Annunci
Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Informazione e media, Italia, Politica

Con la scusa dell’ISIS stanno istituituendo la legge marziale

SPIEIl decreto ‘antiterrorismo’ approvato in Commissione alla Camera è un gigantesco passo avanti verso il controllo totale sulle comunicazioni di qualunque cittadino.

(da Contropiano.org) – Con la scusa dell’Isis viene formalizzato uno Stato di polizia integrale. Il decreto “antiterrorismo” approvato in Commissione, alla Camera, costituisce un gigantesco passo avanti verso il controllo totale sulle comunicazioni di qualunque cittadino di questo paese (ma anche di altri, visto che la Rete e i social network sono uno degli obiettivi principali del testo). “Preventivamente”, ossia in assenza di qualunque reato o sospetto giustificato da indizi.

La polizia sarà infatti autorizzata utilizzare programmi (“trojan”) per acquisire “da remoto” le comunicazioni e i dati presenti in un sistema informatico e viene anche autorizzata l’intercettazione preventiva sulle reti informatiche. Di fatto, si potrà impossessare del computer o dello smartphone che usiamo, da casa o dal lavoro, e fare quello che vuole; anche depositarvi “prove false”, in assoluta assenza di qualsiasi controllo terzo e, ovviamente, in barba qualunque diritto di difesa. Sembra quasi che questo decreto intervenga a inquadrare legislativamente pratiche già in atto. Anche questa non è una novità. Ma la ripetizione è un’aggravante, non un’attenuante.

La cosa stupefacente, ma non troppo, è che quasi nessun parlamentare abbia osato eccepire alcunché a un’invasione di questa portata nella vita di ognuno. E’ insomma evidente che su questa materia non ci si fanno più troppe domande: ci sono i jihadisti tagliagole alle nostre porte, che volete che sia un po’ di privacy in meno?

Il problema, appunto, non è un po’ di privacy in meno – ormai quasi tutti postano di tutto su Facebook e altrove, in forma accessibile a chiunque – ma il dominio assoluto del potere poliziesco sui singoli e sui gruppi. Non è una convinzione soltanto nostra, “veterocomunisti che vedono spie dappertutto”, ma addirittura di un ex generale della Guardia di Finanza specializzzato, appunto, nelle indagini informatiche. L’intervista, realizzata da Il Fatto Quotidiano – è riportata in fondo a questo articolo.

Dov’è il salto di qualità? Non solo nel “controllo totale” delle nostre comunicazioni (pratica fin qui illegale, ma che sappiamo essere comune per gli investigatori di questo paese come per i servizi Usa (se lo “scandalo Datagate” vi ha insegnato qualcosa). Ma nel fatto che, impossessandosi via software dei nostri strumenti di comunicazione, diventa possibile “agire al nostro posto”. E quindi addebitarci qualsiasi infamia convenga al potere.

Troppo sostettosi? Beh, non dite che non avete mai sentito di poliziotti/carabinieri che infilano buste di droga nelle tasche di qualcuno che vogliono arrestare… E, per restare alla cronaca di queste ore, immaginatevi cosa potrebbero fare due “agenti delle forze dell’ordine” come i due carabinieri arrestati in Campania per una rapina al supermercato.

Ma lasciamo anche perdere il caso delle “rare mele marce” presenti in ogni corpo repressivo. Concentriamoci invece sul tipo di rapporto che in questo modo si stabilisce tra “potere” e singolo cittadino. Il primo può qualsiasi cosa, il secondo nulla, neanche difendersi.

Rapporto tanto più “inquietante” se si pensa che questo Parlamento è costituito interamente di individui “nominati” dai capi di partito (meno i Pentastellati che si sono affidati a comunque incerte primarie telematiche); che l’attuale governo è il terzo consecutivo non votato da nessuno ed obbediente a trattati e vincoli sovranazionali mai sottoposti all’approvazione popolare; che il premier non è neanche parlamentare, “lo abbiamo messo lì noi” (disse Marchionne, senza mai smentire), e qundi risulta quanto meno in deficit di legittimità democratica “preventiva” (è proprio il caso di dire).

Secondo il decreto, inoltre, il Pm potrà conservare i dati di traffico raccolti in questo modo fino a 24 mesi. I providers su Internet saranno obbligati a oscurare i contenuti illeciti legati ai reati di terrorismo, pubblicati dagli utenti. L’uso del Web e di strumenti informatici per perpetrare reati di terrorismo (arruolamento di foreign fighters, propaganda, ecc) diventa un’aggravante che comporta l’obbligo di arresto in flagranza.

Messa così, ben pochi hanno qualcosa da eccepire. Ma chi decide cosa è “terrorismo” e cosa no? Se dobbiamo dar retta alla procura di Torino, per esempio, qualsiasi atto di resistenza o sabotaggio ai lavori del Tav in Val Susa sono qualificabili come tali (non però secondo i giudici di primo grado, sempre di Torino, che non hanno riconosciuto tale aggravante per i quattro ragazzi condannati per danneggiamento di un generatore). Ricordiamo – banalmente – che non esiste nessuna definizione condivisa a livello internazionale. L’Onu non ha mai trovato una maggioranza sufficiente ad approvare una formulazione inequivoca.

Così siamo nella situazione, assolutamente extra legem, per cui ogni Stato – o meglio: ogni governo di qualsiasi Stato – considera “terrorismo” quanti gli si oppongono (in forme non necessariamente armate, come si visto sopra), e magari riconosce come “freedom fighters” i combattenti che prendono di mira uno Stato considerato “nemico”.

Non è una novità, il mondo è stato sempre pieno di questo tipo di conflitti e anche delle retoriche conseguenti.

Ma, ripetiamo, nessuno aveva mai provato a legalizzare l’espropriazione dei mezzi di comunicazione dei cittadini per operarvi in loro vece. E successivamente incriminarli per quello che nessuno più può dimostrare di “non aver fatto” (che sarebbe comunque già un rovesciamento dell'”onere della prova” dall’accusa alla difesa).

Neanche il fascismo.
*****

Ultim’ora. Forse preoccupato da alcune reazioni interne (dalle parti dell’Nce e di Forza Italia, ma anche dentro il Pd, ci dovrebbe essere qualche preoccupazione per l'”eccessivo” potere concesso in questo decreto agli “investigatori”) Matteo Renzi sembra aver deciso di stralciare la parte “Intercettazione via trojan dei computer” per rielaborarla in modo più attento.
Il premier di Pontassieve ha chiesto ed ottenuto lo stralcio dal testo di quel del passaggio. “Un tema delicato e importante”, spiegano fonti di governo fin qui non attente all’importanza e alla delicatezza, che “verrà affrontato in maniera più complessiva nel provvedimento sulle intercettazioni già in esame in Commissione”.
E son belle gatte da pelare, quelle per cui vorresti dare tutto il potere a giudici e poliziotti per apparire “duro”, ma qualcuno deve strattonarti per la giacchetta ricordandoti che “così ci arrestano tutti”…

*****

L’ex Generale GdF Umberto Rapetto: Hanno istituito la legge marziale

di Pa. Za. – Il Fatto Quotidiano.

 

Io sono sbigottito. Non ce l’hanno detto e hanno istituito il regime marziale?”. Umberto Rapetto – già generale della Guardia di Finanza, “colpevole” di aver indagato troppo sulle slot machine, soprannominato “lo sceriffo del web” – scorre il testo del dl antiterrorismo con gli occhi fuori dalle orbite.

Cosa la sconvolge di più?

Intanto, solo il fatto che si ponga l’attenzione su semplici sospettati di qualunque reato, non indagati, fa già venire meno le basi del diritto. E poi si autorizzano le perquisizioni senza alcun controllo.

Parla dell’accesso remoto ai computer?

Vorrebbero guardare nei computer attraverso dei grimaldelli come trojan: fa rabbrividire. Cioè, quello stesso Stato che manda a morire i processi, tira fuori le unghie con chi non potrà nemmeno dire “quella roba non era sul mio computer”.

Sta dicendo che non si potrà avere nessuna certezza sulla paternità dei dati estrapolati?

Dico che durante una perquisizione tradizionale io, o il mio legale, ho la possibilità di assistere e dunque non potrò mai negare l’evidenza delle prove raccolte. Qui invece, se l’accesso avviene da remoto senza alcun controllo, viene meno addirittura la certezza che quei documenti fossero realmente lì. Salta il diritto alla difesa.
E poi chi l’ha detto che un dato, fuori da un determinato contesto, possa avere una rilevanza diversa? Facciamo un esempio. Io l’altro giorno ho visto on line i video di propaganda dell’Isis. Ho consultato quel materiale perché dovevo fare un’intervista, ma non sono né un loro fan né un istigatore. I comportamenti possono essere dettati da curiosità, diritto di cronaca e mille altre ragioni. Che il decreto non contempla. Ce lo dicano: o riconosciamo lo stato di guerra e allora le leggi marziali prevalgono sul diritto vigente, oppure non si può istituire una opportunità investigativa senza garanzie contro gli abusi. Il momento è delicato, ma servono regole che vadano al di là delle suggestioni emotive. Ci vogliono modalità di attuazione stringenti, oltre alla garanzia che il materiale sequestrato sia usato solo per quelle finalità. Non vorrei che finissero per vedere anche se sono vegetariano, quale collega odio e che squadra tifo.

 

 

FONTE: http://contropiano.org/politica/item/29892-con-la-scusa-dell-isis-hanno-istituito-la-legge-marziale.

Annunci

Discussione

2 pensieri su “Con la scusa dell’ISIS stanno istituituendo la legge marziale

  1. Sono per la privacy, ma non ho nulla da nascondere e non mi interessano se mi intercettano

    Mi piace

    Pubblicato da valeria manini | 26/03/2015, 16:29
    • Non si può che prendere atto del suo disinteresse. Solo che, quantomeno, c’è una contraddizione tra la prima parte della sua affermazione, e la seconda; nella quale, lei fa discendere il disinteresse all’intercettazione dal fatto che non ha nulla da nascondere. Da cui se ne inferisce che se avesse qualcosa da nascondere, invece, la disturberebbe essere intercettata. Ma da chi ?

      La questione è che se non ha nulla da nascondere, dovrebbe essere disponibile ad essere intercettata da tutti (o solo da chi ha il potere di farlo ?). A rigore, sembrerebbe, da tutti. A meno che lei, invece, non gradisca essere intercettata solo da chi ha il potere di farlo, che, presumibilmente, lei immagina dotato delle migliori intenzioni. Questo lascerebbe intendere con l’espressione “sono per la Privacy”.

      Domanda: Lei è per la Privacy solo rispetto al suo vicino di casa (per intenderci), oppure in generale ?
      Altra domanda: A lei non disturba essere intercettata dall’Italia, o dalla Germania, o dagli USA, o da Google, o da Telekom, insomma, da chi ?

      Mi piace

      Pubblicato da cambiailmondo | 26/03/2015, 17:42

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.395 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 751,395 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: