Europa, Geopolitica Conflitti Pace, Informazione e media, Politica, Russia, STORIA, Ukraina

HitlerJugend in auge a Kiev. La censura dei media occidentali sul neonazismo ucraino

di Vladimir Volcic

Tra il 2014 e il 2019 i media europei in varie occasioni hanno preso in esame i movimenti neonazisti in Ucraina, descrivendo le loro ideologie, le violenze perpetuate contro i civili nel Donbass e avvertendo della loro estrema pericolosità. Le indagini investigative sono andate scemando nel 2020, lasciando spazio ad altri drammatici argomenti di attualità, tra essi la pandemia da Covid19.

Allo scoppio del conflitto in Ucraina qualche media ha ripreso l’argomento dei movimenti neonazisti ma tra marzo e aprile 2022 la NATO e l’Unione Europea hanno “consigliato” ai media di archiviare l’argomento. Peggio ancora, hanno «consigliato » di trasformare i gruppi paramilitari neonazisti ucraini in patrioti nazionalisti che combattevano gli invasori russi. Alcuni media hanno tentato di sostituire le orrende narrazioni dei nazi ucraini con gruppi nazisti russi. Un filone della propaganda occidentale che è stato abbandonato dopo poche settimane perchè vi era ben poco da raccontare in quanto il fenomeno del Nazismo in Russia è veramente marginale.

Il processo di negazionismo attuato dai giornalisti occidentali ha cancellato l’esistenza di questi gruppi neonazisti dall’immaginario collettivo dell’opinione pubblica europea, cavia sperimentale di un grezza ma efficace realtà virtuale ai fini della propaganda di guerra ma non li ha cancellati in Ucraina. Anzi queste milizie, dopo la disastrosa sconfitta a Mariopol, si sono risparmiate sui campi di battaglia. Le loro forze sono pressochè intatte mentre l’esercito regolare, composto da gente comune, è ormai decimanto. Questo ha creato una situazione assai pericolosa. Il neonazisti, infiltrati anche nel governo di Kiev, stanno diventando progressivamente l’unica forza politica militare ancora intatta in Ucraina.

Quello che vi raccontiamo di seguito è la storia della HitleJugend ucraina, i Патріоти України – Patrioty Ukrayiny – Patrioti dell’Ucraina. Informazioni utili poichè tra pochi mesi, dolenti o volenti, i media occidentali saranno costretti nuovamente a parlarne dinnanzi alla minaccia neonazista ucraina che sarà rivolta contro la democratica Europa in una classica situazione del cane che morde la mano del padrone.

Patrioty Ukrayiny è una delle organizzazioni neonaziste ucraine che sono servite a minare il paese, infiltrarsi nei consigli municipali e regionali e soprattutto a plagiare i giovani con idee “nuove” basate sul nazional socialsimo e sul fanatico odio etnico contro i compatrioti di origine russa e contro la Russia. Queste idee erano simili a quelle vendute da Adolf Hitler negli anni ’30 nell’Hitlerjügend: la promozione di una vita sana attraverso lo sport, campi estivi dove venivano insegnate abilità paramilitari, maneggio di armi di base, combattimenti simulati, escursioni, abilità di sopravvivenza, ecc.

A questo si aggiunge un’intera sezione politica attorno al mito degli ucraini martirizzati per secoli dai russi, il culto di eroi come Bandera o Shukhevytch dei collaboratori della Germania nazista, l’identificazione dei “nemici”, il russo in particolare, con tutta una riscrittura e revisione della storia e infine l’insegnamento di un negazionismo ucraino: i nazionalisti non avevano partecipato all’Olocausto durante la seconda guerra mondiale.

In Ucraina brulicano da anni partiti e associazioni di questo tipo, come il Partito nazionalsocialista ucraino Svoboda, il Партія Правий сектор – Pravyy Sektor (Settore Destro), il Партія Національний корпус – Partiya Natsionalʹnyy korpus (il Partito dei Corpi Nazionali) il S група 14 (Gruppo S 14), il gruppo Білий молот – Bilyy molot (Martello Bianco), il Добровольчий український корпус – Dobrovolʹchyy ukrayinsʹkyy korpus (Corpo Volontari Ucraini), organizzazione paramilitare sul modello delle Waffen tedesche, la ОУДА – OUDA – organizzazione paramilitare degli Ospitalieri , il Батальйон «Азов» – Batalʹyon «Azov». (Battaglion Azov) , e un altro centinaio di associazioni scout, storiche o sportive di estrema destra, per non parlare degli ultra tifosi delle società di calcio.

Un ruolo di primo ordine nella diffuzione del neonazismo lo ha avuto l’ala giovanile del Partito Nazionalsocialista dell’Ucraina. Questa ala giovanile sostituiva i distaccamenti SNPU, club di giovani neonazisti che il Ministero della Giustiza ucraino nel 1999 aveva rifiutato di registrare come organizzazione.

Il movimento era guidato da uno dei peggiori criminali politici dell’Ucraina, Andrei Parouby, che divenne in seguito un comandante dei miliziani del Battaglione Storm e prese parte al massacro di Odessa nel 2014 con ruoli di comando. Questo fanatico neonazista, che divenne assistente parlamentare nel 2015, e successivamente deputato nel 2016, fu nominato nel 1999 al comando dell’ala giovanile del Partito Nazionalsocialista dell’Ucraina.

La sua ascesa politica è iniziata all’interno di questa organizzazione giovanile di estrema destra. La sua prima impresa fu quella di guidare in fiaccolata un corteo di un migliaio di giovani neonazisti il 12 dicembre 1999. Queste fiaccolate si sono poi moltiplicate in Ucraina, fino a diventare grandi raduni, attirando migliaia di persone.

L’orientamento nazista dei giovani di Svoboda divenne visibile quando il Partito Nazionalsocialista dell’Ucraina, con il marketing e la consulenza politica degli Stati Uniti e del Canada (finanziando segretamente il partito), si ribattezzò Svoboda, provocando lo scioglimento della Gioventù Nazionalsocialista dell’Ucraina nel 2004.

L’evento avvenne mentre la CIA si preparava a organizzare e finanziare l’assalto al primo Maidan di Kiev, che doveva portare al potere il presidente Victor Yushchenko, anche lui sposato con un’ucraina nata negli USA, consigliere di Ronald Reagan e noto Agente CIA (2004-2005, rivoluzione arancione).

Questa dissoluzione doveva ripulire il panorama mediatico della estrema destra ucraina che si accingeva a prendere il potere, essendo troppo visibili i giovani neonazisti, sia attraverso il simbolismo ostentato (svastiche, croci celtiche, SS wolfsangen, saluti nazisti, bandiere dell’UPA, teschi delle SS, ecc.), ma anche da neo – Slogan nazisti e banderisti e “folklore”. I media occidentali hanno avuto grandi difficoltà a nasconderli quando è scoppiato il secondo Maidan. Lo scioglimento della gioventù Svoboda fu rifiutato da due organizzazioni locali, a Zhytomyr, dove i giovani neonazisti fondarono il movimento Gaïdamaki, e a Kharkov, dove l’ufficio politico locale, diretto da un certo Andreï Biletsky, rifiutò di disperdersi (febbraio-marzo 2004).

Fu in questa occasione che questi giovani fondarono ufficiosamente il Movimento Patrioty Ukrayiny dei patrioti dell’Ucraina (2005), che Biletsky registrò ufficialmente il 17 gennaio 2006. Per chi non lo sapesse Biletsky fu in seguito il fondatore del famigerato battaglione neonazista Azov, gli “Eroi dell’Occidente difesi da tutti i media occidentali che faticano a giustificare le loro origini che venivano minimizzate, e soprattutto vengono sistematicamente nascosti gli altri battaglioni neonazisti, come Aïdar, Tornado, OUN, Dniepr-1 e 2, Storm, Shakhtarsk, Sainte-Marie, DUK e tanti altri che con la decimazione dell’esercito regolare ucraino stanno acquistanto un potere sporporzionato all’interno delle Forze Armate dell’Ucraina.

Da quel momento Biletsky iniziò la sua lunga ascesa nell’ombra bruna della sua ideologia. Le prime azioni compiute sono state ovviamente razziste, protestando a Kharkov contro lo status ufficiale di seconda lingua del Paese per la lingua russa (9 marzo 2006), quando più della metà degli abitanti del Paese erano appunto di madrelingua russa. Presto fu organizzato un congresso nazionale a Kharkov, il Congresso panucraino (18 novembre 2006), che annunciava l’istituzione di un ufficio a Kiev.

Con il progredire del movimento, attirò varie associazioni, come il gruppo banderista Alternative Ukrainienne (di Chernigov), associazioni di cosacchi banderisti, membri del Partito nazionale del lavoro ucraino, una sorta di partito fascista in cui i membri erano affascinati da Hitler, Mussolini e Franco e sostenevano l’alleanza nazionale in blocco: la nuova destra ucraina (2007-2008). L’alleanza ebbe vita breve e le manifestazioni si trasformarono presto in scontri violenti e brutali contro le forze dell’ordine, come a Kiev (18 ottobre 2008), dove furono arrestati 147 neonazisti e 8 condannati per violenza, resistenza alle forze di ordine e atti vandalici. Ma il progetto di alleanza è proseguito, con la formazione di un’Assemblea Social-Nazionale (SNA), formata dal movimento dei Patriots of Ukraine, dall’Alternativa Ucraina e dal Sich (un battaglione neonazista si è formato con questo nome nel 2014).

Percosse, tentativi di omicidio e violenze estreme. Il movimento ha proseguito su questa strada, manifestazioni “patriottiche” che celebravano gli “Eroi” dell’Ucraina, irruzioni nei campus (in particolare Kiev, Kharkov o Lvov), percosse di attivisti di estrema sinistra, comunisti, denunce contro lo svolgimento del 9 maggio Giorno della Vittoria contro la Germania nazista come festa anti-ucraina e irrispettosa della memoria degli “eroi” ucraini.

Il picco di violenza è arrivato poco prima del secondo Maidan, quando tre membri del gruppo sono stati processati a Kharkov per un tentativo di omicidio contro il giornalista Sergei Kolesnik, o un altro attivista condannato per le percosse di attivisti o giornalista Alexei Kornev. Passando al terrorismo, altri tre membri sono stati arrestati dalla polizia (11 gennaio 2014) per aver preparato una bomba fatta in casa che doveva esplodere tra la folla, durante la celebrazione del Giorno dell’Indipendenza dell’Ucraina. Questi uomini furono condannati a soli 6 anni di carcere, ma furono presto concessi l’amnistia e considerati eroi dal nuovo potere ucraino dopo il successo della Rivoluzione americana (febbraio-marzo 2014).

Durante le sanguinose vicende del Maidan (inverno 2013-2014), i giovani dei Patrioti dell’Ucraina costituirono una massa malleabile, che venne a rinforzare i vecchi militanti neonazisti e banderisti nelle compagnie di autodifesa del Maidan. Sono stati loro a compiere i primi omicidi di poliziotti, attivisti anti-Maidan e, naturalmente, le prime repressioni a Kharkov, Zaporozhye e il massacro di Odessa. La violenza del gruppo e l’estrema russofobia lo hanno portato a essere bandito in Crimea dal Parlamento autonomo della Crimea (11 marzo 2014), insieme ad altre organizzazioni neonaziste e banderiste.

A Kharkov sono stati attaccati nei loro uffici da filo-russi non armati di armi da fuoco, che furono accolti con armi automatiche e pistole (2 morti, 5 feriti, notte tra il 14 e il 15 marzo 2014). Alcuni degli attivisti filorussi catturati sono stati portati via con la complicità della polizia, nessuno li ha più visti. Il movimento si unì presto ai ranghi del partito neonazista Pravy Sektor fondato da Yarosh (22 marzo 2014).

Il movimento, avendo raggiunto i suoi obiettivi, si è gradualmente disintegrato. La stragrande maggioranza dei membri di questa “sana gioventù” si è arruolata nei ranghi dei battaglioni di rappresaglia nel Donbass, e ovviamente ad Azov (primavera-estate 2014). Il loro comportamento nell’Est dell’Ucraina è stato terribile. Hanno crimini di guerra, massacri di villaggi, saccheggi, stupri, abusi vari, umiliazioni, assassinii di personalità.

I militanti di Patrioty Ukrayiny si sono dispersi in numerose unità, anche nell’esercito ucraino. Il Movimento dei Patrioti dell’Ucraina si è ben presto trasformato in una nuova entità più o meno mimetizzata dietro il battaglione Azov: il Corpo Civile (o Civico) Azov che nasce nella primavera del 2015. L’idea era quella di integrarsi in una vasta organizzazione da dietro, non solo giovani, ma anche donne, cittadini di tutte le età e classi sociali, stranieri, ucraini della diaspora nel mondo, al fine di diffondere la nuova ideologia nazista nel Paese.

Oggi il culto degli “Eroi”, una delle componenti principali, è un’istituzione diffusa in Ucraina sotto il motto «Gloria agli Eroi dell’Ucraina” che è quotidianamente diffuso in Italia dall’Ambasciata Ucraina con foto di soldati ucraini che altro non sono che i miliziani nazisti di Azov e del Sole Nero. Ben consolidato è anche il mito della “Nazione ucraina”. Anche la “capriola mediatica” di camuffare il movimento neonazista in un rispettabile movimento patriottico ha avuto un grande successo, con il potente aiuto dei media ucraini, ma soprattutto occidentali. Anche in Israele ora ci sono persone che difendono “gli Eroi” e i “Patrioti” dell’Ucraina. Le bugie dei giornalisti occidentali hanno convinto centinaia di migliaia di cittadini europei che non ci sono pochissimi nazisti in Ucraina.

FONTE: https://www.farodiroma.it/perche-non-si-deve-parlare-della-hitlerjugend-in-auge-a-kiev-la-censura-dei-media-occidentali-sul-neonazismo-ucraino-vladimir-volcic/

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

DOPO COVID-19

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Unisciti a 1.844 altri iscritti

Blog Stats

  • 1.301.441 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 

cambiailmondo2012@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: