Annunci
America, Asia, CRISIS, Europa, Eventi manifestazioni iniziative, Geopolitica Conflitti Pace, Informazione e media, Italia, Lavoro economia società, Migrazioni, Politica

Possibile l’invasione della Siria, sulla via della seta.

di Tonino D’Orazio (17 maggio 2017).

Il copione è sempre uguale. Il pretesto è per entrare a casa d’altri con l’approvazione ipocrita degli esegeti parziali del diritto internazionale. Assad utilizza (o ha utilizzato) i forni crematori, come Hitler. “Le armi di distruzione di massa”, questa volta, quelle chimiche, non hanno funzionato. Non esistono e sono troppi a dirlo per rilanciare la bufala. Ma Assad = Hitler può funzionare. Basta pubblicare una foto di uno strano palazzo e certificare l’esistenza di un alto forno; da lì a certificare che sia un crematorio, la parola stessa è tabù, il passo è semplice e ad effetto sicuro. In sei anni di guerra non se ne erano mai accorti.

Da più di un mese gli statunitensi, i soliti inglesi in filigrana e gli israeliani, stanno ammassando truppe e armi alla frontiera giordano-siriana. Le foto dai satelliti sono disponibili su vari siti internazionali e non sono fake, cioè disinformazione. Vi sono statunitensi con una brigata intera (4.000 uomini) con vari corpi armati, e bombardieri strategici B1B. I britannici con intere unità di carri armati Challenger e di elicotteri di attacco al suolo Cobra e Apache.

In più vi sono: un esercito misto di “ribelli”, con olandesi, sauditi, giordani, bahreiniti e sei multinazionali di mercenari provenienti da orizzonti diversi.  Cosa ci farebbero tutti sulla frontiera giordano-siriana? Alcune forze sono già penetrate nella base siriana di Tenef, nel sud della provincia di Derâa, a ridosso della frontiera.

La stessa cosa sta facendo la Turchia, con Erdogan alla frontiera nord. E’ iniziato lo spiegamento di carri armati, artiglieria, fanteria, forze speciali, esperti e militari sauditi, nella provincia di Idlib, cioè nel territorio siriano stesso.

E’ davanti a tutti lo smacco dell’occidente guerrafondaio con gli accordi di pacificazione ottenuti dal terzetto Russia-Iran-Turchia a Astana, capitale del Kazakistan (3/4 maggio),  con la creazione di quattro “zone di sicurezza”, Idlib, Dar’a, Homs e Ghouta periferia est di Damasco, facendo saltare i nervi della “nostra coalizione”. Tanto è che se si parla di pace, anche se minima, i nostri mass media sono costretti a tacere.

E’ un po’ come una “no fly zone”, proibita agli aerei della coalizione e anche a quelli russi e iraniani e mantenuta “in pace”, invece che da caschi blu poco affidabili, soprattutto dai correligionari pasdaran iraniani. Ovviamente l’accordo viene rifiutato dagli israeliani che in risposta hanno bombardato la capitale della Siria Damasco. Non sappiamo questa volta quanti bambini sono morti, non sempre è consentito e utile sapere.

La scusa criminale è sempre la stessa: difendere la propria sicurezza ammazzando gli altri a casa loro, preventivamente. Non si sa mai. E quindi “non osserveranno l’accordo e continueranno i raids aerei contro qualsiasi attività che possibilmente possa minacciare il suo territorio”, cioè quello rubato a Palestinesi, libanesi e siriani (Golan).

Stranamente una zona, Idlib, a nord, quasi occupata dai turchi con il loro esercito già in loco da mesi, “garanti” degli accordi e, se funziona, vi potrà rispedire (scusate il termine volgare), con gran dispetto dei curdi ivi autoctoni, migliaia di profughi siriani oggi in Turchia bloccati nei campi con i nostri soldi. L’altra zona è quella a sud, Dar’a, sulla frontiera giordana, anche lì per permettere a migliaia di profughi di rientrare.

Ma allora lo spiegamento militare pesante?

Trump non accetta compromessi? Il presidente sanguigno che minaccia tutti per ribadire la supremazia coloniale statunitense si adegua agli accordi di Astana? Improbabile ufficialmente, è troppo sotto attacco, anzi aggredito dalla stampa di casa per “l’amicizia” con Putin e la Russia, e dall’establishment conservatore, armatore e guerrafondaio.

Sembra abbia rivelato documenti top secret sull’Isis. Vuoi vedere che sta smantellando l’aiuto “segreto” dato da Obama-Clinton, insieme a Arabia Saudita, Unione Europea e Israele ai terroristi dell’Isis, di cui tutti sono ormai al corrente?

Nel frattempo i media ci istigano all’attenzione sulla Corea del Nord, ai rischi di guerra nucleare, che questo paese, con un missile che raggiunge, forse e non sempre, 600 Km e che forse potrebbe portare una “bomba atomica” di vecchio tipo, cioè un petardo, “minaccia” la sicurezza degli Usa (!) a più di 10.000 km di distanza; mentre quella del Sud elegge un presidente democratico “progressista” filo cinese. Il 38% degli americani non sanno dove si trova la Corea del Nord.(NYT)

Si è, per esempio, mai visto un presidente Usa che abbia mai potuto fare quello che voleva o quello che aveva promesso? In genere, se testardi, muoiono o si adeguano alle potenti lobby. Questo, nel bene o nel male, non sembra “costruito” per adeguarsi, ma ce lo costringeranno. Quante speranze aveva suscitato la vittoria di Obama sia nei democratici che nei conservatori europei e alla fine è stato il presidente, Nobel per la pace, che ha innescato più guerre, conflitti e genocidi nel mondo degli altri presidenti americani ?

Certamente ritirarsi sconfitti dalla Siria e non aver potuto rubare il loro petrolio, (l’unico rimasto “libero” e “possibile” insieme al Venezuela) e, se guardiamo oltre il naso, non aver potuto interrompere gli enormi investimenti euroasiatici delle nuove “vie della seta”, strutture commerciali ed economiche di immenso sviluppo ed investimenti a medio termine che li caccerebbe dal grande continente delle “terre emerse” popolato da più di 5 miliardi di individui (forse meglio consumatori), pone gli Usa in una ulteriore perdita di monopolio mondiale.

Loro sono convinti di essere padroni del mondo. Ne fanno una filosofia sociale e culturale di ultima istanza e convinzione che trasuda sempre, per esempio, da qualsiasi loro film visto che sono sempre loro a “salvare” il mondo, facendo dimenticare le 32 guerre per la loro “democrazia” in cui sono implicati oggi. E possono fare, quasi, tutto quello che vogliono e possono giustificarlo anche, dopo. Hanno una filarmonica mass mediatica per convincere tutti, o altro. Troisi: ”fanno le guerre per fare i film e avere sempre ragione”.

La Siria è un crocevia vero di sbocco nel Mediterraneo, (se si prende la briga di individuarne i tracciati), e il trio Iran-Russia-Turchia sono al centro del futuro sviluppo mondiale est-ovest proveniente da Cina e India. Noi saremmo collegati via mare con Suez e l’Adriatico, il Pireo (Grecia) è già cinese e poi Mestre/Trieste. Un “deposito” in prefase di acquisto sembra Gioia Tauro, ma sul Tirreno. Via terra sarà complicato, ma alla fine saremo collegati, dall’ex Jugoslavia, via la pianura padana verso Francia, (Marsiglia), Spagna (Barcellona/Madrid) e Portogallo (Porto/Lisbona), dall’Atlantico al Mar di Cina. Del G7, solo l’Italia (con Gentiloni) è stata invitata al progetto e alla riunione operativa dell’inizio di maggio a Pechino per la firma dei primi accordi.

In Asia Minore vengono tagliati fuori la penisola arabica, gli Emirati e Israele. L’Africa dell’est, con i cinesi in pieno impianto, (hanno comperato da anni centinaia di migliaia di ettari di terra da rendere coltivabile in Somalia), viaggia a parte e sono previsti solo collegamenti via mare, nel Pacifico e oceano Indiano, (Kenia, Mombasa).

Queste grandi vie, di commercio, di energia, di cultura sono già presenti in vari spezzoni e in vari paesi e le rotte potrebbero essere completate abbastanza rapidamente, malgrado la grandiosità delle opere, sia ferroviarie che stradali.

Rimane la turbolenza politica in molti paesi sulla tratta, ma intanto vi sono a disposizione, dalla nuova Banca Mondiale di Investimento dei Brics, una enorme quantità di dollari (anche se considerati assegni a vuoto color verde, di cui la Cina si sta liberando un po’ alla volta) e alcuni progetti potrebbero essere completati entro il 2021. La Gran Bretagna, non invitata perché in guerra coloniale in quasi tutta l’area da secoli, ha comunque chiesto di partecipare. Imperativo salvare il peso della City.

Solo la Siria potrebbe bloccare la colonizzazione commerciale, e lo sviluppo preponderante della Cina verso il Mediterraneo, ma anche viceversa. A pensarci bene la presenza americana nell’area diventa per loro un salvagente indispensabile, finché potrà durare. Tra l’altro, su quella via ci sono quasi tutte le grandi infrastrutture, distrutte da guerre democratiche, da ricostruire. Vi assicuro che non penso al palazzinaro Trump.

 


Aggiornamenti da Pandora TV del 19 maggio 2017

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.395 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 751,402 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: