leadership può essere esercitata solo attraverso un cambiamento di paradigma. In primo luogo, esamineremo la crisi dei mercati emergenti, concentrandoci sul debito e sul potenziale di riallineamento diplomatico attraverso la diplomazia dollaro/yuan. In secondo luogo, esamineremo in modo più completo la politica economica, esplorando il modo in cui le principali economie come la Cina e gli Stati Uniti dovranno riallineare le loro strutture economiche per sopravvivere alle condizioni della depressione.


*) Ben Reynolds scrittore e analista di politica estera di New York. I suoi commenti sono pubblicati in numerosi forum, tra cui The Diplomat, Russia Today e AAJ.

da https://www.chinausfocus.com
traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it

 

FONTE: https://www.sinistrainrete.info/

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

DOPO COVID-19

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Unisciti ad altri 1.704 follower

Blog Stats

  • 1.188.392 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 

cambiailmondo2012@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: