archivi

Venezuela

Questo tag è associato a 258 articoli.

VENEZUELA: il report sulla situazione dei diritti umani in Venezuela di una importante missione di giuristi internazionali

Il Report sulla situazione dei diritti umani in Venezuela, redatto dalla COALICIÓN INTERNACIONAL INTERDISCIPLINARIA DE JURISTAS PARA LA PAZ Y LA DEMOCRACIA, composta da 9 giuristi di diversi paesi, che ha concluso nel mese di dicembre 2019 una impegnativa missione nel paese sudamericano.

Delegación /AUTORI

Charlotth Back
(Abogada. Doctora en Ciencias Jurídicas y Políticas. Máster en Derechos Humanos, Interculturalidad y Desarrollo (Universidad Pablo de Olavide, España). Profesora del Departamento de Relaciones Internacionales de la Universidad Federal Rural de Río de Janeiro. Miembra de la Comisión de Derecho Constitucional de la Orden de Abogados de Brasil (OAB). Miembra de la Asociación Brasileña de Juristas para la Democracia (ABJD).

María Rosaria Barbato
Doctora en Derecho por la Università di Roma Tor Vergata. Subjefa del Departamento de Derecho del Trabajo e Introducción al Estudio del Derecho de la Universidade Federal de Minas Gerais (UFMG). Miembra de la Asociación Brasileña de Juristas para la Democracia (ABJD).

Romi Marcia Bencke
Magíster en Ciencias de la Religión de la Universidad Federal de Juiz de Fora. Secretaria General del Consejo Nacional de Iglesias Cristianas de Brasil (CONIC).

Carlos Fazio
Profesor del Posgrado en Derechos Humanos de la Universidad Autónoma de la Ciudad de México (UACM). Profesor de la Facultad de Ciencias Políticas y Sociales de la Universidad Nacional Autónoma de México (UNAM). Miembro de la Red en Defensa de la Humanidad, Capítulo México. Colaborador del diario La Jornada de México, el Semanario Brecha de Montevideo y el Correo del Orinocode Caracas.

Claudia Viviana Rocca
Abogada. Presidenta de la Asociación Argentina de Juristas, rama argentina de la Asociación Americana de Juristas, ONG con Estatuto Consultivo ante el ECOSOC. Miembra fundadora de la Asociación argentina de Derecho Indígena. Profesora de Derecho Económico y Derecho Societario de la Universidad Nacional de Moreno, Argentina.

Eduardo Tavani
Abogado. Especialista en Derechos Sociales y Derechos Humanos. Licenciado en Ciencias Políticas. Miembro de la Mesa Directiva de la Asamblea Permanente por los Derechos Humanos (APDH). Ha sido Presidente de la Asociación de Politólogos de Buenos Aires (APBA) y de la Asociación de Abogados de Buenos Aires (AABA).

Marcelo Uchoa
Abogado. Doctor en Derecho Constitucional. Profesor Asistente de la Universidad Federal de Fortaleza. Miembro de la Asociación Brasileña de Juristas para la Democracia (ABJD).

Paulo Vanucci
Periodista con Maestría en Ciencia Política. Comisario de la Comisión Interamericana de Derechos Humanos (2014-2017). Ministro de la Secretaría Especial de Derechos Humanos de Brasil (2005-2010). Presidente de Televisión de los Trabajadores (TVT) y Rádio Brasil Atual.

Hugo Cavalcanti Melo Filho
Juez de trabajo, titular del duodécimo tribunal laboral de Recife (TRT de la sexta región). Master en Ciencias Políticas (2002) y PhD en Ciencias Políticas (2013) de la Universidad Federal de Pernambuco. Profesor Adjunto de Derecho Laboral en la Facultad de Derecho de Recife (UFPE) y Profesor de Derecho Laboral en la Facultad de Derecho de Posgrado de la UFPE y la Facultad de Magistratura Laboral de la 6a Región.
Es vicepresidente del Instituto Italiano-Brasileño de Derecho Laboral y director de la Asociación Luso-Brasileña de Juristas Laborales. Representa a la Asociación Brasileña de Juristas para la Democracia (ABJD).

SCARICA LA RELAZIONE

VENEZUELA, vortice della guerra del XXI secolo

Un libro copyleft da leggere e da diffondere.

SCARICA IL LIBRO a questo link:

Venezuela_Vórtice_de_la_guerra_del_s_XXI_v.1.0_

Venezuela tra pirati, Covid-19 e sanzioni

di Marco Consolo*

Se non fosse seria, ci sarebbe da ridere per l’ipocrisia cinica dell’impero. Da quasi 20 anni Washington e Londra (e la Unione Europea) si comportano con il Venezuela di Maduro come i vecchi corsari.

In ordine di tempo, l’ultima misura del 2 luglio scorso è la decisione di un giudice britannico di non restituire 31 tonnellate di oro depositate dal Venezuela nella Bank of England, per un totale di circa 1 miliardo di dollari. La motivazione ufficiale del giudice e dei banchieri di “Sua Maestà” è che il governo britannico non riconosce il governo costituzionale di Nicolàs Maduro, bensì il fantoccio autoproclamato Juan Guaidò. Lo scorso marzo il Venezuela aveva richiesto un prestito di emergenza al Fondo monetario internazionale (FMI) per combattere il Covid-19, prestito negato sotto la pressione degli Stati Uniti. Anche in questo caso, la “giustificazione” del FMI era non riconoscere Nicolás Maduro come legittimo Presidente. Continua a leggere

Dal Parlamento Europeo, un’aggressione senza precedenti al Venezuela bolivariano

di Geraldina Colotti

Il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione dal titolo “Situazione umanitaria in Venezuela e crisi migratoria e dei rifugiati”. Un documento in 19 punti in cui si articola il piano di ingerenza contro la Repubblica bolivariana. Una nuova aggressione che smentisce i propositi espressi dal comunicato congiunto tra il capo della diplomazia europea Joseph Borrell e il ministro degli Esteri venezuelano Jorge Arreaza che sembrava aprire la strada a un atteggiamento diverso da parte della UE.

La pressione delle lobby che agiscono all’interno dell’organismo ha però evidentemente preso il sopravvento. La risoluzione riprende quelle già approvate in precedenza in linea con le decisioni del Pentagono e con le richieste dell’estrema destra venezuelana, ben rappresentata dal padre del leader di Voluntad Popular, Leopoldo Lopez, l’eurodeputato Leopoldo Lopez Gil.

La UE ha cominciato a emettere “sanzioni” al Venezuela nel 2017. In quel solco continua ora a definire “illegali” le istituzioni bolivariane e insiste nell’emettere misure coercitive unilaterali anche contro i parlamentari dell’opposizione moderata che hanno accettato il dialogo con il governo Maduro e le elezioni parlamentari del prossimo 6 dicembre. Dopo gli 11 funzionari colpiti, ora si propone di ampliare la lista. Continua a leggere

L’impatto della guerra economica in Venezuela

di Pasqualina Curcio *

È impossibile quantificare tutti gli effetti della guerra dichiarata dall’imperialismo sul popolo venezuelano. Gli attacchi che i venezuelani hanno subito dal 1999 non sono stati solo economici, ma anche psicologici. Non c’è modo di misurare le conseguenze dell’odio che l’opposizione antidemocratica, con una propaganda antisocialista, ha seminato, al punto di bruciare le persone vive per apparire “chavistas”. L’indignazione che il popolo venezuelano prova davanti a coloro che dichiarando di essere venezuelani, hanno venduto la Patria, è anche non quantificabile.

Detto questo, ma concentrandoci sull’aspetto economico, abbiamo aggiornato i calcoli che avevamo effettuato nel marzo 2019. A quel tempo, le perdite che questa guerra ha causato ammontavano a 125 miliardi di dollari. Ora abbiamo calcolato quelli corrispondenti al 2019, per un totale di 68 miliardi di dollari per quell’anno.

Pertanto, le perdite economiche totali tra il 2016 e il 2019 ammontano a 194 miliardi di dollari.

Per i venezuelani, 194 miliardi di dollari equivalgono a circa 16 mesi di produzione nazionale. Con quei soldi, avremmo potuto ripagare l’intero debito estero, che secondo il BCV è di $ 110 miliardi. Oppure avremmo risorse sufficienti per importare cibo e medicine per 45 anni.

Queste perdite sono disaggregate come segue: 25 miliardi di dollari statunitensi corrispondono al denaro e alle attività che ci sono state saccheggiate, mentre gli altri 169 miliardi di dollari statunitensi rappresentano ciò che abbiamo smesso di produrre dal 2016 al 2019 a causa del attacco alla compagnia petrolifera PDVSA (US $ 64 miliardi) e dell’attacco al bolivar (US $ 105 miliardi). Continua a leggere

Campagna Internazionale per la sospensione delle Sanzioni al Venezuela

Il testo base della “Campagna contro le sanzioni al Venezuela”. Sottolineamo l’importanza di questa Campagna internazionale in questo periodo critico per il Venezuela. Come sappiamo, oltre alla pandemia del Covid-19, il Paese è sottoposto a una guerra multi-dimensionale (economica, finanziaria, diplomatica, commerciale, mediatica, militare…) della quale le sanzioni sono una parte fondamentale.

Le firme di adesione alla campagna dovranno essere inviate il prima possibile a:

nosanciones@gmail.com

Trattandosi di una campagna internazionale del Partito della Sinistra Europea, è utile che con la firma si menzioni il Paese ITALIA in evidenza. L’idea è che nel mese di Luglio (e ove possibile Agosto) si possano raccogliere le firme di figure istituzionali (parlamentari, sindaci, consiglieri, etc.) accademici e intellettuali, sindacalisti, personalità della cultura e dell’arte, dei movimenti di solidarietà, associazionismo, esponenti religiosi, giornalisti, etc.

La campagna sta crescendo in maniera esponenziale ed ha già le adesioni di moltissime organizzazioni politiche e sindacali (una per tutti quella del Public Services International, Federazione Sindacale Internazionale che riunisce più di 700 sindacati in rappresentazione di circa 30 milioni di lavoratori e lavoratrici in 154 Paesi).

Invitiamo a dare la massima pubblicità alla campagna (siti web, Facebook Twitter, Instagram, etc).

(Area Esteri e Pace PRC-SE)

Continua a leggere

Venezuela: Maduro sospende l’espulsione dell’Ambasciatrice della U.E. dopo il dialogo tra J.Borrell e J.Arreaza

Il ministro degli Esteri venezuelano Jorge Arreaza ha riferito giovedì che il governo venezuelano e l’alto rappresentante per le relazioni estere dell’Unione europea (UE), Joseph Borrell, hanno concordato di “elevare le comunicazioni tra le due parti al massimo livello”.

In un’intervista a Telesur, Arreaza ha dichiarato che mercoledì ha avuto una conversazione “molto franco, molto sincera e allo stesso tempo molto cordiale” con Borrell. Continua a leggere

Venezuela: l’Ambasciatrice EU deve abbandonare il paese. Sanzioni EU anche verso settori dell’opposizione

L’ambasciatrice dell’Unione Europea a Caracas ha 72 ore per lasciare il Paese, dopo che il Presidente Maduro ha preso la decisione in risposta alle ennesime sanzioni, le quali, per la prima volta, colpiscono non solo i chavisti, ma anche gli oppositori favorevoli alle elezioni: in pratica una vera e propria ingerenza della UE a favore dell’altra parte della opposizione, quella golpista.

Durante la presentazione del Premio nazionale Simón Bolívar per il giornalismo al palazzo Miraflores a Caracas, il Presidente ha comunicato la decisione chiedendo nel contempo ai funzionari dell’Unione Europea di togliersi di dosso la tradizione coloniale e suprematista con la quale attaccano popoli liberi e sovrani.

Leggi anche:

Venezuela, di questi tempi c’è da vergognarsi di essere europei (da Il Fatto Quotidiano del 2 luglio 2020)

Continua a leggere

Colombia: a un passo dal baratro della guerra

di Marco Consolo

L’annuncio dato dall’ambasciata statunitense dell’arrivo in Colombia di un contingente militare con la scusa di “consigliare” nella lotta al narco-traffico è l’ennesimo schiaffo alla sovranità della Colombia ed una pugnalata alla sua indipendenza.

Secondo una nota congiunta dell’Ambasciata statunitense a Bogotà e del Ministero della Difesa colombiano, gli Stati Uniti invieranno una Brigata di assistenza delle forze di sicurezza (SFAB) contro il traffico di droga, a sostegno di un’operazione annunciata da Washington ad aprile e che ha come obiettivo finale non esplicitato l’abbattimento del governo venezuelano di Nicolás Maduro. Nella nota si precisa che lo SFAB, “formato per consigliare e assistere le operazioni nelle nazioni alleate”, inizierà la sua missione “all’inizio di giugno e durerà per diversi mesi”. La nota non specifica quanti militari saranno impegnati, ma diverse fonti parlano di 800 uomini. È la prima volta che questa brigata opera in un paese latinoamericano, un fatto che “ribadisce ancora una volta l’impegno degli Stati Uniti nei confronti della Colombia, il suo migliore alleato e amico della regione”. Continua a leggere

Dall’Unione Europea, milioni di euro per i ‘migranti’ venezuelani

di Geraldina Colotti

Se si hanno chiari i termini della lotta di classe, si sa che la sfacciataggine delle classi dominanti aumenta quanto più diminuisce il potere di chi dovrebbe contrapporglisi. Indignarsi serve a poco se non ci si organizza per cambiare le cose. Smascherare l’ipocrisia delle corporazioni mediatiche che servono il potere di quelle economiche è tuttavia un compito da prendere molto sul serio, a fronte dell’importanza crescente che i media hanno assunto nei conflitti di nuovo tipo. Continua a leggere

Covid-19: Come il Venezuela ha contenuto con successo la pandemia nel disinteresse dei media italiani

Giga: per il diritto ad una informazione corretta

Il Gruppo Insegnanti di Geografia Autorganizzati è da tempo impegnato a denunciare le manipolazioni del sistema d’informazione mainstream, Rai in prima fila, rispetto alle vicende latinoamericane tese a condizionare negativamente l’opinione pubblica nazionale in merito a questioni di stati o movimenti che aspirano all’emancipazione dei popoli e alla giustizia sociale. Emblematico il caso di Cuba, da cui abbiamo ricevuto generoso soccorso tramite l’invio una corposa squadra di medici per far fronte alle carenze della nostra struttura sanitaria di fronte all’emergenza pandemica, è passato praticamente inosservato l’appello dell’ex leader Cgil Susanna Camusso (https://fortebraccionews.wordpress.com/2020/04/05/bene-applaudire-i-medici-cubani-ma-ora-sospendiamo-le-sanzioni-susanna-camusso/) in merito alla rimozione dell’embargo, che la sta strangolando economicamente causando gravi sofferenze alla popolazione. Anche le violente repressioni, del governo di destra, tutt’ora in atto in Cile vengono ignorate dal nostro apparato mediatico mainstream. Infine in Venezuela, rispetto al quale la disinformazione ha raggiunto livelli inaccettabili con servizi raramente corrispondenti al vero e realizzati da giornalisti mai presenti in loco (o da studio o da altri paesi americani), divulghiamo, per completezza di informazione, questo articolo realizzato da un esponente della Rete di Solidarietà Rivoluzione Bolivariana che trovandosi in Venezuela ha potuto fornire una testimonianza, diretta e suffragata di dati oggettivi, della reale situazione e delle strategie implementate con successo per contrastarla.

Il Coordinamento del Gruppo Insegnanti di Geografia Autorganizzati

 

Continua a leggere

Nuove rivelazioni sull’Operazione Gedeone: USA e Colombia, un piano per saccheggiare il Venezuela

di Geraldina Colotti

Uno dei volti più odiosi dell’opposizione golpista venezuelana è quello di Julio Borges, che si definisce pomposamente “commissario presidenziale all’estero”. Una carica virtuale così come lo è il “governo” dell’autoproclamato “presidente a interim”, Juan Guaidó.

Il governo di Narnia, lo ha definito con ragione il ministro della Comunicazione Jorge Rodriguez, durante un aggiornamento dei fatti relativi al tentativo di incursione mercenario sulle coste del Venezuela. Un piano contemplato nel contratto stipulato, con tanto di firma, tra l’impresa di contractor nordamericana Silvercorp e il comitato d’affari (sporchi) diretto da Guaidó. Continua a leggere

PER LA PACE IN VENEZUELA, contro qualsiasi tentativo di intervento militare o di violenza paramilitare (Comunicato dei Sindacati dell’America Latina)

POR LA PAZ EN VENEZUELA, CONTRA CUALQUIER INTENTO DE INTERVENCION MILITAR O VIOLENCIA PARAMILITAR

La Confederación Sindical de trabajadores/as de las Américas, CSA, que representa a 55
millones de trabajadoras/es en el continente, expresa nuevamente su firme condena frente a la cada vez más agresiva política del gobierno de los EE. UU, presidido por Donald Trump, contra Venezuela y su escalada de medidas económicas, diplomáticas y amenazas militares contra ese país. Desde la CSA ya hemos cuestionado por injustas y desmedidas las sanciones económicas impuestas a Venezuela desde 2016 por parte del gobierno de EUA, Unión Europea y otros gobiernos del mundo. La CSA siempre ha defendido el diálogo con todos los sectores venezolanos, para encontrar una salida de paz y respeto al Estado democrático de Derecho.

El mundo atraviesa por una pandemia donde la preservación de la vida, el combate al virus COVID 19 es una prioridad absoluta. Cualquier acción de recrudecimiento de sanciones económicas, estímulo a la violencia e intentos de intervención militar, sea cual sea el pretexto usado, es un acto criminal contra la población venezolana y una amenaza a la paz en América Latina y Caribe.

En este momento que vive el mundo, utilizar una política unilateral, arbitraria e ilegal de
decisiones de los órganos de poder en los EE.UU., viene a profundizar una postura
intervencionista y violatoria de la legalidad internacional. El día 26 de marzo, el Fiscal General de EE. UU anuncia la acusación al presidente de la República Bolivariana de Venezuela, Nicolás Maduro, de ser jefe del narcotráfico internacional, responsable de la cocaína que ingresa a territorio estadounidense y pone precio a su cabeza, así como a la de una parte de los altos mandos militares y políticos de ese país.

El 1ero. de abril, el Secretario de Estado Mike Pompeo, anuncia una iniciativa denominada Marco de transición democrática en Venezuela, que supuestamente deberá conducir a “elecciones presidenciales y parlamentarias libres”, previa a la renuncia del presidente Maduro y el supuesto presidente transitorio, diputado Juan Guaido.

El día 2 de abril, se anuncia la decisión del Departamento de Defensa de enviar la mayor flota naval y aérea, de que se tenga conocimiento en la historia reciente de la región, para bloquear el supuesto tráfico de estupefacientes de Venezuela hacia los EE.UU.
Son medidas que extrapolan la competencia de las instituciones estadounidenses frente a Venezuela que, además de ilegal, es absolutamente equivocada por aprovechar el momento de la pandemia para profundizar la crisis en ese país.

Rechazamos la actitud irresponsable del secretario general de la OEA y gobiernos de la región, que en medio de una emergencia sanitaria que sacrifica a centenares de ciudadanos de sus países, expresan su apoyo a un plan de agresión criminal que solo profundizará el sufrimiento del pueblo de Venezuela.

La escalada de agresión va en contravía del llamado del secretario general de las Naciones Unidas, Antonio Guterres, de poner fin a los conflictos militares y levantar las sanciones a todos los países del mundo para poder hacer frente a la pandemia del COVID19.

Defendemos, además del fin de las sanciones económicas y una inmediata acción de la ONU, del FMI, del Banco Mundial y del BID, en coordinación con el estado venezolano, para apoyar al pueblo de Venezuela con todo aquello que le permita hacer frente a la pandemia y sobre todo atender las necesidades socio económicas en el corto, mediano y largo plazo para mitigar los efectos de la pandemia en el país.

La CSA reafirma su solidaridad con el pueblo de Venezuela y demanda de todos los
gobiernos de la región y del mundo, así como también de los organismos internacionales, rechazar la agenda de violencia e intentos de posibles intervenciones militares.

Hacemos un llamado a todas las fuerzas políticas, económicas y sociales de Venezuela a la unidad nacional y poner en absoluta prioridad el combate a la pandemia para preservación de la vida de las venezolanas y venezolanos.

 

Rafael Freire Neto
Secretario General

Montevideo, 5 de abril de 2020

 

Confederación Sindical de trabajadores/as de las Américas – CSA

Calle Buenos Aires, 404/406 – Montevideo, 11000 – Uruguay
Teléfono: + (598) 2 914 75 88 – sede@csa-csi.orghttp://www.csa-csi.org

 

Il Venezuela denuncia blocco navale statunitense. Nemmeno la pandemia Covid-19 ferma l’imperialismo USA

Nel mezzo della crisi scatenata dalla pandemia di Covid-19 gli Stati Uniti invece di pensare a come provvedere al meglio alla salute dei propri cittadini attuano un blocco navale nei confronti del Venezuela.

Il vicepresidente della Repubblica Bolivariana, Tareck el Aissami, ha denunciato che le misure coercitive applicate dagli Stati Uniti impediscono la normale fornitura di carburante.

“Con questo piano di blocco navale perverso e le ricorrenti intimidazioni portate avanti contro potenziali fornitori nel paese, (gli Stati Uniti) impediscono la fornitura di additivi chimici, forniture e pezzi di ricambio necessari per il processo di produzione del combustibile che è distribuito in tutto il territorio nazionale”, afferma il dirigente venezuelano.

Gli attacchi statunitensi – aggiunge il dirigente venezuelano – contro l’industria petrolifera costituiscono gravi violazioni dei diritti umani del popolo venezuelano e quindi diventano reati contro l’umanità contrari al diritto internazionale e alle Nazioni Unite.

Il vicepresidente ha denunciato inoltre una serie di minacce contro l’integrità territoriale e la sovranità del Venezuela materializzate in un blocco navale per aggravare la situazione del popolo venezuelano che sta conducendo una battaglia contro Covid-19.

Il paese sudamericano, ha aggiunto El Aissami, ha progettato misure rigorose per il controllo epidemiologico e la prevenzione della diffusione di questa malattia, che include la quarantena sociale che è stata altamente sensibile alla conformità. Al contrario degli Stati Uniti dove ormai il contagio è fuori controllo e il numero degli infetti continua a crescere esponenzialmente ogni giorno. I morti hanno già oltrepassato quota 7000. Una situazione che il governatore di New York, Andrew Cuomo, ha definito “disastro nazionale”

Secondo il funzionario venezuelano, queste azioni estremiste del governo degli Stati Uniti cercano di aggravare le difficoltà del popolo venezuelano ad affrontare la pandemia di coronavirus, il cui piano è di influenzare il cuore dell’attività economica dello sviluppo industriale e produttivo, nonché servizi di trasporto, energia elettrica tra gli altri.

“La classe operaia dell’industria petrolifera e del settore elettrico in collaborazione con le forze armate nazionali bolivariane lavora instancabilmente per superare questa situazione il più presto possibile e ripristinare la fornitura regolare di carburante per l’intero paese nel più breve tempo possibile”, ha riferito il vicepresidente con delega all’economia.

Ha anche affermato che è stato istituito un piano speciale volto a garantire la mobilità dei settori prioritari nel quadro dello stato di allarme decretato dal presidente e che questi sono esenti dalla quarantena collettiva.

El Aissami ha aggiunto: “Deploriamo la posizione dei settori estremisti dell’opposizione venezuelana che progettano ed eseguono queste vili azioni contro il popolo. La storia giudicherà senza pietà questi traditori della patria”.

 

 

FONTE: https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-il_venezuela_denuncia_blocco_navale_statunitense

Comunicato ufficiale del Governo del Venezuela di risposta alle accuse “miserabili” degli Usa

“in un momento in cui l’umanità sta affrontando la peggior pandemia, il governo di Donald Trump torna ad attaccare il popolo venezuelano e le sue istituzioni democratiche, usando una nuova forma di colpo di stato”

Pubblichiamo la traduzione del Comunicato ufficiale del governo della Repubblica bolivariana del Venezuela alle miserabili e vili accuse ricevute oggi dal governo di Trump


Continua a leggere

USA/Venezuela: Taglia di 20 milioni di dollari per acciuffare il biondo

Nel bel mezzo della pandemia, Trump annuncia l’inasprimento delle sanzioni all’Iran e il Dipartimento di Stato USA mette una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura del Presidente del Venezuela Maduro e di altri ministri del governo venezuelano.

L’accusa raggiunta a seguito di indagini delle autorità federali Usa è “narcotraffico”.

L’accusa di “narcotraffico” da parte del governo del paese maggior importatore e consumatore al mondo di cocaina, eroina e molte altre sostanze stupefacenti ha dell’incredibile. Ricorda obiettivamente la favola del lupo e dell’agnello. Ve la ricordate ?

Continua a leggere

COVID-19: M5S, in sintonia con UNHCR, chiede moratoria sanzioni a Iran, Venezuela, Cuba, Siria e Corea del nord

Roma, 23 mar 12:25 – (Agenzia Nova) – I parlamentari del Movimento cinque stelle delle commissioni Affari esteri di Camera e Senato hanno chiesto una “moratoria umanitaria” delle sanzioni nei confronti di Iran, Siria, Venezuela, Cuba e Corea del Nord a causa della diffusione della pandemia di coronavirus. Continua a leggere

Pandemia: La Casa Bianca e FMI i primi infetti

di Atilio A. Boron

Guerre, crisi economiche, disastri naturali e pandemie sono eventi catastrofici che fanno emergere il peggio e il meglio nelle persone – sia nei leader che nella gente comune – e anche negli attori sociali e nelle istituzioni. È in circostanze così avverse che le belle parole svaniscono nel nulla e danno luogo ad azioni e comportamenti concreti. Giorni fa e trattenendo a malapena le lacrime, il presidente della Serbia, Aleksandar Vucic, ha denunciato davanti alle telecamere il grande inganno della “solidarietà europea”. Non esiste una cosa del genere, ha detto Vucic, è una favola per bambini, carta straccia. Ha poi ringraziato la Repubblica Popolare Cinese per la sua collaborazione. E aveva ragione nella sua denuncia. Dall’America Latina abbiamo a lungo avvertito che l’Unione Europea era un sottile raggiro, pensato per avvantaggiare la Germania più di ogni altra cosa attraverso il controllo della Banca Centrale Europea (BCE) e con l’Euro per assoggettare i paesi dell’Eurozona ai capricci – o agli interessi – di Berlino. L’esitante reazione iniziale della BCE all’eccezionale richiesta di aiuto dell’Italia per affrontare la pandemia che sta devastando la penisola ha mostrato per alcune ore ciò che il leader serbo aveva denunciato. Un scandaloso “ognuno per sé”, che smonta la retorica sdolcinata de “l’Europa dei cittadini” e “Europa una e multipla” e altre simili balle. Una favola per bambini, come diceva Vucic. Continua a leggere

La Regione Lombardia chiede aiuto ai medici cubani, cinesi e venezuelani per sconfiggere il Coronavirus

Per far fronte all’emergenza Coronavirus e disporre di un numero maggiore di personale sanitario, la Giunta della Regione Lombardia ha aperto agli Stati storicamente di sinistra. L’assessore al Welfare Gallera ha detto di “aver avuto contatti con Cuba, Venezuela e Cina per l’invio di medici e infermieri”.

Nel corso della consueta conferenza stampa della Regione Lombardia tenuta dal presidente Attilio Fontana e gli assessori Giulio Gallera, Davide Caparini e Pietro Foroni, è emerso anche il dato dei medici e degli infermieri che hanno risposto alla chiamata per entrare da subito in servizio e aiutare nella lotta all’emergenza Coronavirus. Continua a leggere

Maduro: “Il Brasile si prepara ad attaccare il Venezuela”

di Mauro Gemma (da Marx21.it)

Il presidente Nicolás Maduro ha accusato il suo omologo brasiliano, Jair Bolsonaro, di ospitare ed addestrare ex militari venezuelani che hanno disertato allo scopo dichiarato di preparare un attacco armato contro il Venezuela.

Il presidente venezuelano ha denunciato che in tal modo il Brasile si appresta ad aggredire il Venezuela. Continua a leggere

Venezuela, nuove sanzioni USA e strani attacchi ‘da sinistra’ alla Rivoluzione Bolivariana

di Geraldina Colotti

Un articolo fotocopia, seppur comparso con firme diverse sia su un grande quotidiano italiano che sulla versione in spagnolo del New York Times (“Champán en medio de la crisis”) compie un’operazione ardita: criticare “da sinistra” la politica economica del governo venezuelano. Dietro la “retorica socialista” di Maduro – dice in sostanza il Nyt, e così la copia italiana – vi sarebbe, in realtà, il ritorno sic e simpliciter alle ricette neoliberiste. “Il ritorno a un capitalismo selvaggio che cancella anni di lotta”, sosterrebbe addirittura Elias Jaua, ex vicepresidente di Chávez, “che tuttavia – scrive il NYT – fa parte della direzione del Partito Socialista Unito del Venezuela”. Continua a leggere

Dichiarazione finale dell’incontro mondiale contro l’imperialismo (Caracas, 22-24 gennaio 2020)

Noi, delegazioni dei partiti politici e movimenti sociali riuniti a Caracas, capitale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, in occasione dell’ “Incontro Mondiale contro l’Imperialismo”, dopo la discussione realizzata, siamo arrivati alle seguenti conclusioni:

Il futuro dell’umanità è in grave pericolo. La pace del pianeta è seriamente minacciata come risultato di una politica di aggressioni militari degli USA e dei suoi alleati, così come della mortale corsa agli armamenti che porta solo dividendi alle grandi imprese dell’industria militare. La guerra è il meccanismo prediletto dell’espansionismo imperiale, in particolare degli Stati Uniti e questo si nota drammaticamente nei conflitti più recenti che hanno colpito gravemente i popoli della Siria, Yemen, Iraq, Libia, Afghanistan e tutta la regione. Continua a leggere

Le complicate relazioni Stati Uniti – America Latina e Caraibi: dal sentimento antistatunitense alle organizzazioni anti-egemoniche

di Alessandro Fanetti

Adesso l’America è, per il mondo, nient’altro che gli Stati Uniti: noi abitiamo in una sub-America, un’America di seconda classe, difficile da identificare. È l’America Latina, la regione delle vene aperte.

Eduardo Galeano

Il continente americano è, oramai da secoli, una fedele rappresentazione delle disuguaglianze esistenti nel mondo. Contributo fondamentale a tale situazione viene offerto dalla contemporanea esistenza di “due mondi” opposti:

  • l’ “opulenza” statunitense

  • lo sfruttamento subito dall’area a sud del Rio Bravo

Continua a leggere

Contro i droni degli USA, il Venezuela punta sulla RAAS

di Geraldina Colotti

“Se l’imperialismo crede di far paura al popolo venezuelano, avrà la sua risposta nelle piazze”. Così dichiarava il presidente Nicolas Maduro a maggio del 2017, un anno di guerra interna diretta dagli Stati uniti mediante l’opposizione golpista. Mesi di violenze (le guarimbas) raccontate al contrario dai media egemonici, disinnescate dalla proposta di Maduro annunciata il Primo Maggio, festa delle lavoratrici e dei lavoratori: la convocazione di un’Assemblea Nazionale Costituente, ovvero il ricorso al massimo grado del potere popolare, quello costituente. Continua a leggere

Venezuela. Dopo la debacle di Guaidò, gli Stati Uniti sanzionano anche 7 deputati dell’opposizione

Non conosce fine l’escalation delle sanzioni illegali degli Usa. Il Dipartiamento del Tesoro degli Stati Uniti ha aggiunto nella sua lista di sanzioni 7 deputati dell’opposizione venezuelana, compreso il nuovo presidente dell’Assemblea Nazionale Luis Parra.

I parlamentari sanzionati dal governo degli Stati Uniti sono: Continua a leggere

DOPO COVID-19

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Unisciti ad altri 1.712 follower

Blog Stats

  • 1.206.048 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 

cambiailmondo2012@gmail.com