Annunci
Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Europa, Italia, Lavoro economia società, Migrazioni, Politica

Sviste ed illusioni nella strategia di SEL (in Italia e all’estero)

londradi Simone Rossi (Londra)
Come si suol dire comunemente, l’importanza delle cose si vede nei piccoli gesti. In tal senso ho trovato istruttivi gli interventi di introduzione ad un’iniziativa elettorale organizzata dalla sezione londinese del partito Sinistra Ecologia Libertà (SEL), a loro modo più significativi delle narrazioni del leader del partito o delle frasi fatte cui ricorrono alcuni candidati a corto di idee e di capacità di analisi. Sabato 19 gennaio ho assistito in parte alla presentazione di due dei candidati di SEL alle elezioni legislative per la circoscrizione europea. Più dei proclami e dei propositi per un’Unione Europea sociale, maggiormente attenta ai bisogni dei cittadini, mi ha colpito la prospettiva adottata dagli intervenuti nella descrizione della società.

Il moderatore, il collaboratore de il Manifesto Paolo Gerbaudo, ha introdotto l’iniziativa con una panoramica sulla situazione dei giovani in Italia e sull’emigrazione, i cui flussi hanno assunto carattere massiccio negli ultimi anni di pari passo con l’incremento della disoccupazione giovanile.

Ricorrendo alla abusata definizione di “meglio gioventù”, Gerbaudo ha descritto i nostri connazionali all’estero come possessori di un’elevata scolarità ed espressione della classe media, senza produrre alcun effetto di stupore o dissenso tra i presenti, in primis i candidati ed il coordinatore uscente della sezione locale. Piuttosto, la medesima definizione è stata ripresa nell’intervento successivo, improntato sulla narrazione, per dirla alla maniera di Vendola, che vede delle nostre comunità emigrate solamente un’aspetto.

D’altronde, abbandonata l’ideologia marxista leninista in favore di una fumosa identità di sinistra, nel cui pantheon trovano agevolmente spazio Gandhi, Steve Jobs e, perché no, Bono Vox, è facile scivolare in errori nell’analisi della realtà che ci circonda. Si perde quindi di vista l’entità e la natura complessiva dell’emigrazione italiana, in cui vi è sicuramente una componente di forza lavoro ad alta scolarità impiegata in ambito accademico e nelle professioni liberali ma in cui sono presenti sacche di povertà e di marginalità cui manca frequentemente una rappresentanza politica e sindacale. Conseguentemente, il partito non è in grado di proporre soluzioni alle problematiche delle fasce meno avvantaggiate; perché non le vede.

L’episodio di cui sopra, per quanto particolare, è sintomatico e rappresentativo di quale connotazione abbia SEL, come evidenziato in un articolo apparso su il Corriere della Sera il 23 gennaio. Il partito si propone di essere una forza di Sinistra post ideologica, in cui convergono varie tendenze politiche, senza una chiara identità; il che non può comportare che un’incapacità di proporre un progetto di società alternativo a quello perseguito da PD, dal PdL e dal Centro, limitando la proposta politica ad una serie di correttivi al sistema vigente.

Una scelta, questa, che non può che essere perdente alla luce dei vigenti rapporti di forza tra classi sociali, in cui partiti ed organizzazioni come SEL non hanno alcuna massa critica né capacita di mobilitazione dei lavoratori da utilizzare come deterrente per muovere la propria controparte a miti consigli. Nonostante la velleità della dirigenza e la buona fede di molti iscritti, militanti ed elettori, è difficile pensare che il loro partito possa ottenere miglior successo nel frenare la cosa al Centro del PD di quanto non ne abbiano avuto le più forti sinistre interne a PCI, PDS e DS negli scorsi decenni. Un errore di valutazione al limite dell’ingenuità che potrebbe costare caro agli italiani se dopo le elezioni in Parlamento non entrerà una forza di alternativa, come Rivoluzione Civile si ripone di essere.

Fonte: Resistenza Internazionale

Annunci

Discussione

4 pensieri su “Sviste ed illusioni nella strategia di SEL (in Italia e all’estero)

  1. Caro Simone,

    non penso tu abbia descritto accuratamente le mie posizioni, e pertanto, senza polemica, ho pubblicato una replica che puoi trovare qui:

    http://andreapisauro.com/2013/01/30/sviste-ed-illusioni-nel-giudizio-su-sel-di-un-militante-ingroiano-allestero/

    Andrea Pisauro

    Coordinatore di Sinistra Ecologia e Libertà del Regno Unito

    Candidato alla Camera dei Deputati nella ripartizione Europa del collegio estero

    Mi piace

    Pubblicato da Andrea | 30/01/2013, 14:08
  2. Caro Andrea,

    ho raccontato cosa ho visto e cosa ho sentito e cio’ che ha pubblicato un quotidiano a grande diffusione.
    Libero di replicare e di mettere i puntini sulle i. Purtroppo le cose dette o fatte non si cambiano.

    Simone Rossi
    cittadino italiano

    Mi piace

    Pubblicato da Simone Rossi | 31/01/2013, 23:39
  3. Ribadisco, inoltre, che storicamente e’ fallimentare la strategia di fare da stampella e da facciata a Sinistra (a prescindere da contenuti e programmi) ad un partito che anno per anno ha rinnegato tutte le rivendicazioni dei lavoratori e delle classi medio-basse per divertirsi con le banche e sentirsi “alla pari” con i capitalisti. E’ la strategia seguita dal PdCI e dal PRC nelle due esperienze di governi di centrosinistra in Italia, senza altri risultati se non quella di passare per i guastafeste senza spostare di un centimetro il cuore delle politiche dell’esecutivo; riducendosi alla marginalita’. E’ una scelta che a suo tempo condivisi ma che alla luce dei fatti non porta da alcuna parte.
    Il PCF e Die Linke hanno pagato lo stesso prezzo, per la partecipazione al governo nazionale di Jospin e per le esperienze nei Land orientali della Germania.

    Mi piace

    Pubblicato da Simone Rossi | 31/01/2013, 23:47

Trackback/Pingback

  1. Pingback: Sviste ed illusioni nel giudizio su SEL di un militante ingroiano (all’estero) | Andrea Pisauro - 30/01/2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Annunci

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Segui assieme ad altri 1.544 follower

Blog Stats

  • 878.024 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

5 Maggio 2018: 200° KARL MARX

Karl Marx

I dieci giorni che sconvolsero il mondo

cambiailmondo2012@gmail.com

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: