America, Asia, Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Europa, Geopolitica Conflitti Pace, Informazione e media, Italia, Lavoro economia società, Politica, Scienza e Tecnologia

COVID-19: Ulteriori prove che il coronavirus avrebbe avuto origine negli Stati Uniti

Immagine del titolo del The New York Times dell’8 agosto 2019

L’esercito degli Stati Uniti Potrebbe aver portato il coronavirus nella città cinese di Wuhan, ha detto giovedì il ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian. Ecco la nota condivisa dal ministro cinese:

(E’ anche utile leggere questo articolo precedente):

Il coronavirus cinese: un aggiornamento scioccante. Il virus ha avuto origine negli Stati Uniti?

(di Larry Romanoff *) Come ricorderanno i lettori del precedente articolo (sopra), epidemiologi e farmacologi giapponesi e taiwanesi hanno determinato che il nuovo coronavirus è nato sicuramente negli Stati Uniti. Poiché quel paese è l’unico che ha i cinque tipi, da cui tutti gli altri devono essere discesi; mentre a Wuhan in Cina, ce n’era uno solo di quei diversi tipi, cosa che per analogia lo si può definire come una specie di “ramo” che non può esistere da sé stesso, ma deve essere cresciuto da un “albero”.

Un medico di Taiwan ha notato che nell’agosto 2019, gli Stati Uniti registravano una serie di polmoniti polmonari o simili, che gli americani attribuivano al “vaping” delle sigarette elettroniche, ma che, secondo lo scienziato, manifestavano sintomi e condizioni non potevano essere ricondotti alle sigarette elettroniche; il medico ha affermato di aver scritto ai funzionari americani dicendo che sospettava che quelle morti erano probabilmente dovute al coronavirus. Ed ha anche affermato che i suoi avvertimenti sono stati ignorati.

 

Pechino: l’esercito americano avrebbe portato il coronavirus in Cina

Immediatamente prima di ciò, il CDC ha completamente chiuso il principale laboratorio biologico delle forze armate statunitensi, a Fort Detrick, nel Maryland, a causa dell’assenza di salvaguardie contro le perdite di agenti patogeni; ha emesso un completo ordine ai militari di “cessare e desistere” con le ricerche. E’ stato immediatamente dopo questo evento che è emersa l’epidemia della “sigaretta elettronica”.

Abbiamo anche avuto cittadini giapponesi infettati a settembre 2019, alle Hawaii; persone che non erano mai state in Cina; queste infezioni si sono verificate sul suolo americano molto prima dello scoppio a Wuhan, ma solo poco dopo la chiusura di Fort Detrick.

Quindi, sui social network cinesi, è apparso un altro articolo, basato su quanto sopra, ma che fornisce maggiori dettagli. In esso si dichiarava che cinque atleti “stranieri” o altro personale in visita a Wuhan per i Giochi militari mondiali (18-27 ottobre 2019) furono ricoverati in ospedale a Wuhan per un’infezione indeterminata.

L’articolo spiega molto chiaramente che la versione del virus Wuhan potrebbe provenire solo dagli Stati Uniti, perché è quello che chiamano “ramo” che non avrebbe potuto essere stato creato per primo perché non avrebbe “seme”. Avrebbe dovuto essere una nuova varietà derivata da un “tronco” originale e quel tronco esiste solo negli Stati Uniti. (1)

Ci sono state molte speculazioni pubbliche sul fatto che il coronavirus fosse stato deliberatamente trasmesso in Cina, ma secondo l’articolo cinese, è possibile un’alternativa meno sinistra.

Se alcuni membri del team americano partecipanti ai World Military Games (18-27 ottobre) sarebbero stati infettati dal virus da un focolaio accidentale a Fort Detrick, è possibile che, con un lungo periodo iniziale di incubazione, i loro sintomi avrebbero potuto essere blandi all’epoca e quelle persone avrebbero potuto facilmente contagiato persone cinesi avendo “visitato” la città di Wuhan durante il loro soggiorno, infettando successivamente migliaia di residenti locali in varie località, molti dei quali sarebbero poi andati nel mercato del pesce da dove il virus si sarebbe diffuso come un incendio (come sembra aver fatto).

Ciò spiegherebbe anche l’impossibilità pratica di localizzare il leggendario “paziente zero”, che in questo caso non è mai stato trovato poiché ce ne sarebbero stati molti. (analogamente, peraltro a quanto accaduto in Italia, n.d.r.)

Quindi Daniel Lucey, un esperto di malattie infettive alla Georgetown University di Washington, ha dichiarato in un articolo sulla rivista Science che la prima infezione umana è stata confermata nel novembre 2019 (non a Wuhan), suggerendo che il virus ha avuto origine altrove e poi si è diffuso. nei mercati ittici. “Un gruppo ha individuato l’origine dell’epidemia già dal 18 settembre 2019”. (2) (3)

 

Il nuovo coronavirus cinese: un esame dei fatti

Il mercato ittico di Wuhan potrebbe non essere stato una fonte di diffusione di nuovi virus a livello globale.

La descrizione dei primi casi suggerisce che l’epidemia è iniziata altrove.

L’articolo dice:

“In riferimento ai casi confermati di un nuovo virus in tutto il mondo con una velocità preoccupante, finora tutti gli occhi si sono concentrati su un mercato del pesce a Wuhan, in Cina, come fonte dell’epidemia. Ma una descrizione dei primi casi clinici pubblicati. venerdì su The Lancet contesta quell’ipotesi “. (4) (5)

Il documento, scritto da un folto gruppo di ricercatori cinesi di varie istituzioni, fornisce dettagli sui primi 41 pazienti ospedalizzati che avevano confermato le infezioni con quello che è stato chiamato il romanzo coronavirus 2019 (2019-nCoV).

Nel primo caso, il paziente si è ammalato il 1 ° dicembre 2019 e non ha riportato collegamenti al mercato dei frutti di mare, secondo gli autori. “Non è stato trovato alcun legame epidemiologico tra il primo paziente e i casi successivi”, affermano. I loro dati mostrano anche che, in totale, 13 dei 41 casi non avevano alcun legame con il mercato. “È un gran numero, 13, nessun collegamento”, afferma Daniel Lucey. . . (6)

Precedenti rapporti delle autorità sanitarie cinesi e dell’Organizzazione mondiale della sanità avevano affermato che il primo paziente aveva avuto sintomi l’8 dicembre 2019 e tali rapporti avevano semplicemente affermato che “la maggior parte” dei casi aveva legami con il mercato del pesce, che è stato chiuso il 1 gennaio.

(7) “Lucey afferma che se i nuovi dati sono accurati, le prime infezioni umane devono essere avvenute a novembre 2019, se non in precedenza, perché esiste un tempo di incubazione tra l’infezione e l’insorgenza dei sintomi. In tal caso, il virus potrebbe essersi diffuso silenziosamente tra le persone a Wuhan, e forse altrove, prima che alla fine di dicembre venisse scoperto l’ammasso di casi dell’ormai famigerato mercato all’ingrosso di frutti di mare della città. “Il virus è entrato in quel mercato prima di lasciare quel mercato”, afferma Lucey.

“La Cina deve aver capito che l’epidemia non ha avuto origine dal mercato del pesce di Wuhan Huanan”, ha detto Lucey a Science Insider. (8)

Kristian Andersen è una biologa evoluzionista dello Scripps Research Institute che ha analizzato le sequenze 2019-nCoV per cercare di chiarirne l’origine. Ha detto che lo scenario era “del tutto plausibile” per le persone infette che portavano il virus nel mercato ittico da qualche altra parte fuori dal mercato. Secondo l’articolo di Science,

Andersen ha pubblicato la sua analisi di 27 genomi 2019-nCoV disponibili il 25 gennaio su un sito Web di ricerca virologica. Seggerisce l’ evidenzia di un “nuovo antenato comune”, ovvero una fonte comune, già dal 1 ° ottobre 2019. “(9)

È interessante notare che Lucey ha anche notato che originariamente si credeva che MERS provenisse da un paziente in Arabia Saudita nel giugno 2012, ma studi successivi e più esaustivi hanno fatto risalire a una precedente insorgenza ospedaliera di polmonite inspiegabile in Giordania nell’aprile di quell’anno. Lucey ha affermato che sulla base dei campioni conservati di persone morte in Giordania in quell’epoca, le autorità mediche hanno confermato di essere state infettate dal virus MERS. (10)

Ciò fornirebbe sostegno alla prudenza dell’opinione pubblica ad accettare la “narrativa standard ufficiale” che i media occidentali sono sempre desiderosi di fornire, come hanno fatto con SARS, MERS e ZIKA, le quali “narrazioni ufficiali”, tutte, sono stati ulteriormente testate e sono risultate completamente sbagliate.

In questo caso, i media occidentali hanno inondato le sue pagine per mesi sul virus COVID-19 che proviene dal mercato del pesce di Wuhan, causato da persone che mangiano pipistrelli e animali selvatici. Tutto ciò si è rivelato errato.

Il virus non solo non proviene dal mercato del pesce, ma non proviene affatto da Wuhan, e ora è stato dimostrato che non è originario della Cina ma è stato portato in Cina da un altro paese. Parte della prova di questa affermazione è che le varietà genomiche del virus in Iran e in Italia sono state sequenziate e dichiarate non essere parte della varietà che ha infettato la Cina e, per definizione, deve aver avuto origine altrove.

Sembrerebbe che l’unica possibilità di origine siano gli Stati Uniti perché solo quel paese ha il “tronco d’albero” di tutte le varietà. E, quindi, potrebbe essere vero che la fonte originale del virus COVID-19 era il laboratorio militare americano di guerra biologica a Fort Detrick. Non sarebbe una sorpresa, dato che il CDC ha chiuso del tutto Fort Detrick; ma anche perché, come ho riferito in un precedente articolo, tra il 2005 e il 2012, gli Stati Uniti hanno vissuto 1.059 eventi in cui agenti patogeni sono stati rubati o sfuggiti alle etichette biografiche americane negli ultimi dieci anni: una media di uno ogni tre giorni.

*) Larry Romanoff è consulente di direzione e uomo d’affari in pensione. Ha ricoperto posizioni dirigenziali presso società di consulenza internazionali e possedeva un’attività di importazione ed esportazione internazionale. È stato professore ospite presso l’Università di Shanghai Fudan, presentando casi di studio in affari internazionali alle classi superiori dell’EMBA. Il signor Romanoff vive a Shanghai e sta attualmente scrivendo una serie di libri generalmente legati alla Cina e all’Occidente. Può essere contattato all’indirizzo: 2186604556@qq.com. Collabora frequentemente con Global Research.



Note

(1) https://mp.weixin.qq.com/s/CjGWaaDSKTyjWRMyQyGXUA

(2) https://science.sciencemag.org/content/367/6477/492.full

(3) ciencia; Jon Cohen; 26 de enero de 2020

https://www.sciencemag.org/news/2020/01/wuhan-seafood-market-may-not-be-source-novel-virus-spreading-globally

(4) https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(20)30183-5/fulltext

(5) https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(20)30183-5/fulltext

(6) http://wjw.wuhan.gov.cn/front/web/showDetail/2020011109036

(7) http://wjw.wuhan.gov.cn/front/web/showDetail/2020011509040

(8) https://sciencespeaksblog.org/2020/01/25/wuhan-coronavirus-2019-ncov-qa-6-an-evidence-based-hypothesis/

(9) http://virological.org/t/clock-and-tmrca-based-on-27-genomes/347

(10) http://applications.emro.who.int/emhj/v19/Supp1/EMHJ_2013_19_Supp1_S12_S18.pdf

 

La fonte originale di questo artícolo è Global Research

Copyright © Larry Romanoff , Global Research, 2020

Nota originale: https://www.globalresearch.ca/covid-19-further-evidence-virus-originated-us/5706078

 

 

Traduzione dalla seguente FONTE: http://www.enorsai.com.ar/politica/29468-covid-19–evidencia-adicional-de-que-el-coronavirus-se-origino-en-los-ee-uu.html?fbclid=IwAR1cGXW6lI3jDLucTukmNk5U_id8c-1D_X5B2eVKa4_p3FJkNW_2S3WqrgY

Discussione

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Algoritmi facebook e libertà di ragionare | cambiailmondo - 17/03/2020

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

ARCHIVIO

Prepariamoci al dopo

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.682 follower

Blog Stats

  • 1.177.317 hits

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 

cambiailmondo2012@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: