archivi

Ecuador

Questo tag è associato a 24 articoli.

ECUADOR. UNA RICOSTRUZIONE ANTROPOLOGICA DELLO SCIOPERO NAZIONALE DEL GIUGNO 2022

di Mattia Sandrini

Quito 02.07.22

Dopo 18 giorni di resistenza, termina in Ecuador uno sciopero nazionale organizzato dal movimento indigeno contro le politiche estrattiviste e le privatizzazioni dell’attuale governo in carica da un anno. Alle mobilitazioni hanno partecipato soprattutto abitanti delle zone rurali e periferiche del Paese, le più segnate da povertà e diseguaglianze socio-ambientali. Ad aggravare le già difficili condizioni di vita della maggioranza del popolo ecuadoriano sono state la violenta repressione delle forze dell’ordine e il complicato dialogo col governo. La mobilitazione popolare, o “paro nacional”, era stata convocata a tempo indeterminato dalla CONAIE (Confederazione delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador) il 13 giugno 2022, dopo mesi di inconcludenti dialoghi e negoziati col governo di destra del presidente Guillermo Lasso, banchiere e politico.

Unico obiettivo della CONAIE, e delle decine di organizzazioni nazionali a sostegno dei diritti dei lavoratori e delle nazionalità indigene, era la presa in carico da parte del governo di dieci punti fondamentali. Tra questi la riduzione dei prezzi del combustibile, la regolamentazione dei costi del settore agricolo e dei beni di prima necessità, la deroga dei decreti 95 e 151 che promuovono l’aumento dell’estrazione petrolifera e mineraria nei territori indigeni (nei quali risiede l’80% dei giacimenti nazionali), il rispetto dei ventuno diritti collettivi sanciti dalla Costituzione, uno stop alla privatizzazione di settori strategici come quello della salute e dell’educazione e, infine, misure di sicurezza che possano realmente contrastare i fenomeni di sicariato, delinquenza e narcotraffico che affettano il Paesei. I risultati di 18 giorni di scioperi e proteste, ratificati dall’accordo di pace firmato in data 30/06 tra governo nazionale, CONAIE e altre associazioni, consistono nella riduzione di 0,15 USD di Diésel, Extra ed Ecopaìs, nella deroga del decreto 95 assieme a una maggiore tutela giuridico-ambientale dei territori indigeni, nella dichiarazione di emergenza sanitaria col decreto 454 e nella prevenzione di speculazione sui prezzi dei prodotti di prima necessità col decreto 452ii. Il governo ha 90 giorni per concretizzare tali impegni e continuare il dialogo col movimento indigeno, pena, assicura la CONAIE, una ripresa dello sciopero.

Per comprendere le ragioni che stanno dietro ad uno sciopero nazionale tanto partecipato e protratto nel tempo bisogna tenere a mente alcuni dati dell’INEC (Istituto Nazionale Statistica e Censo dell’Ecuador) riportati dai manifesti appesi in queste settimane per le strade di Quito. In Ecuador “il 32% della popolazione (quasi 5 milioni di persone) vive con meno di 2,80 dollari al giorno”iii. “Il 27% dei bambini minori di due anni soffre di denutrizione cronica”iv. “Tre famiglie su dieci non arrivano a coprire la canasta basica”, ovvero la spesa minima per viverev. Se in Ecuador il salario minimo corrisponde a 425 USD circa, infatti, la canasta basica ammonta a 729 USD. Rispetto all’attuale condizione del Paese,

il governo nega ogni responsabilità. Un fatto ben noto a molti ecuadoriani ed ecuadoriane è che, appena eletto, “il presidente non sapeva quanto costasse un litro di latte”vi. Non sapere quanto costino i beni di prima necessità è un privilegio che spesso si dà per scontato. Lasso, informano i manifesti, “appartiene allo 0,1% più ricco della popolazione mondiale, con un capitale di 39,9 milioni di dollari, mentre la povertà nelle aree rurali dell’Ecuador raggiunge il 42,4%”vii.

Se all’inizio del mandato Lasso godeva di un consenso del 75%, ora l’opposizione popolare nei suoi confronti si aggira attorno all’85%. Giusto il 28/06 l’Assemblea Nazionale ecuadoriana aveva votato la sua destituzione per inadempimento del mandato, grave crisi politica e commozione interna, mancando tuttavia di 12 voti la quota necessaria per attuarlaviii. Questo strumento legale, applicabile solo a un anno dall’inizio del mandato, è garantito dagli articoli 111, 130, 148 della Costituzioneix. Non è un caso dunque che lo sciopero sia stato convocato le scorse settimane e che raccogliesse i malcontenti di una grande fetta del popolo ecuadoriano. Nell’ultimo anno il presidente ha dato la priorità a finanziare grandi imprese e banche in linea agli accordi stipulati con l’FMI (Fondo Monetario Internazionale), a discapito di politiche pubbliche e socialix. Nel primo trimestre 2022 si è registrato il minore investimento pubblico nella storia della Repubblica dell’Ecuador, pari all’82% in meno rispetto al primo trimestre 2021xi. Sono però le classi sociali meno abbienti ad essere le più colpite dalle misure neoliberiste e dall’aumento dei prezzi nel contesto del Covid-19 e del conflitto russo-ucraino.

Le difficoltà che sta attraversando il Paese tuttavia non sono solo di carattere economico. Quella ecuadoriana è una crisi strutturale che coinvolge anche la sanità, l’educazione, la sicurezza sociale e la giustizia ambientale. Nonostante la sanità in Ecuador non sia gratuita (prevede infatti una tassazione mensile), gli ospedali mancano di farmaci e strutture adattexii. Questo costringe gli ecuadoriani a rivolgersi ad enti e istituti privati, ma solo nel caso in cui possano permetterselo. L’istruzione, specie nelle aree rurali del Paese, è generalmente poco accessibile o di scarsa qualità rispetto agli standard internazionalixiii. Con la pandemia, in particolare, milioni di studenti si sono ritrovati sprovvisti di strumenti idonei alla didattica a distanza. Sulla criminalità, quasi ogni giorno i telegiornali riportano episodi di sicariato e delinquenza legati al narcotraffico o alla crisi carcerariaxiv. A tutto ciò fa da sfondo il razzismo culturale, interiorizzato e di tradizione secolare nei confronti di popolazioni indigene e afrodiscendenti, in un Paese dichiarato “plurinazionale” dalla Costituzione del 2008. Il tema ambientale dell’estrattivismo e della deforestazione, infine, è tutt’altro che secondario in una delle nazioni col più alto tasso di biodiversità del pianeta. Sono le popolazioni indigene a tutelare e difendere gli ecosistemi ecuadoriani, tanto nelle regioni andine quanto in quelle amazzoniche. L’articolo 71 della Costituzione afferma: “La natura, o Pachamama, dove si riproduce e si realizza la vita, ha diritto al rispetto integrale della sua esistenza e al mantenimento e alla rigenerazione dei suoi cicli vitali, delle sue strutture, delle sue funzioni e dei suoi processi evolutivi. Ogni persona, comunità, popolo o nazionalità potrà pretendere dall’autorità pubblica l’osservanza dei diritti della natura”. Nonostante ciò il modello estrattivista e neoliberista promosso dal governo procede nella direzione opposta, generando attivamente ingiustizie socio-ambientali e finanziando direttamente il cambiamento climatico. Un modello di sviluppo e civilizzazione tutto incentrato sul capitale a discapito di salute, diritti e biodiversità non può garantire nel lungo termine un futuro alle generazioni che verranno. Questo è quanto denuncia la mobilitazione indigena con il motto “La radice è corrotta”.

In queste settimane il paro ha preso la forma di blocchi stradali in tutte le provincie del Paese, paralizzando trasporti umani e agricoli tanto nelle aree rurali quanto in quelle urbane. Questo ha comportato la carenza di alcuni prodotti negli scaffali di botteghe e supermercati e un generale aumento dei prezzi. Contestualmente, il paro ha assunto anche la forma di scioperi coordinati da parte di commercianti, tassisti, contadini, pescatori, studenti, professori, personale pubblico, nazionalità afrodiscendenti e indigene. Alle proteste hanno partecipato famiglie, bambini, giovani, donne incinte e anziani.

Nonostante ciò le forze dell’ordine, attraverso l’“uso progressivo della forza”, hanno disperso e represso i manifestanti con manganelli, bombe a gas lacrimogeno e, a partire dal 24/06, armi letalixv. Numerosi sono i filmati di corpi feriti, mutilati o uccisi che testimoniano una violenza da parte della polizia nazionale ingiustificata e illegittima. Si contano centinaia tra detenuti, torturati, minacciati e dispersi. Attualmente l’Alleanza per i diritti umani parla di 104 eventi di brutalità statale e 68 violazioni di diritti umani nei confronti di cittadini e cittadine incapaci di difendersi né di confrontarsi con i politici e con la leggexvi. In data 24/06 il presidente aveva esplicitamente dichiarato: “Se in questa battaglia per la sicurezza ci sono dei caduti, che siano della fazione opposta e non della nostra”xvii. Ci si chiede quanto sia accettabile, ancor prima che legittimo, che un presidente democraticamente eletto rilasci tali dichiarazioni e intimi questo tipo di violenza.

Ciò che più ha indignato il popolo ecuadoriano però è stata la macchina di criminalizzazione della lotta messa in moto dal governo Lasso, laddove la maggioranza dei manifestanti si è espressa con il diritto, con l’arte, con la musica, con la presenza. Centinaia di famiglie indigene hanno lasciato le proprie comunità in canoa e furgoni o camminando per giorni in direzione di Quito, “armate” di bandiere e abiti tradizionali per chiedere una vita più degna per tutti e tutte. Quito però le ha accolte con razzismo e repressione, come se la città non appartenesse anche a loro e come se loro non la meritassero.

In Ecuador la protesta è un diritto costituzionale sancito dall’articolo 66.13, il quale riconosce il “diritto ad associarsi, riunirsi e manifestare in forma libera e volontaria” e dall’articolo 98, secondo cui “individui e collettività potranno esercitare il diritto alla resistenza davanti ad azioni o omissione del potere pubblico […] che vulnerano o possano vulnerare i loro diritti costituzionali”. Dal giorno uno dello sciopero, i media nazionali e il governo ecuadoriano non solo non hanno riconosciuto la legittimità della protesta sociale e delle dieci richieste, ma anche hanno attivamente generalizzato e criminalizzato una lotta per la giustizia socio-ambientale in realtà complessa, vasta ed eterogenea.

Questo processo di delegittimazione è passato attraverso molteplici canali, azioni e soggettività. Nel secondo giorno di sciopero (14/06) il leader indigeno e presidente della CONAIE Leonidas Iza è stato arrestato e detenuto illegalmente dalle forze dell’ordine per circa 24 orexviii. Nel sesto giorno di sciopero (18/06), con il decreto 455, Lasso ha proclamato in alcune provincie del Paese lo “stato d’eccezione” col quale sospendeva il diritto alla inviolabilità di domicilio, alla libera comunicazione e alla libera associazione rendendo la mobilitazione, di fatto, illegalexix. Nel settimo giorno di sciopero (19/06) la polizia di Quito ha occupato e militarizzato la Casa delle Culture dell’Ecuador (CCE), area di pace per i manifestanti arrivati da tutto il Paese, col pretesto di ricercare possibili armi trovando tuttavia solo libri e artexx. L’ultima volta che la CCE aveva subito un intervento della polizia era stata durante la dittatura nel 1963. La sera dell’ottavo giorno di sciopero (21/06), sempre la polizia nazionale, ha lanciato bombe lacrimogene all’interno dell’Università centrale di Quito, centro di accoglienza umanitario dove si stavano rifugiando centinaia di manifestanti, tra cui bambini, donne e anzianixxi. Contestualmente si sono registrati i primi decessi tra i manifestanti, tutti in circostanze da provare di fronte alla legge. I loro corpi esanimi (ufficialmente sei) tutt’ora sono terreno di negoziazione e polarizzazione dell’opinione pubblica tra coloro che sostengono o che negano la colpevolezza delle forze dell’ordine. L’Alleanza internazionale per i diritti umani, comunque, fin dal primo giorno ha denunciato questi atti impuniti chiedendo al governo un cessate il fuoco immediato.

La colpevolizzazione e criminalizzazione dei manifestanti, oltre che per i fatti, è passata soprattutto attraverso le parole. In primo luogo quelle del presidente Lasso che, nei suoi discorsi alla Nazione, ha parlato di manifestanti violenti e infiltrati, vandali e criminali intenzionati a disturbare l’ordine pubblico e ad attentare alla pace e alla democrazia del Paese. Ha parlato però anche di comunità indigene “attirate a Quito con l’inganno” da un leader, Leonidas Iza, che farebbe solo “il proprio interesse personale”xxii. Fino all’ultimo giorno di sciopero il governo non si è dimostrato in grado di accogliere le richieste della CONAIE perché incapace di ascoltare e di comprendere i fenomeni di povertà, fame e diseguaglianze iscritti nei corpi e nelle vite del popolo ecuadoriano.

Oltretutto, in un contesto tanto complesso dove rivendicazioni, bisogni sociali e interessi differenti si incontrano e scontrano, generalizzare significa discriminare e stigmatizzare. Uno sciopero nazionale non è altro che il risultato di un lungo processo di diseguaglianze, malcontenti e ingiustizie socio-ambientali. Non si dà dal giorno alla notte. Lasso ha personificato un nemico quando nelle strade e nelle piazze dell’Ecuador ci sono migliaia di persone con nomi differenti che chiedono una vita degna, perché i diritti sociali, ambientali e culturali sanciti dalla Costituzione non rimangano sulla carta. Sono le parole a definire la verità, legittimandola o delegittimandola. Anche i muri di Quito sono testimoni di questa battaglia di attribuzione, c9on scritte in antitesi tra loro come “Conaie terrorista” e “Fuori Lasso”, “Quito non si distrugge” e “Viva il paro”. Quella dei manifestanti però è una lotta di fatti e non di opinioni.

In questo contesto polarizzato ciò che è risultato più urgente è stato un dialogo che realmente rispondesse ai bisogni sociali della cittadinanza.

Paradossalmente gli scontri e le opposizioni erano scaturiti dall’assenza di dialogo e allo stesso tempo orientati a costruirlo. Nelle prime due settimane di sciopero nazionale, il governo ecuadoriano si era dichiarato aperto all’incontro. In data 28/06 si è tenuto il primo colloquio formale tra esponenti del governo e del movimento indigeno, senza però altri appuntamenti futuri. Terminato l’incontro, infatti, il presidente Lasso aveva affermato: “non torneremo a sederci per dialogare con Leonidas Iza che difende solo il suo interesse politico e non quello delle sue basi, […] che gioca con la salute e la vita degli ecuadoriani”xxiii. Con questo avviso il dichiarato governo dell’incontro e della pace di Lasso non solo rifiutava di confrontarsi col nemico che esso stesso aveva creato, ma con l’intero movimento indigeno e la popolazione in resistenza. Un’incomunicabilità strutturale, quella tra le due parti, nella misura in cui un qualsiasi leader, nell’orizzonte culturale indigeno, non è concepibile in termini individuali. Un leader è rappresentante e voce della collettività e non una figura singola politicamente autonoma. Piuttosto egli attivamente partecipa di processi decisionali condivisi e decentralizzati. Il caso ecuadoriano rivela in questo la sua peculiarità. A scontrarsi infatti non solo sono le rivendicazioni delle parti, ma anche due ordinamenti giuridico-politici difficilmente conciliabili: da un lato la democrazia rappresentativa dello Stato ecuadoriano che reprime il dissenso con la violenza; dall’altro la democrazia partecipativa delle popolazioni indigene orientata al bene comune (anche chiamato “buen vivir”) e al rispetto dei cicli di rigenerazione della Terra. In altre parole le parti faticano a dialogare perché ragionano entro differenti sistemi di pensiero e linguaggio.

Per il momento il paro è terminato. Le popolazioni indigene festeggiano e tornano alle loro comunità, le strade sono nuovamente aperte e gli studenti tornano a scuola. Gli accordi di pace firmati tra le organizzazioni sociali e il governo di Lasso sembrano suggerire un’apertura alle ragioni altrui e la volontà politica di operare un cambiamento nelle condizioni materiali ed esistenziali del popolo ecuadoriano. La lotta tuttavia continua, così come il lavoro dei movimenti per la giustizia socio-ambientale nel garantire, sempre, l’esercizio dei diritti sanciti dalla Costituzione.

FONTE: https://www.pressenza.com/it/author/redazione-italia/

i https://conaie.org/2022/06/20/demandas-de-la-movilizacion-nacional-popular-y-plurinacional/.

ii https://www.primicias.ec/primicias-tv/politica/acuerdos-pusieron-fin-paro-nacional-ecuador/.

iii https://www.primicias.ec/noticias/economia/ecuatorianos-poblacion-condicion-vida-pobreza-estadistica/.

ivhttps://www.unicef.org/ecuador/desnutrici%C3%B3n#:~:text=En%20Ecuador%2C%2027%25%20de%20ni%C3%B1os,mayores%20%C3%ADndices%20despu%C3%A9s%20de%20Guatemala.

v https://www.opendemocracy.net/es/ecuador-paro-dialogo/.

vi https://www.youtube.com/watch?v=HBn9aDxALME.

vii https://wambra.ec/lasso-presidente-del-01-por-ciento/.

viii https://www.dw.com/es/congreso-de-ecuador-niega-pedido-de-destituci%C3%B3n-de-guillermo-lasso/a-62297038.

ix https://www.oas.org/juridico/pdfs/mesicic4_ecu_const.pdf.

x https://rebelion.org/lasso-y-el-fmi-cronica-de-una-muerte-anunciada/.

xi https://www.pichinchacomunicaciones.com.ec/inversion-publica-ecuador-gasto-en-primer-trimestre-apenas-llega-al-37-de-lo-presupuestado-para-el-2022/.

xii https://www.eluniverso.com/opinion/cartas-al-director/salud-en-ecuador-nota/.

xiii https://www.bbc.com/mundo/noticias-america-latina-61926354.

xiv https://www.swissinfo.ch/spa/ecuador-tortura_ai-incluye-la-crisis-carcelaria-de-ecuador-en-su-dossier-de-torturas-de-2021/47701794.

xv https://www.eluniverso.com/noticias/politica/recurrir-al-uso-progresivo-de-la-fuerza-para-establecer-el-orden-es-un-mecanismo-legitimo-senalan-expertos-nota/.

xvi https://surkuna.org/wp-content/uploads/2022/06/INFORME-PRELIMINAR-VIOLACIO%CC%81N-DE-DDHH-EN-ECUADOR-EN-EL-MARCO-DEL-PARO-NACIONAL-2022.pdf.

xvii https://www.facebook.com/watch/?v=686990169070283.

xviii https://www.primicias.ec/noticias/lo-ultimo/policia-detuvo-leonidas-iza-paro-nacional/.

xix https://www.primicias.ec/noticias/politica/presidente-medidas-paro-nacional-conaie/.

xx https://www.telesurtv.net/news/ecuador-policia-nacional-toma-casa-cultura-quito-20220619-0035.html.

xxi https://www.eluniverso.com/noticias/politica/paro-nacional-policia-disparo-gas-lacrimogeno-a-la-universidad-central-nota/.

xxii https://gk.city/2022/06/24/lasso-discurso-pide-manifestantes-regresar-comunidades-iza-perdio-control-infiltrados/.

xxiii https://www.ecuadorenvivo.com/index.php/politica/item/145206-presidente-lasso-se-pronuncia-sobre-dialogos-con-la-conaie.

Elezioni in Ecuador: emergono gli indigeni.

Alle presidenziali si profila un ballottaggio fra il candidato correista Arauz e l’indigeno Yaku Perez. Alle legislative avanza Pachakutik espressione della Conaie

Domenica 7 febbraio in Ecuador si sono svolte sia le elezioni Presidenziali sia le parlamentari per il rinnovo dell’Assemblea Nazionale, oltre a quelle per l’elezione dei 5 membri del parlamento indigeno, in un clima di grande attesa e partecipazione. In base ai dati ufficiali trasmessi dal Cne (Consiglio Nazionale Elettorale) dell’Ecuador, come previsto l’affluenza è risultata molto elevata, ben 81,24%, a testimonianza della percezione dell’importanza di questa doppia tornata elettorale, soprattutto per le presidenziali. Continua a leggere

Le complicate relazioni Stati Uniti – America Latina e Caraibi: dal sentimento antistatunitense alle organizzazioni anti-egemoniche

di Alessandro Fanetti

Adesso l’America è, per il mondo, nient’altro che gli Stati Uniti: noi abitiamo in una sub-America, un’America di seconda classe, difficile da identificare. È l’America Latina, la regione delle vene aperte.

Eduardo Galeano

Il continente americano è, oramai da secoli, una fedele rappresentazione delle disuguaglianze esistenti nel mondo. Contributo fondamentale a tale situazione viene offerto dalla contemporanea esistenza di “due mondi” opposti:

  • l’ “opulenza” statunitense

  • lo sfruttamento subito dall’area a sud del Rio Bravo

Continua a leggere

Libertà per Jorge Glas (ex vice presidente dell’Ecuador). Il 21 novembre iniziativa a Roma

Libertà per Jorge Glas (ex vice presidente dell’Ecuador). Il 21 novembre iniziativa a Roma

INCONTRO CON NORMA SPINEL, madre di Jorge Glas (ex-Vicepresidente della Repubblica dell’Ecuador)

21 novembre, ore 18

Sala Bianca, Via Flaminia 53, Roma

INTERVENGONO Gabriel Caisaletin (Rappresentante della Comunità Ecuadoregna residenti in Italia) Geraldina Colotti (Giornalista, esperta di America Latina) Federica Zaccagnini (Amici della Revolución Ciudadana) Michela Arricale (Giuristi Democratici) Maurizio Acerbo (PRC – Sinistra Europea) MODERA: Giorgio Ceriani Continua a leggere

Ecuador: le radici della sollevazione amerindia contro Lenin Moreno

di Andrea Vento

La sollevazione popolare scoppiata il 3 ottobre in Ecuador a seguito dell’approvazione da parte del presidente Lenin Moreno del Paquetazo, il pacchetto di misure economiche daraconiane imposto dal Fmi a seguito della concessione nel marzo scorso di un prestito di 4,2 miliardi di dollari, rappresentano l’inevitabile conclusione di un percorso iniziato negli anni precedenti. Dopo 10 anni di presidenza di Rafael Correa, venne individuato dal partito di sinistra, Alianza Pais, proprio Lenin Moreno come suo successore con l’onere di proseguire la “revoluciòn ciudadana“, inaugurata dallo stesso Correa oltre un decennio prima. Continua a leggere

IL PAESAGGIO SUDAMERICANO DURANTE LA TORMENTA

di Rodrigo Rivas

Scrivere sulla situazione latinoamericana oggi cercando di evitare luoghi comuni e diffusi fideismi non è semplice. Comunque ci provo, pur sapendo che il punto di partenza e l’analisi sono sempre discutibili.

Due chiarimenti metodologici:

    • l’analisi congiunturale ha sempre una valenza breve. In questo caso l’ottobre 2019;
    • salvo cenno diverso, queste osservazioni si limitano al Sudamerica. Rimando il Messico e l’America centrale e caraibica, le cui dinamiche coincidono solo occasionalmente, ad un’altra occasione.

Continua a leggere

Fmi e austerity, stavolta tocca all’Ecuador

Il Fondo monetario ripropone la stessa ricetta che ha messo in ginocchio la Grecia, l’Argentina e altri paesi in cambio di un prestito da 4,2 miliardi di dollari. Il sindacato mondiale avverte: l’obiettivo è tagliare il settore pubblico

Continua a leggere

Assange / Ecuador: Il tradimento di Lenin Moreno

di Andrea Puccio (da Cuba)

Il Presidente ecuadoriano Lenin Moreno ha revocato il diritto di asilo politico al giornalista Julian Assange che dal 2012 risiedeva presso l’ambasciata dell’Ecuador a Londra. Questo gravissimo atto che viola tutte le regole del diritto internazionale perché non è stata fatta nessuna indagine ha permesso alla polizia, con il consenso del governo di Moreno, di entrare nell’ambasciata e arrestare Assange. Il fatto è grave perché anche revocando l’asilo politi ad un cittadino che gode della protezione di quel paese la polizia non può entrare in un’ambasciata per arrestare una persona, l’ambasciata è riconosciuta territorio della nazione e la polizia non ha giurisdizione. Per procedere all’arresto occorre il consenso del personale diplomatico, evidentemente ricevuto dal governo ecuadoriano visto che Assange è stato condotto fuori dall’ambasciata e montato sul furgone della polizia con la forza spingendolo e strattonandolo. Il governo ha invece cercato di far ingoiare la pillola dicendo che sarebbe uscito volontariamente. Continua a leggere

Ecuador e Lenin Moreno: dalla padella alla brace

In Ecuador, dal 2007 la “Rivoluzione cittadina” guidata dall’economista  Rafael Correa aveva iniziato a trasformare la società con i valori di uguaglianza, equità,  ridistribuzione della ricchezza e giustizia sociale. E’ stato il processo progressista con più successi dell’Ecuador in tutta la sua storia repubblicana, un processo che ha ottenuto 14 vittorie elettorali in 10 anni. Continua a leggere

Chiuso per fallimento (e lutto). Il “laboratorio” politico latinoamericano quindici anni dopo

9/12/07 Salon Blanco: Banco del Sur.

Pubblichiamo questa impietosa analisi di Daniele Benzi (da sinistrainrete.info), auspicando una discussione aperta sull’America Latina (e non solo).

di Daniele Benzi 1

Defeat is a hard experience to master: the temptation is always to sublimate it.
Perry Anderson, Spectrum

La vittoria elettorale di un fascista nel più grande e popoloso paese dell’America latina, un ex capitano omofobo, sessista e razzista, appoggiato dall’esercito, dalle chiese evangeliche, dai proprietari terrieri e adesso anche dal capitale finanziario, che ha già ricevuto quasi 50 milioni di voti al primo turno, sarebbe un ulteriore passo verso l’abisso in Brasile.

La trasfigurazione di un mai ben chiarito “socialismo del XXI secolo” in una cleptocrazia pretoriana in Venezuela, paese ormai sull’orlo del collasso e che rischia seriamente un’invasione e/o una guerra civile qualora certe trame geopolitiche, sociali o finanziarie fuori controllo del governo la rendessero conveniente (o necessaria), è una tragedia per chi ha accompagnato, criticamente, l’evoluzione del processo bolivariano. Continua a leggere

E-book: “Il continente americano. L’America Latina”, di Andrea Vento, Giga Autoproduzioni, 2017

Recensione di Serena Campani

Il continente americano. L’America Latina, Andrea Vento, Giga Autoproduzioni, 2017, pp 36, contributo libero.

Il continente americano. L’America Latina è un opuscoletto di 36 pagine, realizzato dal Prof. Andrea Vento, docente di Geografia Economica a Pisa presso L’Istituto Tecnico Commerciale A. Pacinotti. Continua a leggere

America Latina: un futuro incerto fra crisi dei governi progressisti e nuove strategie golpiste

di Andrea Vento (estratto dalla pubblicazione “L’America Latina”)

Pubblichiamo l’interessante saggio di Andrea Vento parte di un lavoro più ampio che presentiamo integralmente in home page, molto utile per un quadro storico e attuale della situazione latino americana. (Copertina QUI) (Testo integrale QUI) Continua a leggere

Rafael Correa: “La cosa peggiore dell’America Latina è la sua borghesia”. L’oligarchia venezuelana è la peggiore.

Rafael Correa in un’intervista a Ryan Dube, del Wall Street Journal, risponde sull’America Latina, sull’ Ecuador e sul Venezuela: “Lo peor que tiene America Latina es su burguesía ignorante, entreguista, esnobista y antidemocratica”. (La cosa peggiore dell’america latina è la sua borghesia,  ignorante, mediocre, subalterna e snobista, violenta e antidemocratica. (…) L’oligarchia venezuelana (…) in confronto, quella ecuadoriana è un gruppo di carmelitani scalzi). Continua a leggere

Ecuador: vince la speranza

di Marco Consolo

Il ballottaggio elettorale in Ecuador dello scorso 2 aprile, ha segnato la vittoria del binomio progressista Lenin Moreno – Jorge Glas (51,15 %) di Alianza País, sul rappresentante della destra cavernicola del banchiere Guillermo Lasso (48,85 %) della lista Creo – Suma, con uno stretto margine del 2,3 %. Continua a leggere

Ecuador: Lenin Moreno è Presidente – Sconfitto il Banchiere

La “Revoluciòn Ciudadana” iniziata dieci anni fa con la presidenza di Rafael Correa continuerà il suo  corso. Il movimento bolivariano internazionale ha conservato uno dei suoi bastioni più solidi, respingendo le manovre sinuose dell’arroganza neoliberista che -sia dall’interno che dall’esterno del Paese sudamericano- fa ricorso  alle consuete manovre illecite ed eterodosse. Continua a leggere

Rafael Correa lancia l’allarme: «Un nuovo Plan Cóndor contro i governi progressisti»

rafael correaIl ‘Plan Cóndor’ fu un’operazione che prevedeva il coordinamento tra le azioni delle dittature di destra in vari paesi del Sudamerica (Argentina, Cile, Ecuador, Paraguay, Uruguay, Bolivia e Perù) negli anni 70′ e 80′, con il coinvolgimento degli immancabili Stati Uniti d’America

Attraverso un nuovo ‘Plan Cóndor’ si vuole destabilizzare la regione e rovesciare i governi progressisti che hanno avuto l’ardire di ribellarsi e liberarsi dalle nefaste politiche neoliberiste imposte dai cani da guardia del capitale internazionale.

Questa la denuncia del presidente ecuadoriano Rafael Correa. «Attualmente non vi è più bisogno di dittature militari – accusa Correa – ma di giudici sottomessi».

Continua a leggere

America Latina: Piano Condor attivo fino al 1997

pinochet-675di Laura Margottini (da Il Fatto Quotidiano del 28-9-15)

Documento riscrive la storia della repressione anticomunista in Sudamerica – Al processo di Roma contro i presunti torturatori di una ventina di italiani, l’avvocato Martin Almada mostra una lettera in cui due militari si scambiano informazioni sulla “situazione sovversiva” in America Latina. Finora si era ritenuto che il famigerato progetto di collaborazione fra le dittature latinoamericane – supportato dalla Cia e costato 40mila morti – fosse terminato negli anni Ottanta Continua a leggere

Se 25 anni vi sembran pochi… Il Foro di San Paolo festeggia il quarto di secolo a Città del Messico

forosaupaulo-2015di Marco Consolo (Città del Messico)

Agli inizi di Agosto si è riunito a Città del Messico il Foro di Sao Paulo, il consesso della sinistra latino-americana nelle sue ampie sfumature. Molta acqua è passata sotto i ponti da quando nel 1990 in Brasile uno sparuto gruppo di partiti e movimenti diede vita a questo importante consesso. In tutto il continente c’era solo un partito di sinistra al governo (e al potere), il Partito Comunista di Cuba. Oggi, 25 anni dopo, in più di 10 paesi sono al governo i partiti che ne fanno parte. Continua a leggere

Panama, Cuba e l’America: sulla Cumbre de Las Américas

Panamadi Carlo Lambiase (l’Avana, 12.04.2015)
La settima Cumbre de Las Américas è appena finita e Panama ritorna alla sua vita quotidiana. I grandi scheletri urbani restano in attesa di un completamento edilizio che forse arriverà quando la crisi economica passerà e quindi il raddoppio del canale sarà completato e i biglietti verdi ritorneranno a circolare in abbondanza tra i casinò e tra i mille traffici che qui erano di casa fino a qualche anno fa. Continua a leggere

UNASUR: Correa: «L’America latina del XXI secolo è libera, altera e sovrana». Gli interventi dei presidenti di Ecuador, Uruguay, Venezuela, Argentina, e delle delegazioni di Brasile, Cile, Colombia, Perù.

unasurVENEZUELA E NICARAGUA OFFRONO ASILO A Edward Snowden. Secondo il Presidente dell’Ecuador è impossibile non ricordare Hugo Chavez. Se ciò che è stato fatto contro Morales, fosse accaduto a qualche paese imperialista, questo sarebbe stato motivo di azioni belliche. Correa considera assolutamente irrilevante se sull’aereo presidenziale boliviano ci fosse stato o meno Edward Snowden, Evo ha tutto il diritto di trasportare chi crede sul proprio aereo senza che questo sia motivo azioni del tipo intraprese da Spagna, Francia, Portogallo e Italia. Continua a leggere

Elezioni in Ecuador: Trionfa Correa sul banchiere dell’Opus Dei

Rafael Correa ha stravinto, al primo turno e si assicura anche la maggioranza dei deputati. Il suo avversario è stato doppiato, e gli altri candidati sono rimasti ai blocchi di partenza. Per varie ragioni, è stata molto di più di una cronaca annunciata. In primo luogo per l’abbondanza del raccolto di consensi: ha fieno in cascina per accelerare il processo di cambiamento intrapreso. Poi perchè l’avversario bocciato è un banchiere dell’Opus Dei. Continua a leggere

UNASUR: Regno Unito, giù le mani dall’Ecuador

Internazionalizzato il contenzioso con Londra – Caporetto diplomatica del Foreign Office 
di Tito Pulsinelli (Caracas) – Riuniti con urgenza a Gayaquil (Ecuador), i ministri degli esteri dei 12 Paesi del blocco sudamericano UNASUR (Argentina, Bolivia, Brasile, Cile, Colombia, Guyana, Ecuador, Uruguay, Paraguay, Perú, Surinam y Venezuela) si sono schierati a fianco dell’Ecuador, oggetto d’una “minaccia di attacco alla missione diplomatica” di Londra. Hanno ribadito il diritto sovrano degli Stati a concedere asilo. La diplomazia sudamericana è compatta contro la tracotante uscita di William Hague, che in poche ore si è dtrasformata in un boomerang. Continua a leggere

Regno Unito: Pinochet libero, Assange no

Nel 2000 diedero salvacondotto al dittatore Pinochet – Hacker più pericoloso d’un dittatore? 
di Tito Pulsinelli (Caracas)
I raffinati british non vogliono rilasciare a Julian Assange quel salvacondotto che concessero nell’anno 2000 -con molta generosità e servilismo- al dittatore cileno Augusto Pinochet. Per loro, evidentemente, un hacker è più pericoloso d’un golpista colpevole di violazione all’ingrosso dei diritti umani. E’ più criminale chi diffonde e fa conoscere le mail segrete e le mene oscure dei diplomatici USA, che organizzare l’eliminazione fisica sistematica di oppositori politici. Continua a leggere

Paraguay: Eseguito il golpe “creativo” contro Fernando Lugo

di Tito Pulsinelli (Caracas)
Argentina, Venezuela, Ecuador e Bolivia non riconoscono il nuovo   governo – Brasile chiede l’espulsione dall’Unasur e dal Mercato comune del sud (Mercosur)
A trenta ore dall’accusa mossagli dal senato, Fernando Lugo è stato destituito, ed il suo posto a capo del Paraguay è stato affidato al suo vice. Trenta ore in cui il senato ha formulato  le acuse, ha stilato un regolamento per il giudizio, per il dibattito processuale e per la condanna. Un’ora di tempo  è stata riservata alla difesa di quel che ora è un ex presidente. Continua a leggere

DOPO COVID-19

Sostieni CAMBIAILMONDO

Dai un contributo (anche piccolo !) a CAMBIAILMONDO

Per donare vai su www.filef.info e clicca sull'icona "DONATE" nella colonna a destra in alto. La pagina Paypal è: filefit@gmail.com

Inserisci la tua e-mail e clicca sul pulsante Cambiailmondo per ricevere le news

Unisciti ad altri 1.759 follower

Blog Stats

  • 1.287.754 hits

ARCHIVIO

LINK consigliati

 

RSS Feed sconosciuto

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

cambiailmondo2012@gmail.com