America, CRISIS, Geopolitica Conflitti Pace, Politica, Russia, Ukraina

Ucraina: intrappolata in una zona di guerra

di Michael Roberts – (Traduzione da Michael Roberts blog. Blogging from a Marxist economist)

Mentre per l’Ucraina stanno suonando i tamburi di guerra, quale sarà l’impatto che avrà tutto questo sull’economia del paese e sugli standard di vita dei suoi 44 milioni di abitanti, sia che la guerra venga evitata o meno?
Ho già scritto diverse volte sull’Ucraina, durante la grave crisi economica che il paese ha vissuto nel 2013-14, culminata poi con il crollo del governo in carica, con la rivolta di Maidan e infine con l’annessione alla Russia della Crimea e delle province orientali prevalentemente russofone. Per la gente, la situazione allora era terribile. È migliorata un po’ in seguito, ma la crescita economica rimane piuttosto modesta e nel migliore dei casi gli standard di vita continuano a rimanere stagnanti. In 12 anni, il salario reale medio non è aumentato, ed è crollato pesantemente dopo la crisi del 2014.

Salario reale annuo medio UAH a prezzi 2017

L’Ucraina è stata la regione più colpita dal crollo dell’Unione Sovietica e dalla “shock therapy” della restaurazione capitalista nell’Europa orientale e nella stessa Russia. Tutti gli ex satelliti sovietici hanno impiegato molto tempo per recuperare il PIL pro capite e i livelli di reddito, ma nel caso dell’Ucraina non sono mai tornati al livello del 1990. La performance dell’Ucraina tra il 1990 e il 2017, non è stata solo la peggiore tra quelle dei suoi vicini europei, ma è stata la quinta peggiore in tutto il mondo. Tra il 1990 e il 2017 ci sono stati solo 18 paesi con una crescita cumulativa negativa, e perfino in quel gruppo selezionato, la performance dell’Ucraina la colloca come il terzo paese peggiore insieme alla Repubblica Democratica del Congo, al Burundi e allo Yemen.

Crescita del PIL pro-capite dell’Ucraina 1990-2017

Rispetto a tutti i paesi del mondoRispetto ai paesi della regione

(crescita cumulativa tra 1990-2017)

Nota: L’Ucraina ha avuto la quinta performance di crescita negativa di tutto il mondo nel periodo 1990-2017

Fonte WDI, PIL procapitea PPP (dollaro internazionale del 2011)

Nella crisi del debito e della moneta del 2014, l’Ucraina è stata salvata dal tracollo totale grazie a tre cose: in primo luogo, l’essere stata inadempiente riguardo al suo debito verso la Russia, e che (nonostante molti sforzi) la Russia finora non è mai stata in grado di recuperare. In secondo luogo, i governi post-Maidan si sono impegnati in una serie di salvataggi grazie ai prestiti del FMI; e in terzo luogo, il prezzo pagato per questi prestiti è stato un severo programma di tagli nei servizi pubblici e nel sostegno al welfare. L’Ucraina deve alla Russia più di 3 miliardi di dollari, o più del 10% delle sue riserve in valuta estera e, se venisse pagato, tale debito porterebbe a più che raddoppiare il deficit dell’Ucraina nei confronti con l’estero. Attualmente, questo disavanzo viene coperto dai fondi del FMI, mentre nel frattempo l’Ucraina “negozia” con la Russia una “ristrutturazione del debito“, presumibilmente con la mediazione dalla Germania. L’Ucraina, sottrattasi all’influenza russa dal 2014, ha scelto, o è stata costretta ad affidarsi all’«Occidente» e al credito del FMI per sostenere la sua moneta e sperare in qualche miglioramento economico. Le elargizioni del FMI continuano. L’ultima ha comportato un accordo per estendere i prestiti fino al 2022, per un valore di 700 milioni di dollari su un totale di 5 miliardi di dollari di “accordo stand-by” del FMI.  Per questi soldi, l’Ucraina «deve mantenere il proprio debito “sostenibile”, salvaguardare l’indipendenza della banca centrale, riportare l’inflazione nel suo “range target” e combattere la corruzione». Pertanto, le misure di austerità devono essere applicate alla spesa pubblica; la banca centrale deve agire nell’interesse dei debitori stranieri, non consentire che la moneta si svaluti troppo, e tenere inoltre alti i tassi di interesse senza che il governo interferisca; inoltre deve essere tenuta sotto controllo la corruzione, dilagante nel governo, con gli oligarchi ucraini (si veda il rapporto dell’accordo stand-by del FMI del novembre 2021). Negli ultimi dieci anni, i vari governi hanno applicato le misure di austerità. L’attuale pacchetto del FMI richiede un aumento delle tasse equivalente allo 0,5% del PIL annuo, un aumento dei contributi pensionistici e un aumento delle tariffe energetiche. Tutte queste misure porteranno ad un ulteriore calo della spesa per il welfare, che scenderà dal 20% del PIL del periodo di crisi del 2014, fino ad appena il 13% quest’anno.

Ucraina: spesa sociale come % del PIL

In blu: sussidi di disccupazione, arancione: pensioni, in grigio la spesa sociale

Allo stesso tempo, il governo deve opporsi a qualsiasi aumento dei salari nel settore pubblico al fine di compensare i tassi di inflazione ormai quasi a due cifre.

Spesa pubblica sui salari come % del PIL

Soprattutto, il FMI insiste, con l’appoggio dell’ultimo governo post-Maidan, perché si realizzi una sostanziale privatizzazione delle banche e delle imprese statali, nell’interesse dell’ “efficienza” e per controllare la “corruzione“.  «Le autorità si devono impegnare a ridimensionare il settore delle imprese statali. L’adozione di una politica generale nei confronti della proprietà statale sarebbe un passo fondamentale. In definitiva, l’aziendalizzazione e il concomitante miglioramento delle prestazioni delle aziende di Stato non strategiche dovrebbero portare alla loro privatizzazione. Sono in corso anche dei preparativi per attuare una strategia delle autorità per ridurre la proprietà statale nel settore bancario. Aggiornata nell’agosto 2020, la strategia prevede una riduzione della proprietà statale al di sotto del 25% delle attività nette del settore bancario entro il 2025». La mossa più significativa è stata quella di privatizzare le proprietà terriere.  In Ucraina si trova circa un quarto delle fertili «terre nere» (Chernozem) del pianeta ed il paese è già il più grande produttore mondiale di olio di girasole, oltre ad essere il quarto produttore di mais. Insieme alla soia, i girasoli e il mais rappresentano le principali coltivazioni della cosiddetta «Cintura dei Girasoli», che si estende da Kharkiv, a est, fino alla regione di Ternopil, a ovest. Ma la produttività agricola è scarsa. Nel 2014, in Ucraina il valore aggiunto agricolo per ettaro era di 413 dollari, se paragonato ai 1.142 dollari della Polonia, ai 1.507 dollari della Germania e ai 2.444 dollari della Francia.  La terra si trova ad essere estremamente suddivisa, polarizzata tra una piccola forza lavoro occupata in grandi aziende commerciali meccanizzate, da una parte, e la massa dei contadini che coltivano i loro piccoli appezzamenti, dall’altra. Circa il 30% della popolazione vive ancora in zone rurali, e l’agricoltura dà lavoro a più del 14% della forza lavoro. Una delle grandi richieste che, negli ultimi anni, viene fatta all’Ucraina dai consulenti occidentali, è che il paese dovrebbe “liberalizzare” il mercato della terra in modo che si possa così scatenare «una prosperosa dinamica di crescita». Il FMI calcola che una simile liberalizzazione aggiungerebbe 0,6-1,2% punti alla crescita annuale del PIL, a seconda che il governo favorisca o meno la proprietà terriera agli stranieri che a livello nazionale, ma il governo pone delle resistenze nel permettere agli stranieri di comprare la terra. Comunque nel 2024, le persone giuridiche ucraine saranno in grado di portare avanti le transazioni che coinvolgono fino a 10.000 ettari, e che potranno essere applicate a una superficie agricola di 42,7 milioni di ettari (103 milioni di acri) equivalenti all’intera superficie dello stato della California, o a tutta l’Italia! La Banca Mondiale sta sbavando, positivamente soddisfatta per questa apertura dell’industria chiave dell’Ucraina all’impresa capitalista: «Questo è, senza alcuna esagerazione, un evento storico reso possibile dalla leadership del presidente dell’Ucraina, dalla volontà del parlamento e dal duro lavoro del governo».  In questo modo, l’Ucraina progetta di aprire ancora di più la sua economia al capitale, in particolare al capitale straniero, nella speranza che ciò porti ad una crescita e ad una prosperità più rapida. Ma è solo una speranza.  L’attuale crescita economica annuale viene ottimisticamente prevista ad un tasso del 4% l’anno, mentre l’inflazione continuerà ad essere dell’8-10% l’anno. La disoccupazione rimane ostinatamente alta (10%), mentre gli investimenti delle imprese sono in caduta libera (-40%). Tutto ciò sembra essere di buon auspicio per un boom capitalista. L’investimento di capitale è modesto perché la profittabilità del capitale è molto bassa.

Ucraina: saggio del profitto lordo sul capitale (serie EWPT. 7.0)

Forse, per alcuni capitalisti, probabilmente per lo più stranieri, le ricchezze che si otterranno dalla privatizzazione dei beni statali e delle terre daranno frutti, ma la maggior parte dei profitti probabilmente scomparirà, a causa della corruzione che rimane dilagante. Il FMI ammette che se la corruzione non verrà ridotta, non ci sarà alcuna ripresa, e l’Ucraina non riuscirà a raggiungere il resto dei suoi vicini occidentali.

Proiezioni del PIL per l’Ucraina basate sui livelli di corruzione

PIL procapite dell’Ucraina rispetto alla media europea (% del PIL misurata a PPP)

Fonte: proiezioni WEO (Ottobre 2016) e calcoli dello staff

Ufficialmente, il coefficiente GINI dell’Ucraina, che misura la disuguaglianza del reddito, è il più basso in Europa, in parte è questo il motivo per cui l’Ucraina è così povera: non esiste praticamente una classe media, e i ricconi nascondono il loro reddito e la loro ricchezza, pagando poche o nessuna tassa.  La “economia sommersa” è molto diffusa, ragion per cui il 10% più ricco ha una ricchezza e un reddito 40 volte maggiore degli ucraini più poveri.  L’attuale rapporto mondiale sulla felicità pone l’Ucraina al 111° posto su 150 paesi, piazzandola al di sotto di molti paesi dell’Africa sub-sahariana. Inoltre il conflitto con la Russia è costato enormemente. Secondo il Center for Economic and Business Research (CEBR), in sei anni, dal 2014 al 2020, la perdita di PIL è stata di 280 miliardi di dollari, che equivale a 40 miliardi di dollari l’anno. L’annessione alla Russia della Crimea ha portato a perdite che sono arrivate fino a 8,3 miliardi di dollari l’anno per l’Ucraina, mentre il conflitto in corso nel Donbas costa all’economia ucraina fino a 14,6 miliardi di dollari l’anno. Le perdite totali dovute a queste due sole occupazioni, dal 2014, ammontano a 102 miliardi di dollari. Il CEBR afferma che il conflitto ha avuto un impatto significativo sull’economia ucraina, anche perché ha ridotto la fiducia degli investitori nel paese, cosa che, a sua volta, ha portato ad una perdita di 72 miliardi di dollari – 10,3 miliardi di dollari l’anno.  Il calo costante delle esportazioni ha causato all’Ucraina, tra il 2014 e il 2020, perdite totali fino a 162 miliardi di dollari. Per l’Ucraina la perdita complessiva di beni immobili, in Crimea e nel Donbas, causata dalla distruzione o dal danneggiamento ammonta a 117 miliardi di dollari. L’importo totale delle mancate entrate fiscali per il bilancio dell’Ucraina, relativamente al periodo 2014-2020, è di 48,5 miliardi di dollari. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, e dopo aver ottenuto la sua indipendenza ufficialmente nel 1994, il popolo ucraino è stato depredato dagli oligarchi che hanno spremuto i beni e le risorse del paese, e anche dai governi che fanno oscillare il loro sostegno dalla Russia di Putin all’UE. Dopo la rivolta di Maidan contro il governo filorusso, in Ucraina gli ultra-nazionalisti hanno dominato la politica del governo, chiedendo che l’Ucraina entri nell’UE e soprattutto nella NATO, per poter riconquistare i territori annessi dalla Russia. La crudele ironia è che la Germania non ha alcuna intenzione di permettere, a un’Ucraina volatile e molto povera, di entrare nell’UE; ci sono troppi problemi e troppi costi, mentre anche gli Stati Uniti probabilmente si faranno degli scrupoli alla sua adesione alla NATO. A sua volta, la Russia non ha alcuna intenzione di riconsegnare al controllo di Kiev le regioni di lingua russa, e invece sta chiedendo per queste un’autonomia permanente, e un accordo che faccia sì che l’Ucraina non entri mai nella NATO. I cosiddetti accordi di Minsk del 2014-15, firmati dalle grandi potenze e da un precedente governo ucraino, non possono riconciliare questa divisione. Così i nazionalisti di Kiev, incoraggiati dagli Stati Uniti, continuano a fare pressioni, e i russi continuano a preparare una possibile invasione al fine di forzare così un accordo che riesca a dividere il paese in modo permanente. L’Ucraina si trova a essere intrappolata tra gli interessi dell’imperialismo occidentale e quelli del capitalismo russo.

Michael Roberts  – Pubblicato il 14/2/2022

Fonte: Michael Roberts blog. Blogging from a Marxist economist

Discussione

Un pensiero su “Ucraina: intrappolata in una zona di guerra

  1. Articolo di Roberts molto interessante e istruttivo; soprattutto per la prassi FMI e BM applicata al paese similmente a quanto accade a tutti i paesi pvs del sud del mondo. C’è però un errore significativo all’inizio: le due repubbliche russofone non sono annesse (come la Crimea), anzi sono oggetto della contrattazione che secondo gli accordi di Minsk prevedono la loro autonomia all’interno dell’Ukraina stessa; cosa non indifferente perché forse il centro della questione, forse risolvibile per via diplomatica, è proprio questo. L’altra cosa convincente solo in parte è il titolo e le conclusioni: la logica degli opposti imperialismi, seppure in parte condivisibile, sarebbe da relativizzare. C’è un peso diverso evidente tra i due contendenti, desumibile sia sul piano del PIL (quello russo è più o meno uguale a quello inglese, mentre quello USA è quasi 10 volte superiore con tutti gli annessi globali, senza contare gli altri paesi NATO) e anche sul piano della dislocazione geografica di armamenti e di basi militari. Da questo punto di vista l’imperialismo russo è quello che cerca di difendersi. L’Ukraina è stretta nella morsa, è vero, ma in questo momento è anche nelle mani dell’imperialismo più aggressivo, un destino in cui spesso incorrono i paesi che non sono in grado di instaurare un minimo di sovranità che consenta loro una relativa resilienza rispetto alle spinte che li sollecitano dall’esterno.

    "Mi piace"

    Pubblicato da cambiailmondo | 18/02/2022, 22:47

Rispondi a cambiailmondo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

DOPO COVID-19

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Unisciti ad altri 1.767 follower

Blog Stats

  • 1.296.217 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 

cambiailmondo2012@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: