Annunci
Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Diritti sociali diritti umani, Europa, Eventi manifestazioni iniziative, Politica

Sinistra europea e i suoi inutili lamenti

Hollande, Socialist Party candidate for the 2012 French presidential election, delivers a speech during a campaign rally in Dijondi Giulietto Chiesa
Fuori dalle geremiadi della sinistra sconfitta (meritatamente) in Francia, sarà utile cominciare a riflettere su quanto sta accadendo già da qualche anno. La spiegazione la si trova subito, confrontando la catastrofe di Hollande con il successo contemporaneo di Jeremy Corbyn nel Regno Unito, in una elezione locale ma molto significativa, nella quale il suo candidato ha messo in fila, a grande distanza, i conservatori di Cameron e l’Ukip di Farage. Due leader “di sinistra” — parrebbe — uno dei quali viene seppellito dal disgusto popolare e l’altro trionfa. La risposta è che il primo è “sotto” e il secondo è “sopra”.

“Sotto” vuol dire, in questo caso, “non credibile”, ma anche neo-liberista, bugiardo, guerrafondaio, antipopolare, europeo di una Europa che è sempre più lontana dal popolo, dai popoli europei, dalla solidarietà, dalla giustizia.

“Sopra” vuol dire sincero, contro la guerra, per una politica di giusta redistribuzione della ricchezza sociale, coraggioso, non succube del mainstream media, fautore dell’ indipendenza dagli Stati Uniti d’America.

La sconfitta di Hollande non è un merito preminente della destra, ma di Marine Le Pen. La destra europea, quella vera, si identificacon la grandi banche d’investimento, sovranazionali per definizione. La sinistra europea si è sdraiata sulla politica delle banche e, dunque, è coricata sul letto di morte a fianco di quella della destra.

Dove sta la differenza? Nel rapporto con la gente, con il popolo, con i suoi sentimenti e con le sue paure. Marine Le Pen festeggia la vittoria centrando il bersaglio: noi rappresentiamo il nostro paese, la sua sovranità. Anche Corbyn rappresenta la sovranità popolare contro i maneggi dei padroni universali. L’una e l’altro, non a caso, vogliono uscire dalla Nato. Uscire dalla guerra. Forse (anzi è così) sono arrivati a questo approdo per motivi diversi. Ed è certamente vero che muovono verso questo approdo con intenzioni diverse.

Ma il fatto nuovo è che si muovono verso un approdo antagonista rispetto a quello della struttura autoritaria e di controllo, antidemocratica e repressiva che è divenuta l’Unione europea.

Per questo vincono: perché interpretano l’inquietudine crescente dei popoli europei. I quali percepiscono il pericolo, anche se non ne comprendono l’origine e le cause. Non possono, del resto, proprio perché i maggiordomi del Potere(che sono padroni dei media) gliele hanno accuratamente nascoste.

Queste considerazioni non valgono solo per Francia e Regno Unito. Valgono per tutta l’Europa. I partiti tradizionali, di destra e di sinistra (affratellati, anzi avvinghiati gli uni agli altri, dal potere e dal “centrismo”) strinsero un patto con i rispettivi sudditi: noi vi diamo il benessere e voi ci date i voti. L’Europa è divenuta quello spettacolo desolante che vediamo adesso, sulla base di quel patto. Che ha funzionato nell’epoca ingannevole dell’abbondanza.

Ora l’abbondanza è finita con la crescita, che si supponeva (ma non era) infinita. Le classi subalterne, a cominciare da quelle “medie”, hanno cominciato solo ora ad accorgersene. Il patto è stato rotto. Dall’alto. Tutti capiscono che i poteri non sono più capaci nemmeno di rattopparlo. Non hanno alcuna ricetta che non sia l’egoismo (questo sì senza fine) dei loro padroni. Tutti vedono che la prossima generazione vivrà peggio delle precedenti. Non si sentono più rappresentati dai vecchi partiti e ne cercano di nuovi.

Cioè si allontanano dal “centro”. In qualche caso li hanno trovati. Il Front National è uno di questi, sulla destra. Syriza, in Grecia, è uno di questi, sulla sinistra. Ma anche Alba Dorata, sulla destra. Anche l’UKIP, sulla destra, in Gran Bretagna. Dove non trovano niente di niente, se li cercano, li costruiscono: è il caso del Movimento 5 Stelle, in Italia. Mentre, sempre in Italia, tutti i partiti tradizionali, di destra e di sinistra, si frantumano, si frastagliano, si sciolgono. E i casi di analoghe diaspore verso le periferie si vedono dovunque: in Finlandia e in Danimarca, in Olanda, in Spagna, in Belgio, in Portogallo.

Collocare questi sommovimenti nel vecchio schema di sinistra e di destra è un errore. Non serve a capire la portata della rivoluzione in corso. Essa richiede, per essere compresa, il ritrovamento dei valori fondanti del vivere civile, delle regole, della tradizione. Richiede il rifiuto della globalizzazione. Richiede il ritorno alla natura.Ciascuno, poi, arriverà a suo modo all’approdo, se si riuscirà a evitare la guerra, cioè a sopravvivere. Dunque questo è l’imperativo del momento. Poi, forse, si ricomincerà a discutere. Adesso l’essenziale è fermare i portatori di egoismo e di morte.

 

FONTE: http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/12/08/sinistra-europea-e-i-suoi-inutili-lamenti/2285940/

https://tpc.googlesyndication.com/pagead/js/r20151201/r20110914/abg.js//

Annunci

Discussione

Un pensiero su “Sinistra europea e i suoi inutili lamenti

  1. …Non si può sottovalutare il prezzo che questo comporta, primo fra tutti la diretta e determinante presa sulle scelte dei poteri economici e finanziari…

    …Concentrazione di risorse, di tecniche e sapere influiscono in modo radicale sulla nostra esistenza e avvertiamo, anche, che ne va, in modo perfino immediato, della nostra vita. Ne abbiamo, magari, una percezione confusa e contradditoria, ma sentiamo quanto questo stato di cose vincoli, giorno dopo giorno, la nostra vita…

    …Posso solo indicare un punto discriminante. Vedo prevalere una critica morale alla degenerazione dei partiti, alla corruzione e all’ affarismo del ceto politico. Ma l’indignazione non da conto delle modificazioni sostanziali. La mera denuncia, in qualche modo, le occulta…

    …La speranza, come l’indignazione, è un sentimento. Viceversa, proporsi di conseguire con efficacia un risultato significa suscitare e orientare forze, verificare i modi e, appunto, les forme attraverso i quali l’incontro e lo scontro procedono…

    …Ma allora, devi verificare la speranza di futuro dentro una lettura della realta’. Leggere dentro la relazione di lavoro per capire il mondo, per intendere i rapporti tra gli essere umani. Richiamo qui un insegnamento di Marx che la mia generazione, con Gramsci, lo ripeto, ha accolto…

    Pietro Ingrao, 2009

    Non basta onorare sentimentalmente Pietro. Bisogna usare, senza deificazione, ma con attenzione, della sua esperienza.
    Posso dirlo anche a Bertinotti sulla falsa identificazione del discorso neo fascista e del discorso progressista nella confusione che l’evenimento procura…
    Le reazioni mediatiche a caldo sono spesso cosi….

    Mi piace

    Pubblicato da Pierre Assante, Marsiglia, P.A.C.A., lettore quotidiano di Cambiailmondo | 08/12/2015, 18:51

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.437 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 761,780 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: