Annunci
Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Informazione e media, Politica

Tutti impegnati a ricostruire l’Italia

italia.pizzadi Tonino D’Orazio
Nessuna memoria, solo annunci di imminente catarsi. I soliti noti si ripresentano “nuovi” di bucato per salvare l’Italia, paese che hanno deliberatamente, o stupidamente, affossato. Anno nuovo, tutto nuovo. Si cambia tutto, ma sempre rigorosamente in apparenza e mediaticamente, per non cambiare proprio nulla. E’ un nostro storico tratto culturale nazionale, non vale solo quindi, come diceva Tommasi di Lampedusa nel Gattopardo, per la Sicilia. E’più importante crederci che ragionarci sopra.

Qualche esempio in questi giorni di anno nuovo 2014.

La meteora dei “forconi” non è arrivata nemmeno all’Epifania. Era nata ad hoc per alzare un po’ di polverone prima delle nuove tasse, attirarsi le simpatie dei protestatari saltuari e arrabbiati, per un po’, togliere spazio a quelli più sistematicamente organizzati, come il M5S e la Lega, le opposizioni istituzionali, e tenerceli caldi e in diretta sulle reti RAI. Intanto hanno fatto discutere se erano di destra o di sinistra. Non si è capito, ma non era importante. Si sa che questo dibattito appassiona ancora.

Poi ci sono i grandi “imprenditori”, diciamo che la parola giusta sarebbe grandi “appaltatori”. Quella lobbie che lancia il sasso e nasconde la mano da anni. Che ha manipolato un Berlusconi fiero di essere il loro rappresentante per portare a termine il programma massonico cosiddetto P2, in particolare la destrutturazione del mondo del lavoro e dei suoi diritti costituzionali e la frantumazione del potere contrattuale delle organizzazioni sindacali. Esattamente ciò che citava Berlinguer a proposito del ritorno del fascismo.

Sono stati bravi ad oscurare e vanificare l’art.3 della Costituzione antifascista, e hanno trovato anche cari amici in quelli che avrebbero dovuto difendere il mondo del lavoro quando giuravano di rappresentarlo. A turno hanno mandato avanti varie teste apicali a badare ai loro interessi, dai presidenti di Confindustria, dal gruppo Fiat (Montezemolo-Monti), ai De Benedetti, dai rappresentanti dei monopoli che prima erano bene pubblico, mentre ora sono privati e svenduti ai migliori offerenti.

Dagli assicurativi, ai bancari, ai palazzinari, a manipolare per anni leggi a loro favorevoli, tutti ingoiando e sperperando enormi somme di denaro pubblico, dimostrando di fatto di essere una imprenditoria stracciona, ma con tanti soldi sottratti e nascosti nei paradisi fiscali.

Hanno finanziato la corruzione a livello abissale (si parla centinaia di miliardi di euro) e si sono dimostrati altrettanto colpevoli di quei politici che accettavano e ricambiavano i favori. Oppure erano solo vittime, come tuonano i loro quotidiani?

Eppure continuano a dire che ci vogliono ulteriori riforme e che il governo non fa mai abbastanza. Ingrati, dopo aver ricevuto tutto, ma veramente tutto, dai soldi (miliardi, detassazioni, primo cuneo, secondo cuneo…), alle leggi di facilitazione allo sfruttamento dei lavoratori. Da Biagi alla Fornero, e non è finita. Avevano già le facilitazioni per il licenziamento dei lavoratori in “uscita”, ora con il job act di Renzi lo avranno anche in entrata. La prova? La UE ha già detto che la direzione è quella giusta. C’era qualche dubbio?

Infatti tutta la stampa libera, intendo neoliberista, è di nuovo critica contro la Cgil, che ha il vizio di voler capire e non vuole continuare a far cadere diritti e che, in modo duro, parla di chiacchiere e propaganda renziana; Bonanni (Cisl), invece ha già firmato in bianco.

In quanto “all’assegno universale” c’è solo da sperare che non riduca, con una classica partita di giro, i soldi delle attuali casse integrazioni, già insufficienti oggi a tutelare i perdenti lavoro, e non si scarichi sempre sulle stesse spalle dei lavoratori attivi, tramite l’Inps, invece di recuperare i soldi dalla tassazione generale.

Invece di dividere assistenza/previdenza si continuerà sul concetto che la solidarietà deve funzionare solo tra lavoratori. Altri trucchi, in effetti, non ci sono.

Anche il Forum Nazionale dei Mediatori (?!), arrivato alla IX edizione, annuncerà presto come evento dell’anno, mantenendoci in un’ansia drammatica, un nuovo e rinomato imprenditore pronto a scendere in campo per salvarci. Quando si eclissa un nome “eccellente” ne ricompare un altro che ha la ricetta giusta per salvare l’Italia. Quanti ne nasceranno ancora, dopo Renzi, in questa fase preelettorale alla testa di movimenti rivoluzionari?

Perché di questo si tratta, visto che c’è un partito, il Pd, di governo e di opposizione allo stesso tempo, dove un giovane spinge un altro giovane all’errore fatale, caricandogli addosso tutti i mali attuali e i continui “errori”, rilanciando al Presidente del Consiglio del suo partito, un maquillage variegato di proposte come “programma alternativo”, sapendo che la Troika internazionale non lo approverà mai.

Un ragazzo che deve andare a nuove elezioni se vuol fare sì che, avendo preso solo la maggioranza nella segreteria del proprio partito, possa avere in pugno deputati e senatori oggi ancora imposti dall’altra, precedente, segreteria. Non ha vinto nulla se dipende anche dai voti di Alfano. Si tratta ovviamente di piazzarsi meglio per le prossime elezioni politiche e europee che tutti i “costruttori” di questa ormai misera Italia, temono. Non si sa mai che questo popolo credulone abbia un sussulto di dignità.

Certamente Renzi ha davanti il M5S, (che continua a salire anche nei sondaggi avversi e pilotati), che attacca ogni giorno lanciando “sfide” e pensando che per partecipare al salvataggio dell’Italia essi debbano accettare le sue proposte di “riforma”, anche se irriformabili. Si capisce che cerca di trasferire a livello nazionale lo slancio avuto nelle primarie del  proprio partito. Ammesso che una rondine faccia primavera.

Lo stesso gioco di contrasto al governo voluto da Merkel-Napolitano lo mette in atto Berlusconi con Forza Italia. E’ possibile pensare che siano all’opposizione ? Mentre va avanti, anche con Monti-Letta, il programma, a lui già imposto dalla Troika, che continua ad essere applicato? Il mimetismo è perfetto. Meglio strombazzare chiacchiere che programmi.

Quindi anche Berlusconi è contro questo tipo di Europa e forse di questa moneta, soprattutto se i suoi sondaggi gli dicono che questo atteggiamento sarà utile per recuperare i “delusi” che tornerebbero a “credere”. Anche questa “opposizione a sé stessa” non si era vista recentemente nella politica italiana. Ma se poi c’è chi ci crede, perché no? Tutto è possibile, eccetto il ragionamento critico, perché l’idea di ammettere di aver sbagliato non fa parte della nostra cultura del tifo. Nemmeno a sinistra.

Che dire della Lega. Al governo per quasi venti anni con una proposta storica come la secessione e abbondantemente fallita. Figuriamoci dall’ opposizione. Hanno partecipato o no al disastro industriale ed economico delle imprese del nord, e soprattutto del nord-est, che volevano difendere, essenzialmente continuando ad affossare il sud?

Si può stare solo dalla parte dei padroni per difendere il lavoro? Perché molti dei loro imprenditori non si sono fidati più e, dopo il disastro, sono scappati in Romania? Roma ladrona è scomparsa dopo i ladrocini e le corruzioni varie di regione Lombardia e di staff-segreteria-famiglia Bossi. Bruxelles ladrona e fascista? Dove erano con l’amico Berlusconi in questi anni? Rilanciano la solita solfa. Ma se ha funzionato fino ad oggi perché non riprovarci? Certi fideismi possono anche rasentare il masochismo. Ora poi c’è il nuovo segretario, Salvini, che con Maroni, avanza insieme alla Le Pen, mischiando “nazionalismi” regionali a quelli anti-europei. Brodaglia nutriente per continuare a cavalcare il vuoto immenso di programmi veri.

Insomma si apre davanti a noi un anno di vera passione.

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Restituire la sovranità agli elettori: firma la petizione

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.437 follower

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Blog Stats

  • 761,765 hits

ARCHIVIO

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: