Africa, Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Educazione e Cultura, Europa, Italia, Migrazioni, Politica

STRONZO NERO

stronzo-nero2NEL LIBRO “STRONZO NERO”, DI CATERINA AMODIO E MOR AMAR (SE.F.A.P), L’INCONTRO FRA UN RIFUGIATO POLITICO E ALCUNI GIOVANI ITALIANI. INSIEME DANNO VITA A UNA COOPERATIVA DI LAVORO.

di Angela Ronga

Stronzo Nero” è il titolo provocatorio del libro scritto da Mor Amar, giovane rifugiato politico che racconta la sua storia e insieme quella del suo paese, la Mauritania. Una storia drammatica, come quella di tanti giovani migranti che incontrerà lungo il percorso di un viaggio, fatto non solo di solitudine, ma anche di tanti incontri.

Relazioni che lo porteranno a fondare, insieme ad altri giovani italiani, una cooperativa di lavoro. Ribaltando così l’idea del profugo politico e dell’immigrato inteso solo come vittima e peso per la società che lo accoglie. Attraverso il ‘raccontare’, si snodano la sua storia tragica, l’uccisione dei genitori durante il colpo di stato in Mauritania nel 2011, ma anche quel ‘viaggio’, cioè il suo dover emigrare, fuggire, per cercare una speranza altrove per sé e per la sua famiglia.

Dal Senegal, rifugio più familiare, approderà prima in Francia, il suo sogno di sempre, dove verrà riconosciuto il suo status di rifugiato politico ma non il permesso di soggiorno e il lavoro. Ripartirà perciò per l’Italia. Dove, dopo varie vicissitudini, approderà al Cara di Castel di Porto, vicino Roma. Mor Amar descrive un periodo denso, caratterizzato da relazioni positive, ma anche la ricerca di un lavoro difficile, all’inizio clandestino e mal pagato, fino ad approdare alla fondazione di una cooperativa di lavoro con altri giovani italiani di cui Mor oggi è socio.

La comunità di riferimento è stata in prevalenza quella cattolica, tanto che Mor Amar avrà anche l’onore di incontrare Papa Francesco, proprio per quello che rappresenta la sua storia, per la sua determinazione ad uscire dal “profondo nero” in cui era precipitato.

Quello che sembra significativo è che quella di Mor è una storia positiva, che ribalta l’idea dell’immigrato e del rifugiato politico visto solo come vittima da assistere, e non come risorsa e arricchimento sociale e culturale. Il libro mette inoltre in evidenza l’importanza dell’incontro tra tante persone che hanno contribuito a mettere a frutto questa esperienza straordinaria, la centralità della relazione e della consapevolezza di sé.

Mor AmarMor ha saputo trasformare i suoi limiti in risorse, un monito per la società italiana che non può permettersi di emarginare le parti più nere e più “stronze”. Il libro è stato presentato nel corso di un incontro promosso dallo Spi e dalla Cgil di Roma e del Lazio, raccogliendo la volontà del protagonista di fare della sua storia un’occasione di testimonianza e di riflessione, non solo sul suo percorso personale, quanto sul tema dell’incontro tra persone, culture, fedi diverse.

Mor sta portando il suo libro e la sua storia nelle scuole, fra ragazze e ragazzi che si confrontano quotidianamente con lo scambio interculturale di scolaresche sempre più multiculturali e inclusive. Diventa sempre più importante, e decisamente utile, che i migranti raccontino di se stessi, della loro storia, del loro paese, delle loro speranze e delle loro immani difficoltà, amplificate da istituzioni e società nei paesi di transito e di “accoglienza”, che troppo spesso li considerano problemi, emergenze, “altri”, invece di cogliere l’unicità e la ricchezza di ogni persona.

Una storia personale e un libro pieni di speranze. E forse troppo generosi verso il nostro paese, che per i tanti Mor a cui, nonostante tutto, consente delle opportunità, continua a negarle ancora a troppi altri esseri umani, portatori anch’essi di una propria storia e di una propria cultura.

 

* Responsabile Immigrazione Spi Cgil Roma-Lazio

 

Fonte: www.sinistrasindacale.it


stronzo-nero2Stronzo Nero

Autori: Caterina Amodio e Mor Amar

La storia Una storia di luci, vuoti, e luci ancora. Partendo dalla vita trasformata di un ragazzo che viene da lontano, possiamo interrogarci su come noi affrontiamo le nostre crisi, le nostre debolezze, su come noi trattiamo le nostre parti fragili. Mor Amar, giovane rifugiato politico della Mauritania, dopo un evento drammatico che ha bucato il suo cuore, arriva in Europa con il sogno di ricominciare, per dare un futuro diverso ai suoi figli e alla moglie. Lungi dal voler essere un libro per “sensibilizzare”, Stronzo Nero si propone solo di raccontare. La storia di Mor si intreccia a quella di altri tre giovani che vogliono provare a fare impresa, e ci riescono. Partendo dai loro talenti e desideri, accettando le sfide contro le proprie resistenze e paure, insieme, costruiscono opportunità di lavoro, per dimostrare che nella crisi, anche quella economica, c’è tanta ricchezza. Se non si scende a compromessi, se si evitano scorciatoie… si risale, piano, ma si risale. La pazienza, l’attesa e, soprattutto, la lucidità di non perdere mai di vista la buona strada sono gli ingredienti di un percorso ricco di incontri, esperienze, fallimenti e successi tanto necessari alla crescita di ognuno di noi. Sua compagna di viaggio, Caterina ascolta e prova a raccontare quello che Mor le consegna, comparendo a volte come voce fuori campo che prova a immaginare e a immedesimarsi nei tramonti e nelle aurore di una vita trasformata.

Sophia – Società Cooperativa

Via Alfonso di Legge, 49 –

00143 Roma

E-mail: sophia@sophiacoop.it

Tel.: 06.5042459

Advertisements

Discussione

Un pensiero su “STRONZO NERO

  1. Stronzo nero esce dalla crisi e decide

    Mi piace

    Pubblicato da valeria manini | 20/06/2016, 14:44

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

DUE Sì AI REFERENDUM del 2017

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.113 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 667,794 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: