Annunci
CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Europa, Eventi manifestazioni iniziative, Geopolitica Conflitti Pace, Italia, Lavoro economia società, Politica

Brexit: Cgil, l’Europa rinasca sul lavoro, o sarà l’inizio della fine

danilo-barbi-cgilBARBI (CGIL): L’EUROPA DEVE CAMBIARE SUBITO LE SUE POLITICHE

L’EUROPA  RINASCA  SUL LAVORO, O SARÀ L’INIZIO DELLA FINE

“L’esito del referendum in Gran Bretagna è la certificazione del fallimento delle politiche economiche e sociali dell’Europa, che – nel vivo della crisi che si prolunga da ormai quasi un decennio – hanno prodotto il peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro, l’attacco al modello sociale europeo, l’aggravarsi del debito pubblico nei paesi europei più in difficoltà, la crescita delle diseguaglianze e della povertà, l’aumento della disoccupazione (specie giovanile e femminile) a livelli che mai l’Europa aveva conosciuto”. Lo si legge nella diffusa ieri dalla Cgil.

Secondo il sindacato di corso d’Italia: “Proseguire in questa direzione porterebbe al definitivo divorzio tra i cittadini e l’Unione Europea. Le scelte che la Commissione e i governi devono compiere sono chiare e urgenti: cambiare i trattati e le politiche. E’ necessario puntare sulla lotta alle diseguaglianze, sulle politiche sociali, sul welfare, sugli investimenti pubblici per la crescita, sull’occupazione stabile e di prospettiva legata a istruzione avanzata e formazione di qualità, sulla tutela dei diritti civili e del lavoro, sull’integrazione”.

“Anche per la Confederazione Europea dei Sindacati – conclude la Cgil –  siamo a un bivio: la Ces non può più rinviare la scelta di rilanciare la dimensione sociale dell’Europa, di pretendere il ritorno alla centralità del lavoro e del suo valore nel contesto europeo, di insistere sul cambiamento delle politiche economiche e sociali sbagliate della Commissione europea, di chiedere la ripresa del progetto di integrazione europea all’insegna dei valori della solidarietà e della condivisione e non della concorrenza tra i lavoratori e del dumping sociale tra i diversi Stati.

 

BARBI (CGIL): L’EUROPA DEVE CAMBIARE SUBITO LE SUE POLITICHE

Per rispondere a questo clima di paura, “serve il rilancio della crescita economica e delle prospettive di benessere, l’aumento del lavoro, dei redditi, delle pensioni. Insomma, bisogna fare cose visibilmente e inconfutabilmente diverse da quelle fatte sinora. Come dice il sindacato europeo, ci vuole un piano di investimenti pubblici di migliaia di miliardi di euro nei prossimi anni. Se non si fa una cosa di queste proporzioni, il processo di rottura dell’Unione sarà inarrestabile. I vari presidenti del Consiglio in questo momento hanno una responsabilità di fronte alla storia: devono cambiare la politica economica e non alludere, ammiccare, scrivere documenti ambigui. Ci vuole una svolta, altrimenti la struttura non regge”. A dirlo è stato ieri mattina il segretario confederale della Cgil Danilo Barbi che ha commentato a caldo ai microfoni di RadioArticolo1 l’esito del referendum inglese. La sintesi dell’intervista su Rassegna Sindacale: http://www.rassegna.it/articoli/barbi-cgil-forte-rischio-referendum-anche-in-francia

L’Europa deve sapere reagire con un piano straordinario, deve avere il coraggio di abbandonare le politiche fallimentari. Altrimenti sarà il dilagare dei nazionalismi. “Anche la richiesta di referendum in Francia potrebbe diventare inarrestabile – spiega Barbi – anche a Parigi, come a Londra, c’è una forte idea di nazione moderna e il problema è chiaramente già esploso in modo irreversibile: è fortissimo il messaggio che promette di tornare alla sovranità nazionale senza più dipendere dalla burocrazia di Bruxelles o dall’egemonia tedesca. Non averlo capito prima è una responsabilità enorme delle classi dirigenti del resto d’Europa”.

“Colpisce anche l’enorme affluenza: in Inghilterra – commenta il dirigente sindacale – non ha mai votato così tanta gente credo dalle elezioni politiche del ’45”. Tornando alla campagna elettorale britannica, “negli ultimi venti giorni il fronte del Leave ha impugnato un argomento enorme per la storia dell’Inghilterra, cioè l’egemonia tedesca: il problema non era più l’Europa burocratica e lontana, bensì l’egemonia di Berlino sconfitta nella seconda guerra mondiale. Questo argomento, a giudicare dalle prime analisi sui comportamenti elettorali, ha avuto un peso terribile soprattutto nell’Inghilterra profonda, nelle persone anziane e in una parte di proletariato autoctono”.

Un aspetto che “ha una sua forza – aggiunge – anche perché dice una verità, cioè che dentro la crisi c’è una egemonia della Germania sull’Europa, un vantaggio per la popolazione tedesca e uno svantaggio per tutto il resto della popolazione europea. Se usi questo argomento in un paese che è stato bombardato dalla Germania nella Seconda guerra mondiale e che poi ha scritto le regole di Yalta insieme a Stalin e Roosevelt, è evidente che fai presa”.

L’effetto crisi ha avuto anche risvolti pratici. “In Inghilterra – ricorda Barbi – sono fallite tre banche poi nazionalizzate. Questo ha generato l’insicurezza drammaticamente aggravata dalla stupidità del neoliberismo che ancora governa le scelte europee. Ora bisogna capire il senso di questo voto storico. Intanto è più facile che Trump vinca a novembre negli Stati Uniti. E ovviamente in Europa le cose cambieranno radicalmente, siamo di fronte a una chiamata della Storia con la s maiuscola, succederanno cose rilevantissime”.

Per riascoltare l’intervista a Danilo Barbi è disponibile il podcast su Radio Articolo 1: http://www.radioarticolo1.it/audio/2016/06/24/28743/brexit-europa-terremotata-parla-danilo-barbi-cgil

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.385 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 746,876 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: