Annunci
America, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Europa, Eventi manifestazioni iniziative, Geopolitica Conflitti Pace, Italia

Bolivia: non è stato un errore ma una provocazione dell’Impero. Il “sequestro” europeo di Evo Morales nella geopolitica internazionale

evo-1

di Adriana Bernardotti (Buenos Aires)
Evo Morales non ha paura delle minacce e alza la posta, sfidando le potenze che lo hanno oltraggiato. In una manifestazione realizzata sabato scorso in un villaggio indigeno al sud di LaPaz, si è rivolto “agli europei e ai nordamericani” per dirli che “ieri ho riflettuto e come giusta protesta adesso vogliamo offrire asilo se ce lo chiede questo nordamericano perseguito dai loro connazionali”. Bolivia diventa così il terzo paese ad offrire asilo all’ex consulente della CIA Edward Snowden, l’ultimo gran nemico degli Stati Uniti, che ha rilevato i segreti dello spionaggio mondiale della superpotenza. Altre offerte erano arrivate dal Venezuela e Nicaragua: sempre latinoamericani, sempre Stati discoli per la politica USA.

Il virtuale sequestro di Evo a cui era stato impedito di sorvolare i cieli europei con il suo aereo, è stato letto come una provocazione degli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO, tanto dal governo boliviano come dai paesi sudamericani che condividono l’indignazione. “Quello che è successo in questi giorni non è una coincidenza, non è un errore, è un intimidazione politica alla Bolivia e all’America Latina. Il nostro crimine è essere indigeno e antimperialista e questa è la ragione perché contestano tutte le nostre politiche “, aveva dichiarato Morales già appena sceso dall’aereo nel territorio del suo paese, di fronte alla folla che lo attendeva con striscioni che recitavano: “Francia, Italia, Spagna e Portogallo, qhinchas de merde”. (qhincha nella lingua quechua dei popoli aborigeni delle Ande significa disgraziati, miserabili, persone che portano sfortuna).

Il primo a sostenere la teoria della “provocazione” è stato il governo brasiliano, per bocca dell’assessore speciale per la politica internazionale Marco Aurelio Garcia, presente in rappresentanza di Dilma Rouseff, all’incontro d’urgenza convocato dall’UNASUR nella città di Cochabamba (Bolivia) giovedì scorso. L’interpretazione che ha prevalso tra i sudamericani è che l’intenzione degli Stati Uniti è stata quella di spaventare, intimidire, perché non è verosimile che l’Interpol o i potenti servizi segreti statunitensi credessero veramente nella presenza di Snowden sull’aereo, come ha insistito Evo.

evo2Comunque il summit UNASUR di Cochabamba, in riparazione dell’affronto subito dalla Bolivia, ha visto notevoli assenze presidenziali, che rivelano fessure nel blocco regionale quando viene implicato un antagonismo netto con la politica degli Stati Uniti. Si sono recati puntualmente all’appuntamento i presidenti Nicolas Maduro di Venezuela, Cristina Kirchner di Argentina, Jose Mujica di Uruguay e Rafael Correa dell’Ecuador. Quest’ultimo ha commentato con franchezza: “non è stato possibile fare un Summit presidenziale, perché richiede il consenso di tutti i membri e vi sono paesi che si sono opposti, bloccando il vertice dei Presidenti”.

L’assenza più visibile è stata quella del Presidente del Perù, Ollanta Humala, attuale “presidente pro-tempore” di UNASUR e del paese che, in una prima ipotesi, doveva ospitare l’incontro. Mancava anche Sebastian Piñeira, il capo del governo di centrodestra del Cile, che dovrà confrontarsi nelle elezioni presidenziali con Michelle Bachelet alla fine di questo anno. Singolare il caso della Colombia: non solo non ha inviato una delegazione ministeriale (è stata rappresentata dal suo ambasciatore in Bolivia), ma il suo Presidente Juan Manuel Santos , dopo aver espresso la sua solidarietà a Morales, ci ha tenuto a raccomandargli di fare tutto il possibile per non rovinare i rapporti con l’Europa.

L’assenza di Dilma Roussef, figura solitamente in primo piano in tutti gli scenari regionali, è stata giustificata dalla delicata situazione interna del paese, anche se in alcune analisi è stata associata alle attese per l’importante visita ufficiale che farà prossimamente la leader brasiliana a Washington. Martin Granovsky, giornalista esperto in politica estera brasiliana, ha sottolineato il significato della presenza del brasiliano Marco Aurelio Garcia in Cochabamba e non legge nell’assenza un cambio nella politica della potenza regionale. Comunque mette in rilievo l’importanza simbolica dell’invito alla capitale USA: “Dilma si recherà in ottobre a Washington in visita di stato. Riceverà una accoglienza con tutto il cerimoniale di protocollo riservato ai presidenti: le 21 cannonate nei giardini della Casa Bianca, l’omaggio ai morti nel cimitero d’Arlington, la sfilata dei soldati della guerra di indipendenza con i loro ottavini”. Onori che non sono stati dispensati né a Nestor Kirchner, né a Cristina, e nemmeno allo stesso Lula. “Sarà stato a causa del veto di Argentina e Brasile alla formazione di una zona di libero scambio delle Americhe, il progetto sepolto nel Summit di Mar del Plata del 2005 ? – si domanda – E’ possibile”.

evo3In ogni caso l’UNASUR ha rilasciato a Cochabamba una dichiarazione dove considera “inaccettabile la limitazione della libertà del Presidente Evo Morales”, rifiuta le azioni dei governi di Francia, Italia, Portogallo e Spagna, e sollecita a questi governi di dare spiegazioni del comportamento presentando pubbliche scuse.

Il governo di Mariano Rajoy ha subito risposto minimizzando i fatti e affermando che la Spagna non deve scuse a nessuno… Non vogliono neanche dare spiegazioni per l’insolito atteggiamento dell’ambasciatore spagnolo a Vienna, che ha preteso di entrare all’aeronave per verificare di persona se era nascosto l’ex analista della CIA. Il Ministero degli Esteri di Francia, ha cercato invece un tono più conciliatore, auspicando un veloce chiarimento con la Bolivia e rinnovando “l’attenzione particolare della Francia verso i paesi dell’America Latina”.

L’Italia, da parte sua, ha cercato di prendere le distanze. “L’Italia non ha avuto nulla a che fare” sulla vicenda dell’aereo del presidente boliviano Evo Morales, perché “nel momento in cui è atterrato a Vienna, è decaduta la richiesta di sorvolo indirizzata all’Italia”, è stata la spiegazione della Ministro Emma Bonino, donna riconosciuta per il suo coraggio in tante battaglie civili ma anche per il suo appassionato atlantismo. Secondo il governo, l’autorizzazione al sorvolo dello spazio aereo era stata già rilasciata, ma quando il 2 luglio l’autorizzazione è stata negata da Francia, Spagna e Portogallo, il velivolo ha invertito la rotta ed è atterrato a Vienna.

La condanna più forte a livello europeo è pervenuta dal presidente del Parlamento europeo Martin Schultz, che ha considerato il trattamento dato a Morales “ridicolo e inaccettabile”, ritenendo che si debba investigare chi ha ordinato un simile atto, e avvertendo che gli europei non potevano non osservare le norme del diritto internazionale.

Oggi intanto erano convocati dal governo gli ambasciatori dei paesi europei coinvolti nella faccenda, tra cui il rappresentante diplomatico d’Italia Luigi di Chiara.

 

Perché intimidire Evo?

Così come era evidente che nell’aereo non c’era Edward Snowden, è anche risaputo che la Bolivia segue da vicino le politica internazionale della Repubblica Boliviariana del Venezuela in aperta sfida con Washington. Non soltanto nella conformazione di alleanze a livello sudamericano – come quando ha fortemente criticato l’accordo di libero scambio firmato dai governi di Perù e Colombia con gli Stati Uniti, sostenendo il governo venezuelano nella sua uscita dalla Comunità Andina e aderendo dunque immediatamente all’ALBA, l’unione di governi bolivariani promossa da Venezuela e Cuba – ma anche nei diversi schieramenti a livello internazionale, in particolare sui temi sensibili del Medio Oriente.

Evo ha manifestato il suo appoggio illimitato ai governi arabi nemici d’Israele, l’alleato strategico degli Stati Uniti nell’area, arrivando a definire il presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad, un “compagno rivoluzionario e fratello”.

Un altro motivo di disgusto degli americani è quello della coltivazione di coca, precisamente la battaglia che combatte dalle sue origini, come sindacalista dei contadini produttori di questa pianta sacra di consumo tradizionale nella cultura aymara a cui appartiene. Nel 2008 Morales ha espulso la DEA, l’organizzazione degli Stati Uniti dedicata al controllo e sradicamento delle coltivazioni di coca, accusandola d’ingerenza negli affari interni del paese, “perché dietro alla coca ci sono gli interessi geopolitici degli Stati Uniti per dominare le nazioni e parallelamente saccheggiarne le risorse naturali”. Promotore dei poteri medicinali della pianta nei fori mondiali, dà impulso anche alla sua industrializzazione nel paese. Tutte le politiche di Evo sono accompagnati da forti gesti di attivismo antiyankee, come quando lo scorso anni è stata espulsa la azienda Coca Cola, la cui bibita è sostituita con una a produzione locale a base di foglie di cosa, o lo stesso fallimento e abbandono della catena Mac Donalds nel paese.

Al di là dei diversi gesti simbolici, un dato da tener presente è che la Bolivia è il secondo paese per riserve di idrocarburi del Sudamerica dopo il Venezuela, fattore illuminante sull’importanza strategica del paese andino.

evo4Appena iniziato il primo mandato, il 1° maggio 2006, Evo decreta la nazionalizzazione degli idrocarburi a favore dell’azienda statale YPFB (Giacimenti Petroliferi Fiscali di Bolivia), occupando militarmente le grandi imprese del settore (fondamentalmente la spagnola Repsol e la brasiliana Petrobras) e destando inizialmente allarme a livello diplomatico e nel FMI. Le nuove norme prevedono che le aziende che sfruttino i depositi siano imprese miste, in cui YPFB abbia almeno il 51% del patrimonio netto. Lo stato boliviano ottiene l’82% dei ricavi e il 18% resta ai privati (secondo dichiarazioni successive delle imprese, anche in tale condizioni l’investimento risulta redditizio).

La politica di nazionalizzazioni è proseguita con le miniere di stagno, l’azienda francese di acqua e servizi igienico-sanitari, i telefoni (Telecom Italia, nel 2008), altri interventi nel settore dell’alimentazione (imprese francesi), nelle industrie minerarie, nei cementifici.

L’anno 2012 è stato dichiarato dal governo della Bolivia come “Anno dell’industrializzazione nel settore minerario e degli idrocarburi“, promuovendo grandi investimenti per le due imprese statali strategiche nel settore: l’ YPFB per gli idrocarburi e la Corporación Minera de Bolivia (Comibol) per le miniere.

I mineraliargento, zinco, stagno principalmente – sono la seconda materia prima di esportazione della Bolivia, dopo il gas. Con questi programmi di sviluppo sono stati avviati i lavori per l’istallazione di due impianti idro-metallurgici per l’elaborazione del piombo e dello zinco, nelle regioni andine di Potosi e Oruro. Il presidente Evo Morales, ha recentemente inaugurato l’impianto industriale di litio Llipi, nella regione andina di Uyuni, per la produzione di cloruro di potassio, e ha annunciato che questo progetto segna l’inizio dell’era dell’industrializzazione in Bolivia.

La commercializzazione di gas naturale da parte di YPFB con il Brasile e l’Argentina è un’importante e crescente fonte di divise. Questo anno si prevede l’ingresso di più di 6.000 milioni di dollari per l’esportazione di energia. La produzione di petrolio attuale in Bolivia è di 58.753 barili al giorno e le riserve certe di gas naturale ascendono a 11,2 miliardi di metri cubi, secondo dati ufficiali. Le esportazioni di queste risorse, si stima, rappresenteranno poco più del 50 per cento del totale delle esportazioni nel 2013.

Con l’obiettivo di promuovere l’elaborazione del gas naturale e dare impulso ad un’industria petrolchimica in Bolivia, la direzione dell’azienda statale YPFB ha approvato il ”Piano di Industrializzazione Quinquennale Gas Naturale 2011-2016” , che include i progetti ammoniaca urea, etilene, polietilene e gas a liquidi, in modo da produrre derivati con valore aggiunto per l’industria e il consumo interno, generando anche un surplus per l’esportazione.

La molto accidentata visita del presidente Evo a Mosca di giorni fa, potrebbe esser sgradita alla potenza imperiale statunitense se guardata nel contesto della politica internazionale e degli interventi economici dello Stato boliviano appena descritto. Evo era andato a Mosca per partecipare al Vertice del Foro dei Paesi Esportatori di Gas, al termine del quale la Bolivia ha firmato importanti accordi con il governo della Russia e le loro imprese per l’esplorazione e produzione di questa fondamentale fonte d’energia. Il Foro è un’organizzazione dei massimi produttori creata a Teheran nel 2001 e i suoi principali animatori sono Russia, la Repubblica Islamica d’Iran, Libia, Algeria, Venezuela e Bolivia.

Gli Stati Uniti sono accusati dal governo boliviano d’ingerenza nella politica interna lungo i vari conflitti che hanno minacciato il governo. Evo Morales, rifondando il paese come Stato Plurinazionale di Bolivia, modificava alla radice i rapporti di forza tra settori sociali, etnici e territoriali. I dipartimenti della regione piana orientale della “Media Luna” con base nel dipartimento di Santa Cruz, di popolazione bianca o meticcia, ricca d’agricoltura, bestiame e idrocarburi, adottarono una strategia autonomista promuovendo, di fatto, la separazione dalla nuova Bolivia che riconosceva le radici indigene, fondata da Morales.  In questa situazione di scontri, con diverse vittime e il rischio di guerra civile, il governo ha denunciato tentativi di colpi di stato, ha sventato un attentato a Evo e altri attacchi del movimento separatista di Santa Cruz, dietro il quale si sospetta la mano lunga dell’ambasciata degli Stati Uniti. Nell’agosto del 2008 il governo boliviano protestò formalmente con il governo di Bush per gli incontri tra il loro ambasciatore con il prefetto di Santa Cruz, leader della rivolta autonomista.

In seguito, secondo le denunce del governo, la strategia dell’ambasciata si è rivolta ad istigare e caldeggiare con l’ausilio della stampa, le proteste dei settori popolari. Ad esempio, nei conflitti esplosi negli ultimi anni attorno al progetto di costruire un’autostrada attraverso il Parco naturale di Tipnis, contestato dai popoli originari del territorio, ma che costituirebbe una strategica via di comunicazione con il Brasile (interessato al suo finanziamento) per completare un corridoio interoceanico con il Cile. Un vero grattacapo per il governo, che anche se l’anno scorso ha promosso e vinto un referendum realizzato tra le diverse comunità indigene implicate, non riesce a contenere la furia di una parte della popolazione originaria.

I terreni di scontro interno con gli americani si moltiplicano. Un altro tema sono i sospetti sulle attività di alcune organizzazioni non governative (ong) americane sul territorio, senza aver avuto il consenso e l’autorizzazione delle autorità boliviane. Sono denunciate la “Fondazione Nazionale per la Democrazia”, finanziata dal Congresso degli Stati Uniti e l’Istituto Repubblicano Internazionale, legato al partito repubblicano americano.

Altri attriti sono sorti con la promulgazione nel 2011 della “Legge sulle Telecomunicazioni, Tecnologia dell’Informazione e Comunicazione”, che prevede l’assegnazione del 33% delle licenze allo Stato, il 17% alle organizzazioni della comunità, il 17% per gli indigeni e il 33% al settore privato. Il conflitto scontato con i gruppi monopolisti del settore e alcuni giornalisti, è sboccato in uno scontro tra Morales e la CNN, definita dal presidente come una catena imperialista, filo-americana, capitalista, di destra e monarchica. Anche sul piano delle finanze, la Bolivia ha voluto dare segnali di rottura, ribaltando l’egemonia del dollaro sull’attività economica del paese. Attraverso la politica denominata di “bolivianizzazione” il governo è riuscito ad imporre l’utilizzo della moneta locale sul 75% delle operazioni bancarie, raggiungendo il 100% nel settore della microfinanza. Inoltre la Bolivia acquista yen, per diversificare le riserve monetarie e guadagnare autonomia dalla tirannia del dollaro.

I successi della Bolivia di Evo sono indiscutibili, al di là delle molte difficoltà e contraddizioni che spuntano ogni giorno in un paese che ha subito secoli di ingiustizie e spoliazioni. Mediante una campagna di alfabetizzazione realizzata con il supporto di Cuba e Venezuela, “in sette anni la Bolivia ha sradicato l’analfabetismo; la sua economia è cresciuta a una media annua del 4,7 per cento, sono aumentate quasi sei volte le sue riserve di valuta estera, il PIL pro capite è raddoppiato e ha smesso di essere quello stato mendicante, descritto come inviabile, che dipendeva dagli aiuti internazionali per pagare i propri dipendenti pubblici,  conquiste che non possono vantare molti paesi nella megacrisi economica internazionale.

Ha esteso notevolmente l’assistenza sanitaria a milioni di persone che non ne avevano e aperto migliaia di scuole. E’ un importante membro dell’ALBA, dell’UNASUR e sicuramente presto entrerà nel Mercosur, al quale aggiungerà un’ulteriore forza geopolitica e proiezione internazionale, considerando le risorse energetiche, minerarie e la biodiversità di cui gode la Bolivia”. (Angel Guerra Cabrera, La Jornada, 9/8/2012)

Più di ogni altra cosa, quello che mette in rilievo il conflitto, è che Evo è un pezzo molesto nella scacchiera geopolitica sudamericana, allineato con il blocco regionale che si viene costituendo in opposizione alle politiche di dominio statunitense nel continente.

L’episodio di Evo Morales virtualmente prigioniero a Vienna, rivela il declino dell’ ordine internazionale vigente dalla II° Guerra Mondiale,  segnala Hugo Moldiz Mercado (Telesur). Un declino i cui antecedenti “risalgono, paradossalmente, allo stesso momento del crollo del socialismo in Europa dell’Est” dal momento che “il passaggio a un mondo unipolare ha aperto un lungo periodo, non concluso ancora, di invasioni militari degli Stati Uniti e i suoi alleati in diversi punti del pianeta. In tutte queste invasioni imperiali, alle quali i media hanno dato forma di guerre, il tratto centrale è stato la negazione della Carta delle Nazioni Unite, della dichiarazione universale dei diritti umani, dei trattati e accordi internazionali come dimostrano i casi di Irak, Afganistan, Libia e tanti altri meno noti.

Il secondo insegnamento, secondo lo stesso analista di Telesur, è che gli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO stanno sviluppando una strategia di dominio mondiale, una NATO planetaria, per la quale “le forze imperiali possono intervenire in qualsiasi posto del mondo e per qualsiasi motivo”, come è stato stabilito nel vertice NATO del 2010. Fanno parte di questa strategia d’allargamento di competenze lo sbarco dell’alleanza in America Latina, mediante l’adesione della Colombia (alleato extra NATO, con recente firma di un’ accordo di cooperazione), e parallelamente “il sostegno del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, sequestrato dagli Stati Uniti e i suoi alleati”. Perciò “è evidente che il 2 luglio scorso, Francia, Spagna, Italia e Portogallo, hanno proibito l’utilizzo dello spazio aereo in maniera coordinata, malgrado i governi di questi paesi insistono in che sono state decisioni prese ‘individualmente’, scartando la necessità di dare spiegazione e meno ancora scuse”.

In terzo luogo, “è un segnale di minaccia per i governi di sinistra e progressisti dell’America Latina, che da circa 15 anni hanno ridotto l’influenza degli Stati Uniti nella regione allargando lo spettro dei loro rapporti internazionali, in particolare a partire da un approccio di integrazione e cooperazione Sud-Sud”. Inoltre “l’azione montato dall’Impero” dimostra “l’uso di metodi segreti da parte di Washington per premere sui governi affini alle loro politiche in America Latina, allo scopo di ridurre il livello d’influenza di nuovi organismi come l’Unasur, l’ALBA e la CELAC”.

Per ultimo dimostra chiaramente come i paesi europei sono diventati un prolungamento del territorio degli Stati Uniti e vere colonie dell’imperialismo.

In riferimento alla penultima osservazione, non è certamente un caso il fatto che tutti i paesi che sono mancati all’incontro UNASUR di Cochabamba, eccetto Dilma Roussef, sono firmatari di Accordi di Libero Commercio con gli Stati Uniti, e fanno parte della denominata Alleanza per il Pacifico costituita da Colombia, Perù, Cile e Messico.

L’Alleanza per il Pacifico è il nuovo nome per il vecchio tentativo di costituire l’ALCA da parte degli Stati Uniti, cioè l’espansione verso sud dell’Area di Libero Commercio dell’America del Nord (Stati Uniti, Canada e Messico). Ricordiamo che quell’accordo – giudicato ad esclusivo vantaggio degli Stati Uniti – era stato fatto deragliare rapidamente dall’alleanza dei governi progressisti, guidata da Lula e Kirchner, conformata poi dal Mercosur.

In America Latina stiamo assistendo al confronto di due strategie o disegni politici-economici, da una parte il ripristino dell’influenza degli Stati Uniti e dall’altra il tentativo interno al continente di avanzamento di un processo d’integrazione diverso. Questo secondo processo, configura alleanze ancora in fase di consolidamento e molto dipendenti, tuttora, del segno politico dei governi che dirigono i diversi paesi, come ci fa notare Luis Bruchstein (Pagina 12, 6/7/2013). Il Mercosur è finora riuscito a sottrarsi al pericolo dell’associazione dell’Uruguay al blocco di libero commercio statunitense (durante il governo di Tabare Vasquez), applicando la norma che impedisce la firma individuale di trattati di questo tipo con terzi paesi (risoluzione 32/00 Mercosur); i problemi possono rinascere adesso con la sostituzione di Lugo con Franco in Paraguay.

Per questa ragione, qualsiasi cambiamento di segno politico nei governi del Brasile e dell’Argentina, i due assi portanti del Mercosur, potrebbe mettere a repentaglio l’orientamento dell’integrazione e la collocazione geopolitica del Sudamerica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.558 follower

Blog Stats

  • 885.662 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

5 Maggio 2018: 200° KARL MARX

Karl Marx

I dieci giorni che sconvolsero il mondo

cambiailmondo2012@gmail.com

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: