America, Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Europa, Eventi manifestazioni iniziative, Geopolitica Conflitti Pace, Informazione e media, Lavoro economia società, Politica

Dentro il governo invisibile: guerra, propaganda, Clinton & Trump

john-pilgerdi John Pilger

Il giornalista americano, Edward Bernays, viene spesso descritto come l’uomo che ha inventato la propaganda moderna. Nipote di Sigmund Freud,  il pioniere della psicanalisi, è stato Bernays che ha coniato il termine “pubbliche relazioni” come eufemismo per  “colpo ad effetto”  e i suoi inganni.

Nel 1929 persuase le femministe a promuovere l’uso delle sigarette da parte delle donne, fumando nella sfilata per la  Pasqua a New York – un comportamento allora considerato eccentrico. Una femminista, Ruth Booth, dichiarò: “Donne, accendete un’altra torcia di libertà! Combattere un altro tabù sessuale!

L’influenza di Bernais si estese molto oltre la pubblicità. Il suo più grande successo fu il ruolo che ebbe nel convincere il pubblico americano a  unirsi al massacro della Prima Guerra Mondiale. Il segreto, disse, era “fabbricare il consenso” delle persone allo scopo di “controllarle e irregimentarle  secondo la nostra volontà, senza che esse lo sappiano.”

Ha definito questo  “il  vero potere dominante  nella nostra società” e lo chiamava  “governo invisibile”.

Oggi, il governo invisibile non è mai stato più potente e meno compreso. Nella mia carriera di giornalista e di regista, non ho mai visto la propaganda insinuarsi nelle nostre vite come fa adesso senza essere contestata.

Immaginate due città. Entrambe sono sotto assedio delle forze del governo di quel paese. Entrambe le città sono occupate da fanatici che commettono atrocità terribili, come la decapitazione.

C’è però una differenza fondamentale. In uno degli assedi, i soldati del governo vengono definiti liberatori dai giornalisti occidentali embedded* con loro, i quali riferiscono con entusiasmo le loro battaglie e i loro attacchi aerei. Ci sono foto in prima pagina di questi eroici soldati che fanno il segno V di vittoria. Ci sono scarse citazioni delle vittime civili.

Nella seconda città, in un’altra nazione vicina – sta accadendo quasi esattamente la stessa cosa. Le forze di governo stanno assediando una città controllata dalla stessa razza di fanatici.

La differenza  è che questi fanatici sono appoggiati, riforniti e armati da “noi”: gli Stati Uniti e la Gran Bretagna. Hanno perfino un centro multimediale finanziato da Gran Bretagna e America.

Un’altra differenza è che i soldati del governo che assediano questa città sono i “cattivi”, condannati per aver attaccato e bombardato la città, il che è esattamente ciò che i soldati buoni stanno facendo nella prima città.

Confusi? Non proprio. E’ questo fondamentale principio dei “due pesi e due misure” l’essenza della propaganda. Mi riferisco, naturalmente, all’attuale assedio della città di Mosul da parte delle forze governative irachene che sono appoggiate dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna, e all’assedio di Aleppo a opera delle forze governative della Siria, appoggiate dalla Russia. Un assedio è buono, l’altro è cattivo.

Quello che viene riferito raramente, è che entrambe le città non sarebbero occupate da fanatici e devastate dalla guerra, se la Gran Bretagna e gli Stati Uniti  non avessero invaso l’Iraq nel 2003. Quell’impresa criminale ebbe inizio in base a bugie straordinariamente simili alla propaganda che ora distorce la nostra comprensione della guerra civile in Siria.

Senza questo martellamento di propaganda mascherata da informazione, i mostruosi ISIS, Al-Qaida e al-Nusra e il resto della banda jihadista forse non esisterebbero, e oggi i siriani forse non starebbero combattendo per la loro vita.

Forse alcuni ricordano un succedersi, nel 2003, di inviati della BBC che si voltavano verso  la telecamera e ci dicevano che Blair era stato “discolpato” per quello che risultò essere il crimine del secolo. Le reti televisive statunitensi crearono la stessa convalida per George W. Bush. Fox News mandò in scena  Henry Kissinger per parlare ampiamente  delle menzogne di Colin Powell.

Lo stesso anno, subito dopo l’invasione, filmai un’intervista a Washington con Charles Lewis, il celebre giornalista investigativo, e gli domandai:  “Che cosa sarebbe accaduto se i media più liberi del mondo avessero seriamente contestato quella che risultò poi essere esplicita propaganda?”

Mi rispose che se i giornalisti avessero fatto il loro mestiere “ci sarebbe stata una possibilità molto molto buona che non saremmo andati in guerra in Iraq”.

Fu un’affermazione scioccante,  appoggiata da altri famosi giornalisti ai quali feci la stessa domanda – Dan Rather della CBS, David Rose di The Observer, oltre a giornalisti e  produttori  della the BBC, che hanno voluto restare  anonimi.

In altre parole, se i giornalisti  avessero fatto il loro lavoro, avessero contestato la propaganda invece di amplificarla, centinaia di migliaia di uomini, donne e bambini oggi sarebbero vivi e non ci sarebbe l’ISIS, e nessun assedio di Aleppo o di Mosul.

Non ci sarebbe stata nessuna atrocità sulla metropolitana di Londra nel luglio 2005. Non ci sarebbe stato nessun esodo di milioni di rifugiati, non ci sarebbero miserevoli campi profughi.

Quando lo scorso novembre a Parigi, sono avvenute le atrocità a opera dei terroristi, il presidente François Hollande ha immediatamente inviato gli aerei a bombardare la Siria, e  sono seguiti altri atti terroristici, presumibilmente come risultato della retorica di Hollande che la Francia era “in guerra” e che non “si sarebbe mostrata senza pietà”. Che la violenza di stato e la violenza jihadista si siano alimentate a vicenda, è la verità che nessun leader nazionale ha il coraggio di esprimere.

“Quando la verità è sostituita dal silenzio,” ha detto il dissidente sovietico Yevtushenko, “il silenzio è una bugia.”

L’attacco all’Iraq, l’attacco alla Libia, l’attacco alla Siria, sono avvenuti perché il leader in ognuno di questi paesi non era un burattino dell’Occidente.  Il curriculum  dei diritti umani di un Saddam o di un Gheddafi era irrilevante. Non obbedirono agli ordini e non cedettero il controllo del loro  paese.

Lo stesso destino attendeva Slobodan Milosevic dopo che si era rifiutato di firmare un “accordo” che richiedeva l’occupazione della Serbia e la sua conversione ad un’economia di mercato. La sua gente fu bombardata, e lui fu perseguito dal Tribunale Internazionale a L’Aja. Questo tipo di indipendenza  è intollerabile.

Come ha rivelato WikiLeaks, il leader siriano Bashar al-Assad è stato attaccato soltanto quando nel 2009 si rifiutò di accettare la costruzione di un oleodotto dal Qatar all’Europa attraverso la Siria.

Da quel momento la CIA programmò di distruggere il governo della Siria con i fanatici jihadisti – gli stessi fanatici che attualmente tengono in ostaggio i cittadini di Mosul e della zona orientale di Aleppo.

Perché questo non fa notizia? L’ex funzionario del Ministero degli esteri britannico, Carne Ross, che era responsabile dell’attuazione delle sanzioni contro l’Iraq, mi ha detto: “Alimentavamo i giornalisti con fatti inventati di intelligence “ammorbidita”, o li tagliavamo fuori. Ecco come funzionava.”

Il cliente medievale dell’Occidente, cioè l’Arabia Saudita, alla quale gli Stati Uniti e la Gran Bretagna vendono armi del valore di miliardi di dollari – attualmente sta distruggendo lo Yemen, un paese così povero che nei momenti migliori, ha metà dei bambini che sono malnutriti.

Guardate su You Tube e vedrete il tipo di bombe massicce – le “nostre” bombe che i Sauditi usano contro i villaggi poverissimi, e contro i matrimoni e i funerali.

Le esplosioni somigliano a quelle di piccole bombe atomiche. In Arabia Saudita coloro che sono addetti a scegliere dove far cadere le bombe, lavorano fianco a fianco degli ufficiali britannici. Questo fatto non compare nei notiziari della sera.

La propaganda è molto efficace quando il nostro consenso è fabbricato da coloro che hanno un’educazione raffinata – alle università di Oxford, Cambridge, Harvard, Columbia — e con carriere alla BBC, al Guardian, al New York Times, al Washington Post.

Questi sono noti come media liberali. Si presentano come tribune illuminate, progressiste dello spirito morale del tempo. Sono anti-razzisti, favorevoli al femminismo e a LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender).

E amano la guerra.

Questi media, mentre si schierano a favore del femminismo, appoggiano guerre rapaci che negano i diritti  di innumerevoli donne, compreso il loro diritto alla vita.

Nel 2011, la Libia che era allora uno stato moderno, fu distrutta con il pretesto che Muammar Gheddafi stava per compiere il genocidio del suo stesso popolo. Questa era una notizia martellante, e non c’era nessuna prova. Era una bugia.

Infatti la Gran Bretagna, l’Europa e gli  Stati Uniti volevano quello che amano definire “cambio di regime” in Libia, il più grosso produttore di petrolio in Africa. L’influenza di Gheddafi sul continente e, soprattutto, la sua indipendenza, erano intollerabili.

Fu quindi ucciso con una pugnalata dai fanatici appoggiati da America, Gran Bretagna e Francia. Hillary Clinton si rallegrò per la sua morte orribile, dichiarando: “Siamo arrivati, abbiamo visto, lui è morto!”

La distruzione della Libia è stata un trionfo dei media. Mentre i tamburi di guerra rullavano, Jonathan Freedland ha scritto sul Guardian: “Anche se i rischi sono molto reali, l’argomento a favore dell’intervento resta forte”.

Intervento – che parola gentile, innocua, tipica del Guardian, il cui reale significato per la Libia, era: morte e distruzione.

Secondo la sua stessa documentazione, La NATO ha compiuto 9.700 missioni per attaccare la Libia, di più di un terzo mirate contro obiettivi civili. Incluso l’uso di missili con testate a uranio. Guardate le foto delle macerie delle città di Misurata e di Sirte e le fosse comuni identificate dalla Croce Rossa. Il rapporto dell’UNICEF sui bambini uccisi dice: “la maggior parte di loro era al di sotto dei dieci anni di età”.

Come diretta conseguenza, Sirte è diventata la capitale dell’ISIS.

L’Ucraina è un altro trionfo dei media. Rispettabili giornali liberali come il  New York Times, il Washington Post e il Guardian, ed emittenti televisive  tradizionali come  BBC, NBC, CBS, CNN hanno svolto un ruolo essenziale nel condizionare i loro spettatori per far loro accettare una nuova e rischiosa guerra fredda.

Tutti i media hanno fatto apparire gli eventi in Ucraina come un’azione malefica da parte della Russia quando, in realtà, il colpo di stato in Ucraina nel 2014 era stato opera degli Stati Uniti aiutati dalla Germania e dalla NATO.

Questo capovolgimento della realtà è così pervasivo che l’intimidazione militare di Washington verso la Russia non è una notizia; è annullata dietro  una campagna di diffamazione e di paura,  del tipo di quella in cui  sono cresciuto durante la prima guerra fredda. Ancora una volta [si dice che] i Russi stanno arrivando per prenderci, guidati da un altro Stalin, che The Economist dipinge come il demonio.

La soppressione della verità sull’Ucraina è uno dei più completi blackout di notizie che io ricordi. I fascisti che hanno costruito il colpo di stato a Kiev sono della stessa razza  che aveva appoggiato l’invasione nazista dell’Unione Sovietica nel 1941. Di tutte le paure per l’aumento dell’anti-semitismo fascista in Europa, nessun leader parla mai dei fascisti in Ucraina – tranne Vladimir Putin, che però non conta.

Molte persone sui media occidentali hanno lavorato alacremente per presentare la popolazione ucraina di lingua russa come estranea nel suo paese, come agenti di Mosca, quasi mai come ucraini che cercano una federazione all’interno dell’Ucraina e come cittadini ucraini che si oppongono a un golpe orchestrato da stranieri contro il loro governo eletto.

Si respira quasi una joie d’esprit di una “rimpatriata” tra guerrafondai.

Gli agitatori del Washington Post che incitano alla guerra con la Russia, sono gli stessi editorialisti  che avevano pubblicato la bugia che Saddam Hussein era in possesso di armi di distruzione di massa.

Per la maggior parte di noi, la campagna presidenziale americana è un circo dei fenomeni da baraccone creato dai  media in cui Trump è il super-cattivo. Trump è, però, detestato da coloro che negli Stati Uniti hanno il potere per motivi che hanno poco a che fare con il suo comportamento e le sue opinioni insopportabili. Per il governo invisibile di Washington l’imprevedibile Trump è un ostacolo ai piani americani per il 21° secolo.

Che è quello di mantenere il predominio degli Stati Uniti, di sottomettere la Russia, e, se possibile, la Cina.

Per i militaristi di Washington, il vero problema riguardo a Trump è che, nei suoi momenti di lucidità, non sembra volere una guerra con la Russia; vuole parlare con il presidente russo, non combatterlo; dice che vuole parlare con il presidente della Cina.

Nel primo dibattito con Hillary Clinton, Trump promise che non sarà il primo a introdurre armi nucleari in un conflitto. Ha detto: “Certamente non attaccherei per primo. Una volta che accade l’alternativa nucleare, è finita.” Anche questa non era una notizia.

Intendeva proprio questo? Chi lo sa? Trump spesso si contraddice. Ciò che è chiaro, però, è che Trump viene considerato una grave minaccia per lo status quo mantenuto dalla vasta macchina della sicurezza nazionale che gestisce gli Stati Uniti, indipendentemente di chi ci sia alla Casa Bianca.

La CIA vuole che venga sconfitto. Il Pentagono vuole che venga sconfitto. I media vogliono che venga sconfitto. Perfino il suo partito vuole vederlo sconfitto. E’ una minaccia per i governanti del mondo – al contrario della Clinton che non ha lasciato alcun dubbio sul fatto che è pronta ad andare in guerra con Russia e Cina, potenze nucleari.

La Clinton non è nuova a queste cose, come spesso si vanta. In effetti il suo curriculum lo dimostra. Da senatrice ha appoggiato il bagno di sangue in Iraq. Quando si candidò contro Obama nel 2008, minacciò di “annientare totalmente” l’Iran. Come Segretario di Stato, ha cospirato per la distruzione dei governi in Libia e in Honduras e ha intrapreso la provocazione verso la Cina.

Ha ora promesso di appoggiare una No Fly Zone in Siria – diretta provocazione per la guerra con la Russia. La Clinton potrebbe anche diventare la presidente  degli Stati Uniti più pericolosa in tutta la durata della mia vita – un riconoscimento per il quale la competizione è feroce.

Senza un briciolo di prova, ha accusato la Russia di appoggiare Trump e di accedere illegalmente alle sue mail. Diffuse da WikiLeaks, queste mail ci rivelano che ciò che dice la Clinton in privato, nei suoi discorsi ai ricchi e ai potenti, è il contrario di quello che dice in pubblico.

Questo è il motivo per cui è così importante zittire e minacciare Julian Assange. In quanto direttore di WikiLeaks, conosce la verità. E lasciatemi rassicurare coloro che sono preoccupati: Assange sta bene e WikiLeaks sta operando a pieno ritmo.

Attualmente è in corso il maggior concentramento di forze militari  guidate dall’America che ci sia mai stato fin dalla Seconda guerra mondiale: nel Caucaso, nell’Europa dell’Est, al confine con la Russia e in Asia e nel Pacifico, dove la Cina è l’obiettivo.

Tenetelo a mente questo fatto quando il circo delle elezioni presidenziali arriverà al finale l’8 novembre. Se il vincitore sarà la Clinton, un coro greco di commentatori decerebrati festeggerà la sua incoronazione come un grande passo avanti per le donne. Nessuno nominerà le vittime della Clinton: le donne della Siria, le donne dell’Iraq, le donne della Libia. Nessuno parlerà delle esercitazioni per la  difesa civile che si conducono in Russia. Nessuno ricorderà le “torce della libertà” di Edward Bernays.

L’addetto stampa di George Bush una volta definì i media “i facilitatori complici”.

Dato che arriva da un importante funzionario dell’amministrazione le cui bugie, rese possibili dai media, hanno causato tali sofferenze,  quella definizione è un avvertimento da parte della storia.

Nel 1946, l’accusa del Tribunale di Norimberga disse, riguardo ai media tedeschi: “Prima di ogni importante aggressione, iniziavano una campagna di stampa calcolata per indebolire le loro vittime e per preparare psicologicamente i tedeschi per l’attacco. Nel sistema di propaganda, sono state la stampa quotidiana e la radio le armi più importanti.”

 

*Riferito a giornalista che lavora in una zona di guerra al seguito di un esercito, accettandone la protezione ma anche le limitazioni imposte alla propria libertà di movimento e di espressione (https://www.google.it/webhp?sourceid=chrome-instant&ion=1&espv=2&ie=UTF-8#q=embedded)

 

 


 

Leggi anche:

I segreti delle elezioni Usa: Julian Assange parla con John Pilger

L’intervista è stata filmata presso l’Ambasciata dell’Ecuador a Londra – dove Julian Assange è rifugiato politico – e mandata in onda il 5 novembre 2016 da RT.

John Pilger: Qual è il significato dell’intervento dell’FBI in questi ultimi giorni della campagna elettorale degli Stati Uniti, in questo caso contro Hillary Clinton?
Julian Assange: Se si guarda alla storia dell’FBI, ci si rende conto come di fatto sia diventata la polizia politica dell’America. L’FBI lo ha dimostrato facendo cadere l’ex capo della CIA [il generale David Petraeus] per aver passato informazioni riservate alla sua amante. Quasi nessuno è intoccabile. L’FBI sta sempre cercando di dimostrare che nessuno le si può opporre. Ma Hillary Clinton si è opposta molto apertamente alle indagini dell’FBI, per cui c’è rabbia tra i Federali, perché l’FBI è stata fatta sembrare debole. Abbiamo (a WikiLeaks, ndt) pubblicato circa 33.000 email della Clinton quando era Segretario di Stato. Provengono da un lotto di poco più di 60.000 email, [di cui] la Clinton ha tenuto circa la metà – 30.000 – per se stessa, e noi ne abbiamo pubblicato circa la metà.
Abbiamo poi pubblicato le email di Podesta. [John] Podesta è il responsabile della campagna per le primarie di Hillary Clinton, quindi c’è un nesso che attraversa tutti quei messaggi di posta elettronica; ci sono un bel po’ di “pay-for-play”, come le chiamano loro, che danno accesso a stati, individui o società in cambio di denaro. [Queste email sono] inserite con la copertura delle email di Hillary Clinton quando era Segretario di Stato, [il che] ha creato un ambiente in cui la pressione sull’FBI è aumentata.
La campagna della Clinton ha affermato che dietro tutto ciò c’è la Russia, che è stata la Russia a manipolare la campagna e che è la fonte delle email di WikiLeaks.
La cerchia della Clinton ha voluto proiettare questo tipo di neo-isteria alla McCarthy: che la Russia è responsabile di tutto. Hillary Clinton ha dichiarato più volte, falsamente, che diciassette agenzie di intelligence degli Stati Uniti avevano provato che la Russia era la fonte delle nostre pubblicazioni. Questo è falso; possiamo garantire che il governo russo non è la fonte.
WikiLeaks sta pubblicando da dieci anni, e in questi dieci anni abbiamo pubblicato dieci milioni di documenti, diverse migliaia di pubblicazioni individuali, da migliaia di fonti diverse, e non ci siamo mai sbagliati.
Le email che provano l’accesso (a vantaggi) per denaro, a come Hillary Clinton ne abbia beneficiato e come ne stia tuttora beneficiando politicamente, sono davvero incredibili. Sto pensando a quando al rappresentante del Qatar sono stati dati cinque minuti con Bill Clinton per un assegno di un milione di dollari.

E dodici milioni di dollari provenienti dal Marocco.

Dodici milioni dal Marocco, già.

A Hillary Clinton per partecipare ad una festa.

Per quanto riguarda la politica estera degli Stati Uniti, è lì che le email rivelano di più, dove mostrano il collegamento diretto tra Hillary Clinton e la fondazione del jihadismo, dell’ISIL, in Medio Oriente. Puoi parlarmi di come le email dimostrano il collegamento tra coloro che dovrebbero combattere i jihadisti dell’ISIL, ma che sono in effetti quelli che hanno contribuito a crearla.
C’è un’email di Hillary Clinton di inizio 2014, non molto tempo dopo aver lasciato il Dipartimento di Stato, al responsabile della sua campagna, John Podesta, che dichiara che l’ISIL è finanziato dai governi di Arabia Saudita e Qatar. Ora, questa è l’email più significativa di tutta la collezione, e forse perché il denaro dell’Arabia Saudita e del Qatar è spalmato su tutta la Fondazione Clinton. Persino il governo degli Stati Uniti concorda sul fatto che alcune figure saudite hanno sostenuto ISIL, o ISIS. Ma si aggiunge sempre che, beh, si tratta solo di alcuni Principi corrotti, che usano le tangenti del petrolio per fare ciò che vogliono, ma che in realtà i loro governi disapprovano. Ma quell’email dice no, sono proprio i governi di Arabia e Qatar che hanno finanziato l’ISIS.
I sauditi, il Qatar, il Marocco, il Bahrein, ma in particolare i sauditi e il Qatar, danno tutti quei soldi alla Fondazione Clinton mentre Hillary Clinton è Segretario di Stato e il Dipartimento di Stato sta approvando massicce vendite di armi, in particolare all’Arabia Saudita.

Sotto Hillary Clinton, la più grande vendita di armi al mondo è stata fatta con l’Arabia Saudita, [del valore di] più di 80 miliardi di dollari. Infatti, durante il suo mandato di Segretario di Stato, il totale delle esportazioni di armi dagli Stati Uniti in termini di valore del dollaro, è raddoppiato.

Naturalmente la conseguenza di tutto ciò è che il noto gruppo terrorista chiamato ISIL o ISIS è stato creato in gran parte con i soldi di quelle stesse persone che stanno dando i soldi alla Fondazione Clinton.

Sì.

Incredibile.
Per la verità mi dispiace per Hillary Clinton come persona perché in lei vedo qualcuno mangiato vivo dalle proprie ambizioni, tormentato al punto di ammalarsi letteralmente; che sviene per reazione alle sue ambizioni. Lei rappresenta tutta una rete di persone e una rete di relazioni con particolari stati. La domanda è: come fa Hillary Clinton a rientrare in questa rete più ampia? Ne è un ingranaggio fondamentale. Qui ci sono diversi meccanismi in funzione, dalle grandi banche come Goldman Sachs e dai principali protagonisti di Wall Street, all’Intelligence alla gente del Dipartimento di Stato e ai sauditi.
Lei è il catalizzatore che collega tutti questi diversi ingranaggi. È la raffinata rappresentazione centrale di tutto questo, e “tutto questo” è più o meno ciò che è al potere adesso negli Stati Uniti. È ciò che noi chiamiamo la classe dirigente o il consenso DC. Una delle più significative email di Podesta che abbiamo rilasciato era su come il gabinetto di Obama fosse formato e di come la metà del gabinetto Obama in sostanza fosse stato nominato da un rappresentante di Citybank. Questo è piuttosto sorprendente.
Non ha forse Citybank fornito un elenco.?
Sì.

...che si è rivelato costituire la maggior parte del gabinetto di Obama.

Sì.

Quindi Wall Street decide il gabinetto del Presidente degli Stati Uniti?
Se seguivi da vicino la campagna di Obama di allora, vedevi che si era avvicinata molto agli interessi bancari.
Perciò penso che non si può capire bene la politica estera di Hillary Clinton senza capire l’Arabia Saudita. I collegamenti con l’Arabia Saudita sono molto esclusivi.
Perché era così palesemente entusiasta riguardo alla distruzione della Libia? Puoi dirmi un po’ di più riguardo proprio a quello che le email ci hanno svelato, circa ciò che è successo lì, perché la Libia è una tale fonte di tanta parte del caos odierno in Siria, il jihadismo ISIL e così via, ed era quasi l’invasione di Hillary Clinton. Che cosa ci raccontano le email in proposito?
Più di chiunque altro, la Libia è stata la guerra di Hillary Clinton. Dapprima Barak Obama si oppose. Chi è stata la persona che l’ha caldeggiata? Hillary Clinton. Questo è documentato in tutte le sue email. Ci aveva assegnato il suo agente favorito, Sidney Blumenthal; delle trentatremila email di Hillary Clinton che abbiamo pubblicato, circa 1700 riguardano la Libia. Non è che il petrolio della Libia fosse a buon mercato. Lei si rese conto che avrebbe potuto usare la rimozione di Gheddafi e il rovesciamento dello Stato Libico nella sua corsa alle presidenziali nelle elezioni generali.
Quindi, verso la fine del 2011 appare un documento interno chiamato Libia Tick Tock che è stato realizzato per Hillary Clinton, ed è la descrizione cronologica di come lei fosse la figura centrale nella distruzione dello Stato Libico, che provocò circa 40.000 morti; poi arrivarono i jihadisti, l’ISIS, e tutto ciò portò alla crisi dei rifugiati e dei migranti europea.
Non c’erano solo persone in fuga dalla Libia, in fuga dalla Siria e la destabilizzazione di altri paesi africani a causa dei flussi di armi, ma lo Stato Libico non era più in grado di controllare il movimento delle persone che lo attraversavano. La Libia si affaccia sul Mediterraneo ed era a tutti gli effetti il tappo nella bottiglia dell’Africa. Così tutti i problemi, i problemi economici e la guerra civile in Africa – prima chi fuggiva da quei problemi non finiva in Europa perché la Libia teneva il Mediterraneo sotto controllo. Gheddafi lo disse chiaramente all’inizio del 2011: “Cosa pensano di fare questi europei nel bombardare e distruggere lo Stato Libico? Ci saranno maree di migranti e jihdaisti dall’Africa all’Europa”. E questo è esattamente ciò che è successo.
C’è gente che si lamenta dicendo, “Cosa sta facendo WikiLeaks? Sta cercando di mettere Trump nella Casa Bianca?”

La mia risposta è che a Trump non sarebbe permesso vincere. Perché dico questo? Perché ha avuto tutti quelli che contano contro di lui; Trump non ha simpatizzanti tra le élite, forse con l’eccezione degli Evangelici, se si possono chiamare un’élite, ma le banche, le agenzie di intelligence, i produttori di armi. i grandi soldi stranieri. sono tutti schierati dietro Hillary Clinton, e anche i media, nonché i proprietari dei media e persino gli stessi giornalisti.

Si accusa WikiLeaks di essere in combutta con i russi. Alcuni dicono, ‘Beh, perché WikiLeaks non indaga e pubblica email sulla Russia?”

Abbiamo pubblicato circa 800.000 documenti di vario genere che riguardano la Russia, la maggior parte critici. Un gran numero di libri sono usciti grazie alle nostre pubblicazioni sulla Russia, la maggior parte dei quali sono critici. I nostri documenti [sulla Russia] sono stati utilizzati in molti casi giudiziari: casi di esuli in fuga da un qualche tipo di sopruso politico, che usano i nostri documenti per argomentare le proprie ragioni.

Personalmente, che cosa ne pensi delle elezioni USA? Hai una preferenza per Clinton o per Trump?

Parliamo di Donald Trump. Che cosa rappresenta nella mente americana e nella mente europea? Rappresenta la feccia dell’americano bianco, [che Hillary Clinton ha chiamato] ‘deplorevole e irrecuperabile’. Significa che dal punto di vista di un establishment colto, cosmopolita, perbene, queste persone sono zoticoni, e non si può mai trattare con loro. Perché lui chiaramente – tramite le sue parole, le sue azioni e il tipo di persone che si presentano ai suoi comizi – rappresenta persone che non sono al centro, non sono la classe media superiore istruita, borghese; si ha paura di essere associati a loro in qualsiasi modo, una paura sociale che abbassa lo status di chiunque possa essere in qualche modo accusato di sostenere Trump in qualunque maniera, anche solo criticando Hillary Clinton. Se si guarda da dove deriva il potere economico e sociale della classe media, tutto ciò ha un senso assoluto.

Vorrei parlare dell’Ecuador, il piccolo paese che ti ha dato rifugio e asilo politico in questa ambasciata a Londra. Ora l’Ecuador ha tolto Internet da qui, da dove stiamo facendo questa intervista, in questa Ambasciata, per l’evidente ragione che sono preoccupati di sembrare di intervenire nella campagna elettorale statunitense. Puoi dirci perché hanno deciso così e la tua opinione sulla solidarietà dell’Ecuador per te?
Torniamo indietro di quattro anni. Ho fatto domanda d’asilo all’Ecuador in questa Ambasciata, per il caso di estradizione degli Stati Uniti, e il risultato è stato che, dopo un mese, la mia richiesta di asilo è stata accolta. Da quel momento l’ambasciata è stata circondata dalla polizia: un’operazione di polizia piuttosto costosa per cui il governo britannico ammette di aver speso più di 12,6 milioni di sterline; lo ha ammesso più di un anno fa. Ora c’è la polizia sotto copertura e ci sono telecamere robot di sorveglianza di vario genere – così c’è stato una disputa abbastanza grave proprio qui, nel cuore di Londra, tra Ecuador, un paese di sedici milioni di persone, e il Regno Unito, e gli americani che hanno aiutato alla chetichella. Ciò che ha fatto l’Ecuador è stato un atto di coraggio e di principio. Adesso c’è la campagna elettorale negli Stati Uniti, e le elezioni in Ecuador sono a febbraio del prossimo anno, e la Casa Bianca sta attraversando un periodo caldo a seguito delle vere informazioni che abbiamo pubblicato.
WikiLeaks non pubblica dalla giurisdizione dell’Ecuador, da questa Ambasciata o dal territorio dell’Ecuador; pubblichiamo dalla Francia, dalla Germania, dai Paesi Bassi e da un certo numero di altri paesi, per cui la pressione su WikiLeaks è tramite il mio status di rifugiato; e questo è davvero intollerabile. [Significa] che [essi] stanno cercando di arrivare a una organizzazione editoriale; [Essi] cercano di prevenire che si pubblichino vere informazioni che sono di grande interesse per il popolo americano e non solo, circa le elezioni.
Dimmi che cosa accadrebbe se tu uscissi di questa Ambasciata.
Sarei immediatamente arrestato dalla polizia britannica e verrei poi estradato prontamente negli Stati Uniti o in Svezia. In Svezia non ho pendenze giuridiche, sono già stato in precedenza dichiarato innocente [dal Senior Procuratore di Stoccolma, Eva Finne]. Non siamo certi di cosa succederebbe lì esattamente, ma sappiamo che il governo svedese si è rifiutato di dire che non mi avrebbero estradato negli Stati Uniti ma sappiamo altresì che hanno estradato il 100 per cento di persone che gli Stati Uniti hanno richiesto almeno dal 2000. Quindi, nel corso degli ultimi quindici anni, ogni singola persona di cui gli Stati Uniti ha chiesto l’estradizione dalla Svezia è stata estradata, e si rifiutano di fornirci una garanzia [che non accadrà].

La gente spesso mi chiede come riesci a gestire l’isolamento qui.

Guarda, una delle migliori proprietà degli esseri umani è che sono adattabili; e una delle peggiori proprietà degli esseri umani è che sono adattabili. Si adattano e cominciano a tollerare abusi, si adattano ad essere loro stessi coinvolti in abusi, si adattano alle avversità e continuano così. Quindi, nella mia situazione, francamente, io sono un po’ istituzionalizzato – questo [l’Ambasciata] è il mondo . è visivamente il mondo [per me].

È il mondo senza la luce del sole, innanzitutto, non è vero?

È il mondo senza la luce del sole, ma non ho visto la luce del sole da così tanto tempo che non me ne ricordo.

Sì.

Quindi, sì, ci si adatta. L’unica cosa veramente esasperante è che i miei bambini piccoli – anche loro si adattano. Si adattano ad essere senza il loro padre. Questo è un pesante, penoso adattamento che non hanno cercato.

Ti preoccupi per loro?

Sì, mi preoccupo per loro; mi preoccupo per la loro madre.

Qualcuno direbbe, ‘Beh, perché non la finisci qui semplicemente uscendo dalla porta e lasciando che ti mandino in Svezia?”
Julian Assange: Le N.U. [il gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulla detenzione arbitraria] ha esaminato tutta questa situazione. Hanno trascorso diciotto mesi in contesti formali, contenzioso contraddittorio. [Quindi sono] io e le N.U. contro Svezia e Regno Unito. Chi ha ragione? Le N.U. hanno concluso che io sono arbitrariamente detenuto e illegalmente privato della mia libertà, e che ciò che è accaduto non si è verificato nel rispetto delle leggi che il Regno Unito e la Svezia devono obbedire. Si tratta di un abuso illegale. Le Nazioni Unite chiedono formalmente, “Cosa sta succedendo qui? Qual è la vostra spiegazione legale per questo? [Assange] dice che dovreste riconoscere il suo asilo” [Ed è qui].
La Svezia risponde formalmente alle Nazioni Unite dicendo, “No, non riconosciamo la sentenza delle Nazioni Unite”, così si lasciano aperta la via dell’estradizione.
Trovo assolutamente incredibile che questa vicenda non salti fuori pubblicamente sulla stampa, perché non soddisfa la narrativa ufficiale occidentale – che sì, anche l’Occidente ha i suoi prigionieri politici, è una realtà, non ci sono soltanto io, ci sono molte altre persone. L’Occidente ha prigionieri politici. Naturalmente, nessuno stato riconosce [che dovrebbe chiamare] la gente che imprigiona o la detenzione per motivi politici, prigionieri politici. Non li chiamano prigionieri politici in Cina, non li chiamano prigionieri politici in Azerbaigian e non li chiamano prigionieri politici negli Stati Uniti, nel Regno Unito o in Svezia; è assolutamente intollerabile avere quella percezione di sé.
Qui abbiamo un caso, il caso svedese, in cui non sono mai stato accusato di alcun crimine, in cui sono già stato dichiarato innocente [dal procuratore di Stoccolma], in cui la donna stessa (che lo aveva accusato di stupro, ndr) ha detto che la polizia mi ha incastrato, dove le Nazioni Unite hanno formalmente dichiarato che tutto ciò è illegale, un caso che anche lo Stato dell’Ecuador ha indagato e riconosciuto che mi si doveva dare asilo. Questi sono i fatti, ma che cosa è la retorica?
Sì, è diversa.

La retorica mente, asserendo di continuo che sono stato accusato di un crimine, senza mai dire che ne sono già stato scagionato, senza mai menzionare che la donna stessa ripete che è stata la polizia ad inventarselo.
[La retorica] sta cercando di evitare [la verità che] le Nazioni Unite hanno formalmente trovato che il tutto è illegale, senza mai dire che l’Ecuador ha fatto una valutazione formale attraverso i suoi formali processi e ha scoperto che sì, io sono oggetto di persecuzione da parte degli Stati Stati.
Fonte: http://johnpilger.com/articles/the-secrets-of-the-us-election-julian-assange-talks-to-john-pilger
Versione italiana: http://comedonchisciotte.org/i-segreti-delle-elezioni-usa-julian-assange-parla-con-john-pilger/.
Scelto e tradotto Tradotto da Gianni Ellena per comedonchisciotte.org
Per sostenere Julian Assange, vai al link:
https://justice4assange.com/donate.html
Advertisements

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

DUE Sì AI REFERENDUM del 2017

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.115 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 668,312 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: