Confessioni Audit Eterodossie Satire, CRISIS, Europa, Politica

Nuove monete parallele crescono….c’è l’ipotesi del G-Euro

di Massimo Demontis (Berlino)
Due valute per la Grecia, il Geuro e l’euro da usare parallelamente. È la soluzione alla crisi greca proposta da Thomas Mayer, direttore degli economisti della Deutsche Bank. La nuova moneta, a cui Mayer ha dato il nome di Geuro, servirebbe per i pagamenti interni e per quelli di “importazioni vitali”, si legge in una relazione del dipartimento Research della Deutsche Bank.

Punto di partenza del ragionamento di Mayer è la permanenza di Atene nell’Eurozona e l’assunto che questa non sia più possibile perché il paese non riesce a tradurre in atti concreti le riforme richieste da Bruxelles, dalla BCE e dal FMI a causa dell’instabilità politica creatasi dopo le ultime elezioni e per le previsioni di una eventuale vittoria di partiti contrari ai programmi di risparmio e di risanamento del deficit di bilancio.

A Bruxelles, in molti circoli finanziari e bancari, e soprattutto a Berlino, si teme che dalle prossime elezioni greche escano nuovamente vincenti i partiti contrari alle direttive EU sul risparmio e che si delinei la formazione di un governo contrario al consolidamento del bilancio e favorevole invece a un aumento della spesa pubblica in una fase recessiva.

Come è noto, l’Unione europea per bocca di alcuni politici, usando toni talora minacciosi, ha già fatto sapere a Atene che in tal caso saranno bloccati i trasferimenti degli aiuti del fondo Efsf. Una opzione piuttosto remota secondo la maggior parte degli economisti se si vuole evitare il caos in Europa, nota lo Spiegel online. Più probabile è che Atene abbia bisogno dell’aiuto dei paesi dell’Unione europea anche dopo una eventuale uscita dall’euro.

Nonostante le assicurazioni fornite dai capi di stato e di governo al G8 di Camp David di voler fare tutti gli sforzi possibili per mantenere la Grecia nell’area euro ed evitare il temuto effetto domino che potrebbe coinvolgere il Portogallo, la Spagna e l’Italia, cresce il numero degli scettici e di coloro che credono che alla fine Atene non ce la faccia e sia costretta a tornare alla dracma.

Per scongiurare una scenario che avrebbe effetti pesanti in tutta l’Eurozona, un primo segnale di quello che potrebbe succedere se dovessero prevalere comportamenti dettati dal panico lo si è avuto in questi giorni in Grecia con l’assalto agli sportelli bancari da parte dei risparmiatori, Mayer propone l’introduzione del Geuro come strumento finanziario che assuma il carattere di una valuta senza sostituire di colpo l’euro. Un passaggio più lento e parziale, e per questo secondo Mayer meno dannoso, di una uscita immediata di Atene dall’euro.

Il modello della Deutsche Bank prevede che il governo greco emetta obbligazioni per pagare i suoi debiti, obbligazioni che diventerebbero il nucleo della nuova valuta. Cambiavalute professionali dovrebbero cambiare queste obbligazioni-moneta con la vera valuta, l’euro.

Da usare per la gran parte dei pagamenti interni, tra i quali i pagamenti degli stipendi, il Geuro, secondo le dichiarazioni rilasciate da Mayer all’agenzia di stampa Dow Jones, subirebbe una forte svalutazione e avrebbe un rapporto di cambio di due geuro per ogni euro. Con un  vantaggio per la Grecia: i prezzi delle espertazioni greche diminuirebbero incentivando l’economia di Atene e rendendo il paese più competitivo nei mercati internazionali.

“Con il Geuro, dice Mayer, la Grecia potrebbe stare formalmente nell’Eurozona e contemporaneamente attuare quella svalutazione necessaria alla sua competitività internazionale. Inoltre potrebbe decidere da sola in futuro sull’emissione dei Geuro e se, e in quale arco di tempo, tornare a una moneta forte, stabile rispetto all’euro.

Spiegel online fa notare che la proposta di introdurre una valuta parallela all’euro non è del tutto nuova e che era già stata avanzata dagli economisti Bernd Lucke e Manfred Neumann. Lucke e Neumann avevano suggerito l’introduzione di una seconda valuta, la Nuova Dracma, con pari dignità rispetto all’euro, Un espediente che avrebbe due vantaggi per la Grecia: la banca centrale rimarrebbe parte del sistema-euro pur senza diritto di voto in politica monetaria e potrebbe concedere crediti a condizioni vantaggiose.

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

DOPO COVID-19

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Unisciti ad altri 1.710 follower

Blog Stats

  • 1.207.267 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 
 
 
 
 
 
 
 

cambiailmondo2012@gmail.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: