Annunci
America, Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Eventi manifestazioni iniziative, Geopolitica Conflitti Pace, Lavoro economia società, Politica

Argentina, il vento nuovo corre sul filo

kristinadi Tommaso Nencioni (dal il Manifesto del 23 ottobre)
Que se vayan todos! Era il dicem­bre del 2001, e l’intera classe diri­gente argen­tina spro­fon­dava nel grado zero della sua cre­di­bi­lità. Il Pre­si­dente De la Rúa aveva appena sca­te­nato una sel­vag­gia repres­sione nel ten­ta­tivo di porre un freno ai tumulti sociali che scuo­te­vano il Paese, giunto al cul­mine della sta­gione della grande espro­pria­zione neo­li­be­ri­sta. Le ingenti pri­va­tiz­za­zioni avviate da Menem negli anni Novanta sotto l’ombrello del Washing­ton con­sen­sus ave­vano già destrut­tu­rato l’apparato pro­dut­tivo e finan­zia­rio nazio­nale a van­tag­gio dei cen­tri metropolitanidell’accumulazione, men­tre lo Stato per­deva la pro­pria auto­no­mia mone­ta­ria con l’ancoraggio fisso del peso al dol­laro. Nono­stante un ini­ziale boom eco­no­mico dovuto all’afflusso di capi­tali esteri, il Paese fu tra­volto dal con­ta­gio delle crisi finan­zia­rie che scos­sero la metà del decen­nio, dal Mes­sico all’Indonesia alla Rus­sia. Il FMI con­cesse un pre­stito ponte al Paese, impo­nendo però una severa cura auste­ri­ta­ria che con­dusse alla para­lisi ban­ca­ria e ad una disoc­cu­pa­zione esor­bi­tante: l’Argentina costi­tuì in breve il de te fabula nar­ra­tur per l’Europa di oggi.

Que se vayan todos! Il movi­mento dei pique­te­ros bloc­cava le strade, e dalle assem­blee di quar­tiere e dalle fab­bri­che occu­pate e auto­ge­stite ini­ziava a pren­dere corpo l’alternativa popo­lare. E così, uno dopo l’altro, cad­dero gli espo­nenti di punta del clan neo­li­be­rale che aveva con­dotto il Paese alla cata­strofe. Cadde De La Rúa (del quale si ricor­derà una sin­to­ma­tica can­di­da­tura al selet­tivo club dell’“Ulivo Mon­diale”, ani­mato da D’Alema, Clin­ton, Blair e dal capo della destra bra­si­liana, Car­doso); cadde dopo di lui il suc­ces­sore ad inte­rim Duhalde; e cadde, con le Pre­si­den­ziali con­vo­cate per il marzo del 2003, il vec­chio Menem, che alla pra­tica delle rela­cio­nes car­na­les con gli Stati Uniti aveva dato il primo input, per poi infeu­dare il Paese alle vestali dell’austerità.

Ma non se ne anda­rono tutti. Rimase in sella Néstor Kirch­ner, un avvo­cato sureño già impe­gnato nella difesa dei diritti civili, con alle spalle una lunga mili­tanza nel pero­ni­smo oppo­si­tore alla dit­ta­tura, vis­suta in sim­biosi con la moglie Cri­stina Fernández.

Il kirch­ne­ri­smo, fin dalla prima ele­zione di Néstor, e poi con i man­dati di Cri­stina, ha signi­fi­cato innanzi tutto un’imponente opera di ri-definizione dello Stato-nazione, in piena sin­to­nia con quanto spe­ri­men­tato in que­sto scor­cio di mil­len­nio in altre realtà lati­noa­me­ri­cane. Rispon­dendo a dif­fe­renti tra­di­zioni poli­ti­che e retaggi cul­tu­rali, il neo­po­pu­li­smo ha saputo gui­dare con suc­cesso il contro-movimento dallo Stato prima dit­ta­to­riale e poi apa­rente (Alvaro Gar­cia Linera) allo Stato post-neoliberale: la costru­zione dello Stato boli­va­riano in Vene­zuela, dello Stato Inte­gral in Boli­via e dello Stato nacional-popular in Argen­tina si è retta su di un pro­cesso con­ver­gente di rie­qui­li­brio tra il potere della élite mer­ca­ti­sta a quello dei movi­menti popo­lari.

Il kirch­ne­ri­smo ha pro­mosso la riap­pro­pria­zione da parte dello Stato della pro­pria sovra­nità in mate­ria mone­ta­ria, ener­ge­tica, assi­sten­ziale, edu­ca­tiva e infra­strut­tu­rale. Accen­tuato inter­ven­ti­smo sta­tale, ingenti aumenti sala­riali e ristrut­tu­ra­zione del com­mer­cio estero lungo l’asse sud-sud hanno costi­tuito il volano dell’economia nazio­nale, accanto ad un rigido con­trollo sui capi­tali. L’ultimo grande atto della Pre­si­denza di Cri­stina è stato l’approvazione di una legge che impone un con­senso par­la­men­tare dei 2/3 per poter avviare pro­cessi di pri­va­tiz­za­zione nei set­tori stra­te­gici.

Nono­stante le minacce pro­ve­nienti dai fondi spe­cu­la­tivi “avvol­toio”, le poli­ti­che anti­ci­cli­che messe in campo hanno per­messo di sal­dare il debito rine­go­ziato a seguito del default. Se è vero che l’assidua ricerca del par­te­na­riato com­mer­ciale cinese ha ecces­si­va­mente legato le sorti del Paese al traino del gigante asia­tico, gli impulsi diretti all’allargamento del mer­cato interno sem­brano aver for­nito un par­ziale cor­ret­tivo al raf­fred­da­mento della domanda estera.

Al con­tempo è stata avviata una grande ope­ra­zione cul­tu­rale volta a ri-significare in ter­mini pro­gres­sivi lo spa­zio patriot­tico e la cul­tura nazio­nale. Il movi­mento popo­lare si è potuto riap­pro­priare, nell’arena del senso comune, della parola patria, dopo che per oltre un qua­ran­ten­nio le classi diri­genti tra­di­zio­nali ave­vano age­vo­lato il sac­cheg­gio da parte dei cen­tri metro­po­li­tani dell’accumulazione capi­ta­li­stica in nome dell’esigenza della difesa della nazione dalla minac­cia rossa.

Il lascito ori­gi­nale del pero­ni­smo è stato oggetto di riva­lu­ta­zione cri­tica in senso nazional-popolare da parte degli intel­let­tuali orga­nici allo spa­zio kirch­ne­ri­sta. La memo­ria sto­rica dei mar­tiri della dit­ta­tura e l’azione di Madres de Plaza de Mayo hanno piena cit­ta­di­nanza nell’Argentina di oggi, men­tre i respon­sa­bili del Plan Con­dor sono per­se­guiti con una soler­zia che non ha pari in tutto il Cono sur.

La costru­zione dello Stato nacional-popular è pro­ce­duta di pari passi con il pro­ta­go­ni­smo argen­tino nei vari pro­cessi di inte­gra­zione regio­nale e sub-continentale. L’atto che forse più di ogni altro ha inne­scato il rina­sci­mento poli­tico della Patria Grande fu il no al pro­getto di inte­gra­zione con­ti­nen­tale ALCA oppo­sto a Bush Jr., nel corso del ver­tice di Mar del Plata del 2005, da Chá­vez, Kirch­ner, Lula e Tabaré Váz­quez.

Da allora in poi, non senza crisi e con­trad­di­zioni, la soli­da­rietà lati­noa­me­ri­cana ha rice­vuto un impulso cre­scente verso la crea­zione di un blocco com­patto in grado di fron­teg­giare la sfida ege­mo­nica di Washing­ton, fino a creare le con­di­zioni per la Canossa sta­tu­ni­tense nei con­fronti della Cuba socia­li­sta.

L’azione di governo del kirch­ne­ri­smo ha inte­ra­gito con un vasto fronte popo­lare nella società, com­po­sto da movi­menti sociali tra­di­zio­nali e sorti nel fuoco della grande rivolta del 2001, dalla mili­tan­cia degli anni Set­tanta ria­ni­mata dopo la notte della dit­ta­tura e l’emarginazione dell’età neo­li­be­rale, dall’attivismo gio­va­nile, oltre che da un dosato e non sem­pre facile com­pro­messo con il nota­bi­lato pero­ni­sta locale.

Quest’ultimo ver­sante è forse il fomite delle prin­ci­pali con­trad­di­zioni. Se da un lato l’aver rac­colto l’intera ere­dità del pero­ni­smo ha per­messo al kirch­ne­ri­smo di sta­bi­liz­zare il pro­prio ruolo nazio­nale e di con­tare su di una strut­tura orga­niz­za­tiva di rife­ri­mento per l’intero Fronte, dall’altro la filia­zione diretta dal mene­mi­smo di gran parte del gruppo diri­gente Justi­cia­li­sta lascia cadere più di qual­che ombra sul futuro del movi­mento.

Il can­di­dato scelte dalle pri­ma­rie, l’ex gover­na­tore della pro­vin­cia di Bue­nos Aires Daniel Scioli, è stato spesso freddo nei con­fronti delle più inci­sive mosse di governo di Cri­stina, ed è rico­no­sciuto come il più sen­si­bile, tra gli espo­nenti del Frente para la Vic­to­ria, ai richiami all’ordine delle éli­tes tra­di­zio­nali. A bilan­ciare la figura di Scioli è stato per­ciò scelto come suo vice Car­los Zan­nini, espres­sione della mili­tanza kirch­ne­ri­sta pura. Ma il futuro dell’Argentina nacional-popular rimane legato soprat­tutto alla capa­cità di tenuta del blocco sociale evo­cato dal kirch­ne­ri­smo nell’ultima decade, e dalla non dismessa lea­der­ship di Cristina.

 

Fonte: http://ilmanifesto.info/argentina-il-vento-nuovo-corre-sul-filo/

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.189 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 689,155 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: