Annunci
CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Europa, Italia, Lavoro economia società, Politica, Scienza e Tecnologia

Pillole economiche dal mondo (19/20)

di Tonino D’Orazio 

Caduta rovinosa del bitcoin. Ma questo bitcoin? Sembra più una religione che una moneta. Si crede sia illimitata. Si crede sia sicura. Si crede sia creata da Satoshi … che nessuno ha mai visto. Potrebbe essere chiunque, una banca, Bill Gates, la NSA (National Security of America) se non il KGB … Certamente, piazzare soldi su cose “inesistenti”, la cui tecnologia rimane ambigua per molti, le cui piattaforme si fanno regolarmente derubare dagli hackers, creata da una persona mai vista ma che tutti garantiscono che le transazioni sono anonime e non tracciabili ma ben registrate … bisogna fermarsi un attimo. Come tutte le speculazioni veloci, si può guadagnare molto come perdere tutto rapidamente. Il valore (comunque misurato in dollari per poterli scambiare da informale a formale) in poco più di tre mesi è passato da 6.200, una punta a 7.850 (prima settimana di settembre), ricaduta a 6.150 due giorni dopo; rimasto più o meno stabile ottobre e quindicina di novembre tra 6.200 e 6.600; ultimi giorni novembre è crollato prima a 5.500 poi a 4.500 due giorni dopo. L’anno scorso era a 19.873 USD. Non si capisce bene perché, ma è comprensibile la difficoltà di salire su questa giostra, o meglio, montagna russa. Anche perché prima o poi saranno i bitcoin emessi dagli stati o dalle grandi banche a fare legge. Tant’è che in Francia si potranno acquistare nei tabaccai dall’inizio di gennaio prossimo. Più preoccupante per la democrazia, infatti, è la messa in opera della tecnologia block-chain come infernale controllo del sistema sociale. È uno strumento messo in atto in un momento di grande analfabetismo tecnologico di più dell’80% dei cittadini nel mondo.

Black Friday, giornata nera perché vi si comperava schiavi con lo sconto. Famosa giornata nera annuale dove il totalitarismo mercantile ci chiede di spegnere il nostro cervello e fare affari d’oro, (che in verità li fanno altri), sapendo che ogni volta che comprate una cosa inutile regalate anche il 22% di IVA allo Stato. Trasformare il Black Friday in vera giornata nera per le grandi multinazionali che inquinano l’intero pianeta, distruggono l’ambiente, disprezzano gli aspetti sociali, delocalizzano, ricattano moralmente ecc.. è proprio un dovere. In Francia i “Gilets Jaunes”, oltre a bloccare molte strade se la sono presa anche con i supermercati Auchan. In fondo, se il popolo non ha più soldi, cessare di consumare e acquistare solo l’assoluto indispensabile, nutrimento e medicine, diventa rivoluzionario per un cambio reale di società. Inoltre, mantenere il proprio denaro liquido lo è parimente. Non per diffidare delle banche ma la Grecia ci avrà pure insegnato qualcosa.

Carlos Tavares, presidente di PSA (Peugeot), il primo e il solo, ha emesso pubblicamente alcuni propositi critici verso le automobili elettriche e il loro futuro. Secondo lui la transizione energetica potrebbe essere un’affabulazione. “Non vorrei che fra 30 anni scoprissimo qualcosa di meno bello di quello che sembri oggi, per esempio sull’ inquinamento del riciclaggio delle batterie, l’utilizzo e il consumo intensivo di materie rare del pianeta, le emissioni elettromagnetiche delle batterie in fase di ricarica e la salute”. Tavares non va contro corrente, infatti non polemizza con i Verdi, i più grandi e efficaci alleati degli industriali, o sull’energia pulita, ma invita a riflettere. Quando tutti pensano allo stesso modo significa che più nessuno pensa. Ma ciò implica anche una diversità di pensiero e di proposte oltre che di opinioni. Rilancia, tra l’altro, in aggiunta, che non vi sono studi sull’impatto e su ciò che significhi una mobilità generale cento per cento elettrica. Nel frattempo i governi, i tecnocrati e i politici dell’Unione europea si stanno prendendo una bella responsabilità scientifica sulla scelta della tecnologia, in assenza di una capacità collettiva di “pensare”. Per questo i suoi propositi sono interessanti in questo settore, dove ormai non si è più autorizzati a pensare. Il riscaldamento climatico non si discute. Le politiche ecologiche nemmeno. Quelle nucleari nemmeno. La transizione energetica necessaria, nemmeno. E la fiscalità sempre maggiore connesse a tutte queste tematiche … nemmeno. Se uno pensasse solo alla perdita delle accise sui carburanti …

Brexit. Per Junker vedere un paese che lascia l’Unione è una vera tragedia. Sembra un lapsus, ma aggiunge … “come per eventuali altri paesi d’altronde”. Pochi hanno ritenuto commentare questa terribile “uscita” di Junker. Sembra un triste avvenire per un’Europa odiata da popoli che non vi si riconoscono più. Un po’ come se la partenza della Gran Bretagna desse l’idea della fine dell’Unione così come la conosciamo.

La rivolta dei “Gilets jaunes” in Francia. “Non vogliamo aumenti salariali, vogliamo una diminuzione delle tasse e dei prezzi”. Un vero paradigma. Dice il ministro francese dei Conti Pubblici : “I Gilets jaunes sono un movimento un po’contradditorio che vuole una riduzione delle tasse e un migliore servizio pubblico”. In tutti i casi Macron ha perso perché l’impressione è che la sua politica sia contro il popolo e non per il suo bene. E’ un popolo che non ce la fa più. E’ lo scollamento vero di tutti i popoli d’Europa nei confronti dei loro governi e delle politiche economiche portate avanti soprattutto in questo decennio. Il popolo, (i popoli), non perdona più davanti a governi servili degli interessi privati (in questo caso, per i prezzi, anche dei supermercati) e dell’arricchimento di pochi sulla miseria crescente di molti. Non è sufficiente dire “sono fascisti” pensando di nascondere la realtà o facendo finta di vedere solo le “violenze” proposteci scientificamente dai mass media, e non decine di migliaia di cittadini che protestano pacificamente. I governi sanno che le marce pacifiche e testarde sono quelle più pericolose e difficili da “controllare”. Tutta la storia ce lo insegna, da Ghandi a Mandela, ecc… Anche in Francia finché non “degenerano”.

Quando l’America avanza l’Europa si ritira. Non è banale “l’uscita” di Macron su una difesa europea per proteggerci dalla Cina, dalla Russia e dagli Stati Uniti, non più tanto amici. Un esempio, la Total, teoricamente francese. “A causa delle sanzioni americane il gruppo petrolifero pubblico cinese CNPC rimpiazzerà, come previsto, la francese Total nel progetto del gas del South Pars, in Iran. L’informazione ufficiale viene dal ministro iraniano del petrolio. Il gigante francese, presente negli Stati Uniti e avendo azionisti americani, non poteva rischiare di contravvenire alle sanzioni di Washington”. (Le Figaro). Lo sviluppo della fase 11 del South Pars attribuiva alla Total il 50,1 % del più grande deposito di gas al mondo e enormi benefici. E’ un caso emblematico che dimostra l’impotenza dello Stato francese, dell’Europa, ma anche di una grande impresa. I flussi finanziari e azionari sono talmente interconnessi che non vi sono alternative all’impotenza dell’azione pubblica. Abbiamo lasciato svilupparsi una mondializzazione tentacolare fino a farla diventare fuori controllo. In fondo anche la demondializzazione di Trump porta vantaggi solo agli americani.

La crescita dei salari è al livello più basso da 10 anni, lo dice l’OIL (Organizzazione Internazionale del lavoro) nella sua edizione 2018/2019 pubblicata lunedì 26 novembre. La crescita dei salari non è mai stata così bassa da almeno dieci anni. “Ben al di sotto dei livelli ante crisi finanziaria mondiale del 2008. Inoltre, le differenze salariali tra uomini e donne rimangono dappertutto a un livello inaccettabile, cioè almeno 20% in meno per le donne”. Le cause sono note: mondializzazione/delocalizzazione, informatizzazione/robotica, immigrazione (e non solo) concorrenziale nel mercato basso del lavoro. In fondo un mercato rimane sempre un mercato e retto dalla domanda e dall’offerta. Troppa offerta e assenza di lavoro significano salari bassi.

 

28 novembre 2018.


 

Pillole economiche dal mondo (20)

 

di Tonino D’Orazio

 

Il debito “pubblico” è privato! Del totale italiano, 2.300 miliardi, il 60 percento è il debito privato del settore non finanziario, mentre solo il 23 percento è rappresentato da un debito pubblico. Secondo una recente analisi la quota maggiore del debito pubblico – pari al 32% – è detenuta da istituti stranieri. Il 27% è nelle mani delle banche, il 19% è di proprietà di assicurazioni e fondi, mentre solamente il 6% è dei cittadini. La quota singola maggiore del debito pubblico è di Poste Italiane, (appena privatizzate!), che possiede ben 121 miliardi di titoli, troviamo poi Generali, che ne ha in mano ben 63 miliardi, e Unicredit, che detiene 47,2 miliardi di titoli. Il maggiore investitore straniero è invece la tedesca Allianz SE grazie a 24,8 miliardi, seguita dalla francese Axa Sa con 22,7 miliardi. “L’enorme entità del debito totale non può fornire di per sé sufficienti informazioni sulla sua sostenibilità. Né è possibile dedurre che il basso debito totale sia un segno di stabilità finanziaria. In effetti, è più probabile che un livello molto basso, o addirittura l’assenza di debito, implichi una completa mancanza di fiducia tale da escludere tutti gli agenti economici nazionali dai mercati internazionali del credito. Utilizzando questa misura più adatta, le graduatorie mondiali sono invertite: il Lussemburgo finisce al primo posto con un debito totale pari al 434% del PIL, quasi tutto composto da debito societario. Il debito del Giappone in bilico al 373 % è caratterizzato da un peso preponderante della componente pubblica (216%). L’alta incidenza del debito pubblico e privato colloca Francia, Spagna e Regno Unito tra le prime otto, mentre l’Italia appare solo al 9 ° posto, con un rapporto debito / PIL complessivamente equilibrato del 265% del PIL, a causa del basso numero di famiglie e imprese in debito che compensa l’impatto del debito pubblico corrente.” (Marcello Minenna. Consulente CGIL). Perché e per chi lo dico?

 

Avanti precipitosamente per l’Unione Monetaria dell’UE. Mario Draghi ha dichiarato alla Commissione per gli Affari Economici e Monetari che i prossimi mesi saranno “decisivi per intraprendere azioni concrete” per riformare l’unione monetaria prima delle elezioni europee del prossimo maggio. Secondo lui, sembra inquieto, è ora di agire velocemente, non si sa mai. Per Draghi, ci sono 3 priorità. – “Rafforzare il coordinamento politico“; – “Stabilire uno strumento fiscale per l’area dell’euro per assorbire gli shock economici“; – “Completare l’unione bancaria e un’ambiziosa Unione dei mercati dei capitali“. Ha anche insistito sul fatto che “i paesi con un debito elevato dovrebbero ridurlo“. (Però! Sembra proprio una novità).

 

Agricoltori americani. La guerra commerciale innescata da Donald Trump contro la Cina ha colpito gli agricoltori americani. Le tasse doganali hanno praticamente bloccato l’esportazione di semi di soia. Risultato: migliaia di aziende agricole sono sull’orlo della bancarotta. Anche perché quest’anno, gli Stati Uniti hanno dedicato a questo raccolto il doppio di terra del 2017, cioè 89,1 milioni di acri. Il fatto è che la soia, a differenza del grano o del mais, è difficile da conservare. Al minimo contatto con l’umidità, i semi si trasformano in un liquido ammuffito marrone. Un gran disastro perché i prezzi per lo stoccaggio delle sementi sono aumentati del 40% rispetto allo scorso anno. Gli agricoltori speravano di aumentare la quota già elevata di soia nelle esportazioni statunitensi, di cui rappresentano già circa il 60%. Ma a causa del conflitto la redditività degli agricoltori è poi diventata praticamente nulla e le consegne in Cina sono diminuite del 98%. Al mondo ci sono altri produttori felici di rimpiazzare gli americani: Brasile, Argentina e Russia. La diversificazione e la mondializzazione continua altrove. Tallone debole di Trump.

BUENOS AIRES, 1 dicembre –G20- (Agenzia Xinhua) – La Cina e gli Stati Uniti hanno raggiunto un accordo sulle questioni economiche e commerciali, accettando di evitare un’escalation restrittiva delle misure commerciali. Hanno deciso di evitare un’escalation cessando di aumentare le tariffe esistenti e di imporre tariffe aggiuntive su altri prodotti. Hanno convenuto di compiere sforzi immediati per risolvere questioni di interesse comune sulla base del rispetto reciproco, dell’uguaglianza, dei benefici reciproci e di riportare quanto prima relazioni bilaterali economiche e commerciali a livelli normali al fine di produrre risultati reciprocamente vantaggiosi. L’idea di Trump è piuttosto semplice. Un buon affare è un accordo che avvantaggia gli Stati Uniti o riequilibra le cose. Trump è un pragmatico, come tutti gli uomini d’affari americani che non sono ideologi. Conclusione? Meglio un buon affare con la Cina che i democratici saranno costretti a convalidare che una brutta guerra commerciale che i democratici non permetteranno a Trump di continuare facilmente. Il Congresso è in mano ai Democratici. Anche se non sufficiente sulle questioni commerciali, appannaggio quasi diretto del Presidente.

Sullo sfondo del continuo calo dei prezzi del petrolio, la Russia è tornata sul mercato finanziario per emettere obbligazioni in euro per un importo totale di un miliardo di euro. “Non siamo noi a lasciare il dollaro, è il dollaro che ci lascia”. Dopo una pausa di cinque anni, la Russia ha preso la decisione di prendere nuovamente un prestito in euro. Il Ministero delle Finanze ha annunciato di aver collocato un miliardo di Eurobond a sette anni al tasso del 3%. La Russia sta quindi tornando, (l’ultimo collocamento di obbligazioni in euro è stato nel 2013), al mercato delle obbligazioni finanziarie per la prima volta dall’istituzione delle sanzioni statunitensi dell’aprile 2018.  L’attuale debito estero russo è inferiore al 10% del PIL nazionale.

 

Crollo abbastanza drammatico dei prezzi del petrolio. E’ la contromossa di Trump contro la FED. Trump vuole un basso livello dei costi del petrolio per rilanciare l’economia e sa molto bene che un petrolio costoso con tassi d’interessi crescenti è il crash assicurato. Per controbilanciare la politica di rialzo dei tassi della Fed (nemica globalista Democratica), Trump ha imposto ai suoi grandi partner, (tipo Arabia Saudita), di abbassare i prezzi e, in un modo molto pragmatico, ha lasciato alcuni mesi ad alcuni paesi fidati (tra cui l’Italia) di poter per continuare ad acquistare il petrolio iraniano. Il mercato è ben fornito. Forse non sarà più il caso nel secondo trimestre del 2019. Le borse salgono, la speculazione dei benemeriti “investitori” anche.

 

Il Qatar (6 dic.) ha lasciato l’OPEC, in gran parte dominato dall’Arabia Saudita che solo pochi mesi fa aveva cercato di invadere il suo piccolo vicino per rubare il gas, con la “complicità” americana. Di conseguenza, il Qatar lascia l’OPEC e si sta gradualmente avvicinando alla Russia e all’Iran. Guardando la mappa del Golfo Persico, tra Qatar e Iran, ce n’è abbastanza per bloccare la principale via energetica dell’area. Il Qatar estrae solo 600.000 barili al giorno, che rappresenta un calo relativo della produzione globale. Le borse, pertanto, reagiscono poco a questa notizia. L’emirato, è uno dei più piccoli produttori dell’OPEC, ma il maggiore esportatore mondiale di gas naturale liquefatto (GLN). E’rimasto bloccato in una disputa diplomatica dal 2017 con l’Arabia Saudita e alcuni dei suoi vicini. Doha ha assicurato che la sua decisione non è stata motivata da considerazioni politiche. Ma il suo ministro per l’energia ha preso di mira Riyad, deplorando il fatto che il mercato del petrolio sia “controllato da un’organizzazione a conduzione nazionale“, senza nominarla direttamente.

 

6 dicembre 2018

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Puliamo il mondo 2018

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.500 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 819.539 hits

ARCHIVIO

5 Maggio 2018: 200° KARL MARX

Karl Marx

I dieci giorni che sconvolsero il mondo

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: