Annunci
Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Italia, Lavoro economia società, Politica

Teorema di Thomas

Thomas-teoremadi Tonino D’Orazio
Questo teorema di Thomas è così incredibilmente semplice che può lasciare scettici e increduli: “Quando la gente vede certe situazioni come reali, esse sono reali nelle loro conseguenze”. Per far comprendere il suo campo di applicazione, il sociologo Robert K. Merton ha parlato di quello che è successo alla Last National Bank, quando il suo direttore Cartwright, incuriosito da un ambiente insolito, ha scoperto che i suoi clienti, allertati dal rumore della sua insolvenza, stavano ritirando i loro beni, provocando il crollo della banca. In altre parole, non è stata l’insolvenza a causare il fallimento, ma la notizia che ha creato l’insolvenza.
Corollario del teorema di Thomas: affinché una situazione sia possibile bisogna crederla e farla credere possibile. L’efficacia riposa in effetti sull’opacità, il diniego e la menzogna ripetuta. Esempio applicabile al cosiddetto “debito pubblico” che sappiamo anche quanto pubblico non è. Eppure …

Appena appare, anzi trapela, la notizia che il governo potrebbe sequestrare, o rubare, il 10% sui conti correnti dei cittadini italiani (ricetta propugnata dal FMI di Christine Lagarde, pagina 49 del Fiscal report di ottobre, che ipotizza una soluzione anti-debito pubblico: un prelievo forzoso del 10% per i paesi in difficoltà) non si tratta più soltanto del teorema, ma della drammatica realtà.

In genere i suggerimenti del FMI, a parte quando sono ipocriti (non di rado), fanno parte del teorema di Thomas. E’ successo ai greci e soprattutto ai ciprioti. E’ chiaro che si vuole che avvenga una massiccia esportazione illegale di capitali. Capitali neri, utilissimi nei paradisi fiscali, che le solite note banche, e mafie, gestiscono a livello mondiale con flussi inimmaginabili di denaro, ormai, si può dire, per “causare un danno umanitario” globale.

Allora cosa si dice? Rientrano i capitali dall’estero! La bufala è proprio buona. Manco Berlusconi era arrivato a tanto. Come si può portare denaro in un paese avviato scientificamente al fallimento? Si può solo venire a comperare qualche residua eccellenza produttiva. Come infatti avverrà, i bandi sono quasi pronti.

C’è anche l’altra balla: arrivano risorse dalla rivalutazione delle quote di Bankitalia che, in un recente articolo, Tito Boeri (16 ottobre 2013 in lavoce.info) chiama la regia di questa operazione, come “una associazione a delinquere” e ne spiega l’ulteriore furto bancario ai danni dei cittadini e l’ulteriore indebitamento futuro che ne deriverà.

La verità vera è che salta l’aumento della tassa sulle rendite finanziarie, sui grandi patrimoni.
Il teatrino mediatico potrebbe continuare all’infinito. Manovra finanziaria (ogni sei mesi). Se si danno spiccioli ai giovani bisogna togliere agli anziani. Se si danno ai cassintegrati bisogna tagliare la sanità.

E’ sempre (in)credibile la storiella della coperta corta addossandone la responsabilità al buon padre di famiglia. Intossicazione delle sigle: Imu, Tares, Tarsu, Sevice Taxe, Trise. Lo Stato dà alla famiglia 98 euro annue (8 euro al mese, manco una pizza e una birra per “fare ripartire l’economia italiana”) e poi ne toglie fino a 900 con la Trise.

Mi sembrano davvero piromani incoscienti che non sanno fin dove il fuoco potrà arrivare. “Il governo – affermano in una nota Adusbef e Federconsumatori – aveva promesso una legge di Stabilità in grado di far ripartire l’economia, restituire sollievo a lavoratori e consumatori con la riduzione del cuneo fiscale, ridurre il mare magnum di tasse e balzelli che assilla gli italiani, cancellare la seconda rata dell’Imu prima casa in pagamento a dicembre, appostata a bilancio per 2,4 miliardi di euro”. Tanto si vedrà l’aumento con la riforma del catasto. Solo un carognoso ottimista può dire: “Però qualcosa ce lo ha dato”. Viva Letta. Viso giovane e pulito.

Ha paventato il taglio alla sanità o per così dire l’aumento dei ticket regionali. Poi non l’ha fatto (ancora), ma questa è l’applicazione perfetta del suddetto teorema di Thomas. Basta insinuare, far transitare depistaggi vari e aspettare.

Qualcuno immagina che la riduzione del cuneo fiscale possa andare ai lavoratori (20 milioni)? Oppure sarà assorbito tutto dai padroni? (Ricordate il cuneo del democratico Prodi?).

Vista la povertà che c’è in giro, non è che quelle 100 euro (anche per i pensionati?) serviranno a riportare soldi all’Enel (elettricità), all’Eni (gas e petrolio), pronta ad essere venduta, per il riscaldamento di questo inverno? Sembra un inarrestabile fiume di denaro che va sempre in una unica direzione.

Annunci

Discussione

Un pensiero su “Teorema di Thomas

  1. IL TEOREMA NON E’ DI THOMAS MA E’ TUTTO ITALIANO.

    GLI ITALIANI SONO UNA FAMIGLIA O APPARTENGONO A STIRPI DI ORIGINI DISTINTE.
    La situazione Politico Economica Italiana è giudicata gravissima dai grandi Economisti mondiali, con tendenza al fallimento dell’intero Paese. E’ soltanto questione di tempo benché i nostri Guru diano continue assicurazioni di ripresa.
    Se avessimo anche il libero giudizio dei grandi esperti Mondiali in altri campi, la medesima situazione fallimentare si applicherebbe ugualmente alla Giustizia, ai sistemi di Governo, all’Estremismo Religioso, alla Critica di parte, all’Informazione manovrata, alla Censura, ai privilegi della Casta di Potere, alle sperequazioni Sociali, ecc., una situazione strabiliante per una Nazione che pretende di appartenere al mondo civilizzato in progressiva decadenza, con Politiche millenarie formulate su ideologie di Fede con insegnamenti tramandati direttamente da un Dio attraverso il figlio Gesù inviato sulla Terra per redimerci, ma nella realtà più elementare la Nazione è ostacolata da Gruppi di Potere perverso e difetta in difesa dei diritti umani, senza soccorritori, con scenari del tutto teatrali in contrasto con lo sviluppo della Pace e della Fede.
    Analizzando le cause di tanta disavventura dominante in Italia, provocata da estremismi Religiosi e Politici di Potere, i quali influenzano negativamente e impoveriscono la vita delle Famiglie e della Comunità.
    Ritengo che diversamente dai popoli Nordici, le nostre condizioni sono da attribuire alle diversità di comportamento dovute alla immaturità dei cittadini condizionati da paure, soprattutto a causa di coloro inseriti senza previe analisi caratteriali e infilati prepotentemente in posizioni di Comando nei numerosi Partiti Politici e Spirituali, giostrando sulla strumentalizzazione e frantumazione del pensiero dei Fedeli e dell’elettorato, senza sforzi straordinari di convinzione, poiché il Paese è suddiviso per natura in Regioni, Comunità e stirpi o razze umane ben distinte, le quali ognuna di esse sorregge il proprio status originale del pensiero, determinato dai differenti Costumi, dalle sofferenze e dalle origini primitive di provenienza dei singoli individui.
    La diversità in questi esseri non è riscontrabile fisicamente, ai nostri occhi appaiono tutti come appartenenti a un unico Popolo Italico, ma nella realtà appartengono a differenti stirpi o razze di varie origini, portando per tradizione nel sangue e nella mente il pensiero di appartenenza caratteriale come un DNA ereditario risalente a popoli diversi con inclinazioni diversificate: Fasciste, Democratiche, Monarchiche, Clericali, Comunisti, Liberali, Repubblicani, Cristiani, Casinisti, Totalitaristi, Federalisti, Radicali, Giustizialisti, Mafiosi, Speculatori, Mantenuti, Imprenditori, Accattoni, Traditori, ecc.
    In concreto, questo contrassegno interno irriconoscibile al colpo d’occhio, spiega l’impossibilità di formare una ideologia Politica maggioritaria per il corretto sviluppo del Paese.
    Soltanto i Romani con l’uso della forza e con l’abbondante impiego di mercenari stranieri, tirarono innanzi per diversi secoli, ma alla fine purtroppo anche essi dovettero cedere alle debolezze negative del pensiero che affligge tutto il popolo Italico, privo di carattere, critico per natura e piuttosto sensibile alla bella vita.
    Questa tendenza fisica interna, indistintamente dal livello di studio, crea instabilità nel pensiero, indebolendo la fermezza necessaria decisionale in ogni forma di ragionamento in quasi tutti i campi inclusa la Giustizia, di cui possiamo costatare frequenti comportamenti anomali di Giudizio nell’applicazione delle Leggi, lasciando piena libertà a un uomo che si comporterà secondo l’appartenenza della stirpe originale di provenienza, formazione Professionale e caratteriale del Giudice o Magistrato nel Giudizio.
    L’evidente malessere che colpisce i poveri malcapitati in quasi tutti i settori, per mancanza di Fede Professionale e decisionale nasce da molto lontano nel tempo, con origini ereditate dal periodo Arcaico, circa 30/40 mila anni a.C., dove una razza mista formata da Indo-Europei di svariate provenienze, contribuirono a modellare lo sviluppo caratteriale del popolo Italico sino alla nascita di Roma che adottò imposizioni politiche militaresche, seguite da saccheggi e crimini di ogni sorta che per mille e settecento anni furono il fulcro di arricchimento del mondo occidentale.
    Durante l’Impero Romano, si svilupparono in contemporanea varie forme di riflessioni filosofiche che attivarono l’idea di altri Imperi più vasti e potenti nel controllo delle anime, di cui la nascita e l’espansione di un Monoteismo Israelita, ed a breve distanza uno Cristiano e in seguito uno Musulmano, nel contendersi il Dio più giusto, oltre alle credenze millenarie molto diffuse in Asia, che centralizzano le convinzioni di Fede su un essere divino che si manifesta attraverso la Natura.
    Percorrendo la storia del Paese, dalla caduta dell’Impero Romano d’Occidente, l’Italia ha affrontato diversi periodi di transizione lunghi e complessi, il Medio e l’Alto Medio Evo, con pandemie e occupazioni straniere sino alla scoperta dell’America 1492 attribuita a Colombo, mentre la contro storia attribuisce la scoperta dell’America e dell’Oceania 500 anni prima per merito dei Vichinghi.
    Continue Battaglie e invasioni, attirarono verso lo Stivale masse di forestieri, militari, civili e clandestini di svariate razze: Asiatici, Greci, Carolingi, Bizantini, Cosacchi, Normanni, Arabi, Africani e Vichinghi i quali dopo aver circumnavigato il mondo, occuparono parte della Sicilia e della Calabria, ecc., lasciando i segni di civiltà e costumi diversi, alcuni positivi e altri negativi, che influenzarono il modus vivendi in particolari zone o Regioni Italiane divenute Stati.
    La storia del mondo sembra una gara di Ping Pong dove la verità sta negli interessi di parte secondo le epoche di dominio e informazione.
    Prima dell’apparente unità Nazionale dell’Italia avvenuta nel 1861 circa 152 anni fa, ricordando con particolare interesse il periodo del Medio Evo e quello Rinascimentale, troveremo uno Stivale sezionato in tanti Staterelli di limitata grandezza con culture e civiltà diverse, con Napoli e il Regno delle due Sicilie fra i più estesi e lo Stato Vaticano in continua espansione.
    Questo concentramento di esseri e formazioni umane di origini diverse che attualmente popolano la Penisola, fanno certamente parte di un favorevole capitale umano per contribuire allo sviluppo del progresso e della pace fra i popoli, purtroppo ostacolati, frenati, dal perenne conflitto fra le Religioni e gli interessi politici di parte, per accaparrarsi il dominio delle anime e degli assensi.
    Dai fatti di continuo riscontro statistico, possiamo accertare che il Paese produce in modo abbondante grandi uomini, scienziati, inventori, letterati, nuove tecnologie, che saranno obbligati a lasciare il proprio Paese disastrato dalla Politica, per vedere affermati i risultati dei propri meriti e sacrifici.
    A conferma delle svariate origini che compongono il popolo Italiano, analizzando le fattezze e la struttura ossea di alcuni personaggi, con il dovuto rispetto, troveremo che l’attuale Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano è di origine Cosacca, il Presidente Letta un Assiro con profonda assomiglia al Presidente Siriano Assad, l’ex Governatore della Lombardia di origini Vichinghe, l’ex Presidente Berlusconi per la sua scaltrezza deve essere di origini Egiziane con intreccio con qualche Volpe, la Presidente della Camera Boldrini proviene dal mare delle sirenette, e via di seguito con tanti Arabi, Greci, Normanni, Asiatici, Germanici o Anglo Sassoni, Africani e tanti Marziani che compongono la struttura della Comunità umana Nazionale.
    In conclusione, tutti i Popoli e Nazioni dominate e profanate dalla Sacralità di libertà dell’uomo con filosofie Politiche Marziane o Religiose, di cui assistiamo quasi giornalmente scandali condizionati per colpa di restrizioni e ingiustizie che creano rivendicazioni, impediscono il progresso e la pace fra gli uomini, soffocando il rispetto delle necessità basilari della natura umana, fisica, biologica ed esistenziale.
    Anthony Ceresa.

    Mi piace

    Pubblicato da Anthony Ceresa Milano Italia | 31/10/2013, 10:08

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.342 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 739,228 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: