Annunci
CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Europa, Italia, Lavoro economia società, Politica

Precarietà e austerità: la ricetta UE che aggrava la crisi e aumenta la povertà

di Carmine Tomeo
Negli stessi giorni in cui il presidente del Consiglio, Matteo Renzi ha iniziato il suo tour europeo per presentare, cappello in mano, il suo Jobs Act, a Bruxelles si riuniva la Confederazione europea dei sindacati (Ces) che ha lanciato un messaggio inequivocabile: le politiche di austerità portate avanti dai Paesi membri dell’Ue sotto dettatura della Troika stanno aumentando le disuguaglianze sociali. E il fatto che per la prima volta il vertice del Ces ha riunito i leader sindacali di tutti i 28 Paesi membri denota quanto importante sia rispondere a quelle politiche da massacro sociale.

Un dato emerge in maniera lampante e lo fornisce Bernadette Ségol, segretario generale della Ces: “I salari reali sono diminuiti nel corso degli ultimi cinque anni nella maggior parte dei paesi dell’Unione europea”. È evidente, afferma perciò Ségol, che “L’austerità non funziona”.

Invece il neo-presidente del consiglio dei ministri italiano, nella conferenza stampa con Angela Merkel e successivamente nei suoi interventi, ha voluto mettere in chiaro che l’Italia rispetterà i vincoli europei, riferendosi in particolare al 3% del rapporto deficit/Pil. In buona sostanza Matteo Renzi ha rassicurato la Troika e minacciato i cittadini del nostro Paese che sarà rispettato quel programma di austerità che sta producendo il disastro sociale evidenziato dalla Ces. Nel frattempo Renzi ha illustrato alla premier tedesca il suo pacchetto di riforme, primo tra tutti il cosiddetto Jobs Act.

Questo provvedimento, già in vigore, aggrava le condizioni di precarietà lavorativa puntando su due punti essenziali: i contratti a termine, che la riforma Fornero aveva già svincolato dall’indicare la causale del contratto, potranno durare fino a 36 mesi superando così il limite dei 12 mesi ed essere rinnovati per 8 volte (non è un errore: 8 volte!) anziché per un massimo di 2; per i contratti di apprendistato sono stati eliminati l’obbligo di confermare almeno il 50% degli apprendisti prima di formalizzare nuove assunzioni e l’obbligo di non superare il rapporto di 3 apprendisti ogni 2 lavoratori specializzati o qualificati.

Il mantra è chiaramente quello solito: occorre una maggiore flessibilità per consentire alle imprese di rispondere meglio alle fluttuazioni della domanda e perciò essere competitive.

Una condizione, quella cosiddetta flessibile, che in Italia come nel resto d’Europa occorre tradurre con il termine precarietà e che significa, per chiunque si trovi ad affrontarla: bassi salari (già in diminuzione, come evidenziato dalla Ces), scarse coperture sociali ed in sostanza impossibilità a progettare il futuro della propria vita. Una condizione alla quale sempre più lavoratrici e lavoratori si vedono costretti e non basta emigrare per cercare fortuna e migliori condizioni di lavoro e di vita.

Il rapporto Accessor (acronimo di Atypical Contracts and Crossborder European Social Security Obligations and Rigths) presentato dall’Inca Cgil a Londra lo scorso novembre, traccia un quadro sulle nuove forme di contratto atipico che si sono sviluppate in 8 paesi europei: Regno Unito, Germania, Svezia, Spagna, Italia, Belgio, Slovenia e Francia. Il rapporto dell’Inca evidenzia che“già nel 2005 un lavoratore su quattro era impiegato con un contratto di lavoro atipico o molto atipico, o semplicemente senza contratto. E diversi studi, anche della Commissione europea, concordano sul fatto che durante la crisi questa dimensione del lavoro non abbia fatto che aumentare (European Commission, 2013), e che quindi l’occupazione sia complessivamente più precaria oggi che nel 2005 o nel 2007 (Working Lives Research Institute, 2012).” Eurostat conta in 9 milioni i lavoratori e lavoratrici con contratti di durata inferiore a 6 mesi, per la maggior parte giovani.

Eppure sono molti gli economisti che fanno notare come la precarietà non possa affatto mitigare gli effetti della crisi, ma invece li peggiora. Se ormai dovrebbe essere chiaro, dati alla mano, che la precarietà non produce affatto un aumento dell’occupazione, è bene anche notare che provvedimenti che mirano alla cosiddetta flessibilità in uscita non hanno effetti positivi nemmeno sul Pil. Cioè, nemmeno sul denominatore del rapporto deficit/Pil imposto senza alcuna validazione scientifica al 3% e che Matteo Renzi ha precisato di voler rispettare. È evidente, infatti, che la propensione al consumo di un lavoratore precario sia minore rispetto a chi può contare su un lavoro stabile, dal momento che il primo, rispetto al secondo, è frenato dal maggior rischio di rimanere disoccupato da un giorno all’altro. È evidente, pertanto, che nemmeno gli 80 euro al mese possono davvero rilanciare i consumi, com’è nelle intenzioni dichiarate da Renzi e dal ministro del Lavoro, Poletti se, come afferma ad esempio il prof. De Nardis, capo economista di Nomisma, generalmente solo il 50-60% di quei soldi sarà destinato al consumo. E l’effetto sul Pil sarà tanto minore quanto maggiore sarà la copertura della manovra trovata attraverso tagli alla spesa pubblica (già annunciati).

E allora, affinché la crisi non continui ad essere pagata da lavoratrici e lavoratori, la strada da percorrere in Italia e in Europa è assolutamente opposta a quella perseguita dai governi dei Paesi europei, in maniera sostanzialmente indifferente che si tratti di conservatori o socialdemocratici. Occorre cioè rigettare le politiche di austerità e porre le basi per una politica economica alternativa a quella fin qui perseguita e antagonista rispetto ai poteri forti che la perseguono, riportando al centro delle politiche economiche i diritti ed i bisogni delle lavoratrici e dei lavoratori. Nel percorrere questo sentiero, la sinistra di classe e davvero di alternativa non può però prescindere dall’assumersi il compito di lavorare per ricomporre la classe lavoratrice che il capitale ha frammentato con le sue politiche di austerità e di precarizzazione.

Fonte: http://postillanea.blogspot.it

Annunci

Discussione

Un pensiero su “Precarietà e austerità: la ricetta UE che aggrava la crisi e aumenta la povertà

  1. Concordo con la inspirata e dettagliata analisi. Concordo naturmente sulle conclusioni a proposito della politica di austerity. A proposito di -“..la sinistra di classe e davvero di alternativa non può però prescindere dall’assumersi il compito di lavorare per ricomporre la classe lavoratrice che il capitale ha frammentato con le sue politiche di austerità e di precarizzazione”- mi viene qualche dubbio. Forse non e’ il “capitale” (o non solo) che ha frammentato ma c’e’ anche l’innovazione tecnologica ed il cambio di strutture economiche ad essa associate ed ancora dinamiche sociali e culturali. Parlare di classe non mi sembra possa funzionare e non solo per il lessico ma per fotografare la realta’ attuale e futura. Tornando indietro, per avere un riferimento, con la rivoluzione industriale, si produsse un cambio sociale ed organizzativo, quel cambio, semplificando molto, prima di generare maggiore benessere provoco’ ingiustizia sociale e nuove forme di sfruttamento. Adesso c’e’ un profondo cambiamento in corso, ma la globalizzazione e la finanza non sono le uniche colonne portanti di questo cambiamento, i motori di quelle “vecchie” ingiustizie che si ripropongono in forma nuova sono molti: elementi forse del tutto nuovi rispetto al tempo in cui le teorie marxiste venivano elaborate. Quindi, nonostante la sicura validita’ ed attualita’ di parte o interpretazioni di esse credo proprio che quello che e’ mancato e manca alla sinistra sia una nuova e futuribile visione del mondo. Certo un mondo diverso dall’attuale ma anche diverso da quello prospettato agli inizi del ‘900. I mezzi di comunicazione ed informazione sono talmente nuovi e diversi che non pongono solo una questione di scala ma anche una questione qualitativa, oltre il tema dell’automazione che ha un impatto incredibile sull’attuale mondo del lavoro ci sono poi il tema ambientale (inedito nelle proporzioni planetarie) ci sono poi anche alcune tematiche nuove e peculiari come quelle che si sollevano dall’uso della bio-ingegneria. Tutti questi argomenti richiedono uno sforzo di linguaggio e di comprensione nuova per generare una conoscenza e consapevolezza condivisa. Senza larga condivisione e conoscienza della realta’ nessun cambiamento positivo e’ possibile. Occorrebbe spiegare con esattezza ed efficacia dove siamo ed immaginare dove vogliamo arrivare e come – cosa non semplice- ma altrimenti non siamo alternativi a niente. Parlare di “lotta di classe” non aiuta, e non perche’ non ci siano gli sfruttati e le ingiustizie (ci sono eccome!), ma perche’ a mio avviso non fotografa la realta’. E dalla realta’ occorre ripartire. Certo la rivendicazione dei diritti per chi e’ piu’ debole e’ fondamentale ma per avere tante persone che ricomincino a pensare agli altri ancor prima di stare male loro stessi occorre prospettare un futuro dove si sta meglio. Ad esempio il valore della collettivita’ va ricostruito e non solo dal punto di vista di elemento di forza conflittuale ma come elemento prezioso per il vivere; il mondo del lavoro povrebbe essere meno gerarchico di quello attuale (le nuove tecnologie ed alcuni esempi consentono di provare ad immagine questo). Ed ancora: lavorare tutti ma meno ore rivisto in ottica nuova, la maggiore realizzazione dell’individuo tramite lo sviluppo e la fruizione della cultura , una diversa fruizione del consumo che svolga una funzione positiva (e meno distruttiva per l’ambiente e gli individui). Questi ultimi potrebbero essere degli aspetti ma ce ne sono tanti che la sinistra dovrebbe spiegare meglio alle persone per dare una prospettiva nuova per tornare ad avere un consenso ..c’e’ molto da pensare e da proporre sia dal punto di vista delle idee che del linguaggio.

    Mi piace

    Pubblicato da lorenzo | 22/04/2014, 14:30

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.225 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 695,593 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: