Annunci
Africa, America, Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Etica e religioni, Europa, Geopolitica Conflitti Pace, Italia, Migrazioni, Politica

Emergenza umanitaria: le “naturali conseguenze” di Giorgio Napolitano

napolitano-gheddafiIl Presidente emerito Giorgio Napolitano, le cui espressioni di parte e unilaterali a cui abbiamo assistito nel suo novennato e la cui purissima assenza di autocritica verificabile anche in questi giorni lo denota come esempio paradigmatico da evitare (per gli attuali e per i posteri), interrogato, nel 2011, sulla legittimità costituzionale dei bombardamenti in Libia, ebbe ad affermare  che si trattava di “naturali conseguenze delle opzioni fatte a livello internazionale (ONU), dopo la scelta dell’istituzione della no-fly zone”.

In coerenza logica con quelle sue espressioni di allora, si può oggi dire, a distanza di pochi anni, che la catastrofe umanitaria a cui stiamo assistendo nel Mediterraneo, è anche conseguenza naturale di quella scelta che lo vide tra gli interpreti decisivi, accanto ad un declinante e ricattabile Berlusconi.

Nel frattempo, al Presidente emerito è stato conferito l’importante premio “Henry Kissinger”, terzo di una triade che contempla anche il Premio personale della Regina Elisabetta d’Inghilterra e il Premio Dan David del Governo israeliano, già precedentemente conseguiti.

Verrebbe da pensare che la naturale conseguenza delle sue posizioni sia stata decisiva per assumere tali riconoscimenti. Come peraltro pare evincersi dalle rispettive motivazioni ufficiali che li giustificano e cioè in quanto Egli distintosi tra i “difensori dell’Occidente e dei suoi valori”. Che notoriamente, sono interpretati al meglio dai tre paesi di provenienza dei premi indicati.

Tra le conseguenze naturali delle posizioni da lui assunte sul piano internazionale (ma per alcuni anche su quello nazionale), Napolitano non potrà però evitare il rischio che consistenti schiere di persone di varia collocazione e provenienza, potranno condividere, per lui, un’allocuzione analoga a quella che Eduardo Galeano ebbe a pronunciare in occasione della morte di Ronald Reagan.

A meno che non abbia un rigurgito salutare di modestia e di riconoscimento che anche Lui può aver commesso degli errori. Cosa che, grazie a Dio, per Lui e per tutti, può sempre accadere.

 

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

DUE Sì AI REFERENDUM del 2017

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.164 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 680,810 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: