America, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Geopolitica Conflitti Pace, Politica

CILE: parla il Presidente del Partito Comunista del Cile

26 dicembre 2021

Non giocheremo un ruolo egemonico nel governo di Boric”.

“Siamo il più grande partito della coalizione “Apruebo Dignidad”, molto bene. Ma l’unica cosa che ci fa vedere è che abbiamo una grande responsabilità”, sottolinea il presidente del Partito Comunista, Guillermo Teillier. Sul ruolo dei comunisti nel futuro gabinetto di Gabriel Boric, ha detto che spetta al presidente eletto decidere “se siamo nel comitato politico o no”. Ha sostenuto che “siamo d’accordo con quello che ha detto Boric, che il suo governo avrà entrambi i piedi in strada, strettamente legato al movimento sociale”.

di Hugo Guzmán

A cosa attribuisce il trionfo di Gabriel Boric, soprattutto con una distanza di 10 punti su José Antonio Kast?

Ci sono diversi elementi. In primo luogo, è stato possibile convincere settori di altre forze politiche a votare per Boric; la base di molti partiti che non fanno parte di Apruebo Dignidad ha votato per Boric. Una cosa molto importante è che abbiamo fatto appello ai giovani che avevano votato per l’Apruebo (nuova Costituzione), ma che non avevano votato al primo turno e che lo hanno fatto al ballottaggio, dicendo che bisognava difendere la democrazia, una nuova Costituzione e che bisognava andare avanti per rispondere alle richieste sociali fatte dall’ottobre 2019, nella rivolta popolare. Il recupero del terreno perso in luoghi come Antofagasta, che rende chiaro che il voto per (Franco) Parisi è andato a Boric, non a Kast, e il voto nella Regione Metropolitana è stato abbastanza grande e spettacolare. Ci sono stati ottime votazioni nei comuni popolari, per esempio Lo Espejo, dove Boric ha avuto il 72%, altri come Pedro Aguirre Cerda con alta votazione, El Bosque, Puente Alto, e la regione di Valparaíso altrettanto, con molti voti per Boric. Il terreno è stato riconquistato in diversi comuni dove Kast aveva vinto al primo turno. È stato anche importante che Gabriel Boric abbia chiarito molto bene i punti chiave del programma che porterà avanti. Un altro fattore è che c’è stato molto movimento sui territori, nelle reti sociali, e nella pubblicità elettorale il progetto è stato presentato molto bene.

Vale la pena sottolineare che il comando è stato riconfigurato nel secondo turno, che è stato allargato, che ci sono state figure che hanno giocato un ruolo molto importante, di tutti i partiti, con indipendenti, c’è stato un rafforzamento di tutto il lavoro che una campagna elettorale di questa natura richiede.

Ha anche a che vedere con il fatto che Kast ha sbagliato completamente campagna, con il suo anticomunismo abusivo e ripetitivo. E ha sbagliato soprattutto pensando che la sua missione fosse di vincere contro il comunismo, senza rendersi conto che questo non è un programma dei comunisti, ma di un collettivo, di vari partiti, di molti professionisti, che è stato fatto insieme alla gente. Questo è stato uno dei fattori della sconfitta di Kast. La gente ha capito che questa campagna fa parte di una formula di questi settori per giustificare le loro politiche e la loro prepotenza oltraggiosa.

Ma non vogliono metterlo da parte. Ed ora parlano di come il Partito Comunista sarà un peso per il governo di Boric, che sarà rigido, che è estremo. Ripetono quello che hanno detto in campagna elettorale.

L’anticomunismo è stato sconfitto dal popolo cileno. È stato il popolo cileno a vincere. Noi partecipiamo a questo trionfo, ma è il popolo che ha difeso la democrazia e il processo costituente.

Ora, noi comunisti, lo abbiamo detto e deve essere chiaro, non abbiamo intenzione di giocare un ruolo egemonico nel governo di Boric. Siamo il più grande partito del conglomerato Apruebo Dignidad, molto bene. Ma l’unica cosa che ci fa capire è che abbiamo una grande responsabilità. Il popolo ci ha dato una responsabilità, ci ha dato più voti, più parlamentari, ci ha permesso di rompere l’esclusione nel Senato, di avere più consiglieri regionali, ma questo non significa che saremo la forza egemone. Vogliamo agire su un piano di parità con le altre forze. Se partecipiamo al gabinetto ministeriale, vogliamo farlo su un piano di parità con tutti gli altri, non vogliamo avere privilegi, ma nemmeno essere sottovalutati. In altre parole, abbiamo gli stessi diritti e vogliamo avere le stesse opportunità.

In questo senso, cosa diresti sul fatto che il PC dovrebbe essere nel comitato politico di La Moneda?

Questa è una decisione del presidente eletto che ha detto che formerà il governo prima del 25 gennaio. Bisognerà vedere, dovrà decidere lui. Boric ha detto che conversarà con i partiti – senza che i partiti impongano la loro volontà al Presidente eletto – e quando si dialogherà, sarà il momento di fare le nostre proposte. Non abbiamo discusso di cosa vogliamo nel gabinetto. Ciò che ci interessa è essere in grado, nei luoghi in cui possiamo, di contribuire al meglio alla realizzazione del programma e alle richieste dei cittadini. Quindi, alla domanda se saremo nel comitato politico o meno, o in quali posti di governo, può rispondere solo il presidente eletto.

Bene, vediamo se abbiamo la possibilità di chiederglielo. Nell’era post-dittatoriale, questa è la seconda volta che il Partito Comunista è in un’alleanza che vince le elezioni presidenziali.

Che significato e proiezione ha per il PC?

Siamo stati costanti nel promuovere profonde riforme, nel lottare per la democrazia, nel lasciarci alle spalle la Costituzione della dittatura, nel promuovere i diritti dei lavoratori e del popolo. Per questo ci siamo uniti al governo di Michelle Bachelet, penso che siamo riconosciuti per questo, per quegli obiettivi. Alcune riforme si sono realizzate, altre no. Prima del governo Bachelet non avevamo molta esperienza, perché quelli che erano nel governo di (Salvador) Allende non c’erano più o non avevano le condizioni per entrare al governo. Avevamo meno capacità di adesso in termini di quadri, di esperienza, avevamo meno forza, meno parlamentari, meno voti. Ora la situazione è cambiata. L’esperienza del governo di Michelle Bachelet, con tutti i suoi successi ed errori, ci è stata molto utile, e oggi questo ci dà una maggiore capacità di contribuire al governo di Boric.

Ora, noi abbiamo sempre visto questo come parte di un processo in cui si uniscono molti fattori, molti fenomeni che si concatenano nel tempo: ci sono state le lotte studentesche, le lunghe lotte operaie, i processi elettorali, la rivolta sociale, e siamo andati avanti nel perfezionamento della democrazia e della partecipazione. Speriamo che questo governo significhi ulteriori progressi, in varie direzioni, lo speriamo sinceramente. Speriamo che le principali misure  proposte si realizzino nel breve tempo che sono quattro anni.

Proprio in termini di partecipazione, come vede il PC la forma in cui il movimento sociale dovrà esprimersi in questi quattro anni?

Siamo abbastanza d’accordo con quello che ha detto Gabriel Boric nel suo discorso la notte della vittoria, che il suo governo avrà entrambi i piedi in strada, cioè, sarà strettamente legato al movimento sociale, dialogando con il movimento sociale. Siamo assolutamente d’accordo con questo, così come con l’avere il contributo e l’appoggio del mondo sociale. Questo è vitale.

Oggi è impossibile parlare dell’ex “Concertación”. Sembra che la Democrazia Cristiana sarà all’opposizione di Boric, il Partito Socialista vuole collaborare.

Come vede la possibilità di integrare questi partiti nel futuro governo?

Il Presidente eletto ha invitato i presidenti e le presidenti dei partiti politici di Apruebo Dignidad e degli altri partiti che hanno contribuito alla vittoria di Boric e alla sconfitta di Kast.

Avete parlato domenica sera?

Sì, domenica pomeriggio. Gabriel Boric ha ringraziato i partiti di Apruebo Dignidad, e tutti gli altri partiti, per il loro contributo alla sua vittoria, ed è stato molto chiaro nell’affermare che cercherà il contributo, l’opinione e la collaborazione di tutti coloro che vogliono lavorare per realizzare il programma e le misure proposte. Avendo chiaro, ha detto, che il domicilio di questo governo è Apruebo Dignidad. Tuttavia, da lì, si può cercare di ampliare la base di sostegno o l’accumulazione di forze per realizzare i cambiamenti.

Non ha parlato di integrare altri partiti nell’alleanza, ma ha detto di essere disposto a lavorare con i partiti a livello istituzionale. Ha detto “sono un militante di partito, rispetto i partiti, voglio che si sviluppino”, e ha anche proposto di lavorare con gli indipendenti. Quindi penso che non sia ancora chiaro da parte del Presidente eletto come nominerà il gabinetto.

In Apruebo Dignidad, prima della campagna, durante la campagna e forse durante il governo, c’erano e ci saranno differenze tra i partiti. Come gestirle?

Beh, gestendole…

Perché sorgeranno.

Non abbiamo altra scelta.

Guarda, in un sistema come questo (presidenzialista ndt), il Presidente della Repubblica avrà sempre la preponderanza. Senza dubbio ci saranno opinioni diverse, ma questo non significa attentare contro il governo. Tutte le parti dovranno fare attenzione e sarà necessario un dialogo permanente. Credo che saremo così impegnati a realizzare il programma e il lavoro del governo e del Parlamento che non ci saranno tante differenze, che peraltro sono normali.

Ci vorrà molta abilità e dialogo a livello parlamentare.

Senza dubbio. Poiché c’è un pareggio al Senato, anche se abbiamo una maggioranza abbastanza comoda alla Camera dei Deputati e alla Camera dei Deputati, potremmo anche raggiungere i tre quinti. Ma ci sono riforme costituzionali che potrebbero non essere possibili se non abbiamo i due terzi. Ci sono leggi semplici, come la riforma fiscale, che è molto importante, e ci sono possibilità di farla passare se è ben discussa. Qui avremmo bisogno dell’appoggio delle organizzazioni sociali e sindacali, di tutti coloro che vogliono portare avanti le trasformazioni.

Si parla di raggiungere accordi, di costruire ponti. Ma fa capolino il fantasma della “politica del consenso” attuata durante la transizione, che includeva la destra.

Dipende a cosa serve il consenso. Perché se si tratta di fare le cose “nella misura del possibile”, non credo. Ma se c’è un consenso per realizzare una riforma, senza che questo significhi farlo “in cucina”, andrà bene. La parola consenso non è un male in sé. Posso avere un consenso nel Partito Comunista e non è una cosa negativa, il consenso è per avanzare. Ma se è per fermare i cambiamenti, questo non è positivo. Non si tratta di cercare consensi a destra, dove le cose sono rimaste più o meno le stesse.

Sarete attenti, vigili su ciò che le forze di destra e i segmenti dell’estrema destra potranno fare durante il governo Boric?

È chiaro che ci sono già spaccature a destra. Per esempio, vedo che ci sono diverse persone che non vogliono che Kast faccia parte di Chile Vamos (il patto della destra, ndt), che non avrà la leadership della destra. Ci sono persone come il senatore (Manuel José) Ossandón che si è detto disponibile a partecipare a processi prelegislativi per dare la possibilità di approvare alcune leggi del futuro governo. C’è la possibilità che nel caso di alcune leggi si possa contare sul voto di una destra meno estremista. Penso che i settori di estrema destra, dalle dichiarazioni iniziali di persone come Rojo Edwards, continueranno con il loro anticomunismo, cercheranno di continuare ad usare l’anticomunismo nel modo peggiore. Tuttavia, questo minaccioso anticomunismo sarà sconfitto e prevarranno la speranza e le aspettative del popolo.

Fonte:https://elsiglo.cl/2021/12/21/no-vamos-a-jugar-un-papel-hegemonico-en-el-gobierno-de-boric/

(Traduzione Marco Consolo)

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

DOPO COVID-19

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Unisciti a 1.767 altri iscritti

Blog Stats

  • 1.296.460 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 

cambiailmondo2012@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: